Paganino da Serezano, Contra lo meo volire

Contra lo meo volire
Amor mi face amari
donna di grande affari – troppo altera,
perchè lo meo servire
non mi por[r]ia aiutari
ver lo suo disdegnari – tant’è fera;
chè la sua fresca ciera
già d’amar non s’adotta,
nè giorno non anotta – là du pari.
Dunqua, s’agio provato
li affanni e li martiri,
c’Amor face sentiri – a chi gli è dato,
d’Amor prendo cumiato – e vòi partiri.
Lo partir non mi vale,
c’adesso mi riprende
Amor, chi non m’afende – poi li piace;
ca tutto lo meo male
di gran gioi si riprende,
s’ello ver me s’arrende – ed amar face
pur uno poco in pace
la mia piacente donna,
c’amor di bona donna – non discende.
Però s’a lei piacisse
d’amar, eo l’amaria:
co meco partiria – lo mal c’avisse,
e, poi lo mal sentisse, – lo ben vorria.
Sì com’omo distritto,
che non pote fuggire,
conveneli seguire – l’altrui voglia,
mi tene Amore afritto,
che mi face servire,
ed amando gradire – u’ pur m’orgoglia
madonna, che mi spoglia
di coraggio e di fede.
Ma s’ella vol merzede – consentire,
tutto lo meo corrutto
serà gioi e dolzore;
ma più li fora onore, – s’a postutto
mi tornasse in disdutto – di bon core.
Ai! placente persona,
ciera allegra e benigna
di tutte altezze digna – e d’onore!
Ciascun omo ragiona:
quella donna disligna
che merzede disdigna – ed amore.
Dunqua, vostro valore
e mercede mi vaglia,
ca foco mi travaglia – che non spigna;
e vostra caunoscenza
ver mi d’amor si ‘nflame
e a ciò me richiame – benvolenza,
avendo al cor sofrenza – ch’io l’ame.
Quando fra dui amanti
Amore igualemente
si mostra benvolente, – nasce[n] bene
di quello amore manti
piaceri und’omo sente
gioi a lo cor parvente – e tutto bene.
Ma s’ello pur si tene
ad uno e l’altro lassa,
quello, penando, attassa – ed è soffrente
del mal d’amor gravoso
pieno di disïanza
e vive in disperanza – vergognoso.
Dunqua, s’eo son dottoso – non è infanza.
Mercè, donna gentile,
a cui piacer aspetto,
vostro senno perfetto – mi conforte
e per me non s’avile
tenendomi in dispetto,
ch’io non aio rispetto – de la morte,
e ciò mi piace forte,
solo c’a voi non sia
ritratto a villania – per sospetto;
ca, se voi m’aucidete,
ben diria Paganino:
«troppo for’al dichino, – ben savete,
l’alto preio che tenete – in dimino».