Olindo Guerrini (Argia Sbolenfi) – La battaglia di Sadova

S’ode a destra tirar per la valle,
A sinistra si tira lo stesso;
D’ambo i lati si vedon le palle
Da pistole montate scoppiar.
Lunghi e grossi ch’è un gusto guardarli
Sono i pezzi che scarican spesso,
E se alcuno provasse a tastarli
Sentirebbe la mano a scottar.

  Colle gambe per aria da un lato,
Colle gambe per aria dall’altro,
Cade a terra il meschino soldato
Che l’amante al paese lasciò.
Fieramente si drizza l’ardito,
Cautamente si china lo scaltro,
E ciascun ha un enorme prurito
Di pigliar meno botte che può.

  Da una parte si sente un comando,
Una bomba dall’altro si sente;
Gli ufficiali che impugnano il brando
In un lampo si vedon venir.
C’è chi un membro sul campo ha perduto
E rimane per sempre impotente:
C’è chi morto in un fosso è caduto,
Nè più mai gli fia dato d’uscir.

  Finalmente Bismarck grida in fretta:
«Abbiam vinto!»—ed un’eco risponde!
Va pur là, Cancelliere polpetta,
Anche questa la devi pagar!
Assassini! Ed intanto arrabbiate
Ardon mille ragazze infeconde!
Assassini! Se i maschi ammazzate,
Noi dovremo i somari sposar!

Lascia un commento