Onesto Bolognese – La partenza che fo dolorosa

La partenza che fo dolorosa
e gravosa – più d’altra m’ancide
per mia fede, – da voi, Bel-Diporto.
Sì m’ancide il partir doloroso
che gioioso – avenir mai non penso;
‘nanti iscito son quasi del senso
nel meo cor, mai di vita pauroso,
per lo stato gravoso – e dolente
lo qual sente; donqua con’ faraggio?
M’ancidraggio – per men disconforto.
S’eo mi dico di dar morte fera,
gioi straniera – non vi paia audire;
sa null’omo ch’è lo meo languire,
ch’è la pena dogliosa e crudera,
che dispera – lo coraggio e l’alma;
tant’ho salma – di pena a ‘bondanza,
poi Pietanza – merzé fece torto.
Torto fece e fallìo ver’ me, lasso,
ch’eo trapasso – onne amante e leale,
e ciascun giorno più cresce e sale
l’amor fin c’ho fermato nel casso;
e non lasso, – per nulla, increscenza
ché ‘n soffrenza – conven ched el sia
chi disia – l’amoroso aporto.
Poi Pietanza in altrui non sì sovra
né s’adovra – in altrui for ch’e·meve,
pianto mio, vanne a quella che deve
rimembrarsi di mia vita povra;
di’ che scovra – ver’ me so volere:
se ‘n piacer – gli è ched eo senta morte,
a me forte – gradisce esser morto.