Olindo Guerrini – Questa notte allungai la passeggiata

Questa notte allungai la passeggiata
Sino al balcon della fanciulla mia
E vidi un’ombra bianca ed agitata
Accennar di lassù verso la via.

Un brivido mi corse sotto ai panni:
«È un’ora che ci amiamo e già m’inganni!

«Perchè, perchè questa finzione orrenda?
«Amor mio, che t’ho fatto…?» Era la tenda.