Natuccio Cinquino, Poi sono stato – convitato – a corte

Poi sono stato – convitato – a corte
da quei che port’è – di chiarir errore,
e ha mostrato – per suo dittato – forte
ch’entr’a le porte – tene lui l’angore;
ed è peccato – ch’è dannato – in torte,
si che isport’è – d’onni gran tristore.
Piò se’ pregiato, – e maggior grato – e sorte,
e più onor t’è – con vero sprendore.
Da gradire – è chi ‘n dire – fassi clero,
ed a l’altero – sommo umilianza
con pietanza – magna ver’ lui chede,
che ‘l faccia gire – ov’è piacire – intero;
possa lumero – con tutta bastanza
ed allegranza – somma tosto vede.
Comporto – a torto – lo dolore che ho
da possa veo – al mondo nulla dura,
dunque rancura – non deggio portar eo.