Neri Poponi, Poi l’Amor vuol ch’io dica

Poi l’Amor vuol ch’io dica
quanto d’onor m’à fatto
più ch’io non ò servito,
no ‘l vo’ celare mica,
poi ch’io mi credo matto
donar ciascun partito
a chi contra vuol díre
c’Amor senza servire
non facc[i]a altrui gioioso.
E s’alcun v’à tormento
e non vuol fallimento
fare, istea amoroso.
C’Amore à segnoria
tal che ciascun no ‘l penza,
di donar gioie e pene;
e chi lo contraria
o ver lui move intenza,
ispesso lo convene
d’affanno far diporto,
Sì che pegio è che morto
qual non è soferente.
Chi di pena e di noia
vuol pervenire in gioia
sia tut[t]ora ubidente.
Ubidir vince forza,
e l’agechir servendo
fa l’orgoglio bassare,
e di tal guisa amorza
la lor vertù afondendo,
che in sù non pò tornare.
Ed io per ubidenza
son montato in valenza
di ciò c’ò disïato
isperando, c’Amore
mi n’à fat[t]o segnore,
poi ch’io no gli ò fallato,
Fallir non vo’ neiente
a l’Amor, ma star servo
al suo comandamento
a tut[t]o il mio vivente;
ma di bon core aservo
il vostro piagimento,
gentil mia donna, meglio
che l’asessino al Veglio,
che si mette a la morte
per lui ubidire, e crede
ch’è dio per sua fede;
di voi spero io più forte.
Sì forte mio dio siete
che d’altro paradiso
già mai non metto cura;
ovrana mi parete,
quando voi miro in viso,
d’ogn’altra criatura.
Co l’altere fat[t]eze
portate più adorneze,
che non è meraviglia
se la gente vi sguarda;
ma che ciascun no imbarda,
poi maestà somiglia.