Re Enzo, S’eo trovasse Pietanza

S’eo trovasse Pietanza
incarnata figura,
merzè li chereria
ch’a lo meo male desse alleggiamento;
e ben fazo accordanza
infra la mente pura
ca pregar mi varria,
vedendo l’umil meo agecchimento.
E dico: oi me lasso,
spero in trovar merzede?
Certo meo cor non crede,
ch’eo sono isventurato
plui d’omo che sia nato;
so che ‘nver mi Pietà verria crudele.
Crudele e spietata
seria per me Pietate
e contra sua natura,
secondo zo che mostra meo distino,
e Merzede adirata
plena d’impietate;
che ò tale vintura,
ca pur diservo a cui servir non (altro…)

Re Enzo, Amor mi fa sovente

Amor mi fa sovente
lo meo core pensare,
dàmi pene e sospiri;
e son forte temente,
per lungo adimorare,
ciò che por[r]ia aveniri.
Non c’agia dubitanza
de la dolze speranza
che ‘nver di me fallanza ne facesse,
ma tenemi ‘n dottanza
la lunga adimoranza
di ciò c’adivenire ne potesse.
Però nd’agio paura
e penso tuttavia
a lo suo gran valore;
se troppo è mia dimura,
eo viver non por[r]ia;
così mi stringe Amore
ed àmi così priso,
n tal guisa conquiso,
che ‘n altra parte non ò pensamento;
e tuttora m’è aviso
di (altro…)

Mazzeo di Ricco, Chi conoscesse sì la sua fallanza

Chi conoscesse sì la sua fallanza
com’om conosce l’altrui fallimento
di mal dire d’altrui avria dottanza
per la pesanza del su’ mancamento.
Ma per lo corso de la iniqua usanza
ogn’om si cred’esser di valimento,
e tal omo è tenuto in dispregianza
che spregia altrui, ma non sa zo ch’i’ sento.
Però vor[r]ia che fosse distinato
che ciascun conoscesse il so onore
e ‘l disinore e ‘l pregio e la vergogna.
Talotta si commette tal peccato
che, s’omo conoscesse il so valore,
di dicer (altro…)

Mazzeo di Ricco, Sei anni ò travagliato

Sei anni ò travagliato
in voi, madonna, amare,
e fede v’ò portato
più assai che divisare,
nè dire vi por[r]ia;
ben ò caro ac[c]at[t]ato
lo vostro inamorare,
che m’à così ingan[n]ato
con suo dolze parlare,
chi già no ‘l mi credia.
Ben mi menò follia
di fantin veramenti,
che crede fermamenti
pigliar lo sole ne l’agua splendienti,
e stringere si crede lo splendore
de la candela ardenti,
ond’ello inmantenenti
si parte e piange sentendo l’ardore.
S’eo tardi mi so adato
de lo meo follegiare,
tegnomene beato,
per ch’io sono a lasciare
lo mal (altro…)

Mazzeo di Ricco, Madonna, de lo meo ‘namoramento

Madonna, de l[o] meo ‘namoramento
c’assai più c’altamente
m’ave distretto e fatto ‘namorare,
incontro a meve a voi me ne lamento;
ma non mi val neiente,
ca lo meo cor non posso rinfrenare;
c’Amore, che sormonta ogne ardimento,
mi sforza e vince e mena al suo talento,
sì ch’io di meve no agio segnoria;
di ch’io mi doglio, avere la vor[r]ia,
c’assai gra[n] regno reg[g]e, ciò mi pare,
chi se medesmo può segnoregiare.
Po i ch’eo non posso me segnoregiare,
Amor mi segnoria.
Dunque è (altro…)

Mazzeo di Ricco, La ben aventurosa innamoranza

La ben aventurosa innamoranza
tanto mi stringe e tene,
che d’amoroso bene – m’asicura.
Dunqua non fa lo meo cor soperchianza,
si ismisuratamente
di voi, donn’avenente, – si ‘nnamura.
Ca s’omo à dismisura,
conservando leanza
non fa dismisuranza,
sì che sia da blasmare:
c’ognunque cosa si può giudicare
perfettamente bona in sua natura.
Dunqua, sì com’io uso ismisuranza
in voi, madonna, amare,
eo non so da blasmare – per rasione.
Però, madonna, solo una fallanza
non mi dovria punire,
poi c’a lo meo fallire – ebbi casione.
Senza riprensione
pot’omo (altro…)

Mazzeo di Ricco, Lo core innamorato

«Lo core innamorato,
messere, si lamenta
e fa piangere li occhi di pietate;
da me este alungiato,
e lo meo cor tormenta
vegnendo a voi lo giorno a mille fiate.
Avendo di voi voglia,
lo meo cor a voi mando,
ed ello vene e con voi si sogiorna;
e poi a me non torna,
a voi lo racomando
no li faciate gelosia, nè doglia».
«Donna, se mi mandate
lo vostro dolze core
innamorato sì come lo meo,
sacciate in veritate
ca per verace amore
inmantenente a voi mando (altro…)

Giacomino Pugliese, Isplendïente

Isp[l]endïente
stella d’albore
e pïagente
donna d’amore,
ben lo mio cor, c’ài in tua balìa,
da voi non si diparte, in fidanza;
or ti rimembri, bella, la dia
che noi fermammo la dolze amanza.
Bella, or ti sia
[a] rimembranza
la dolze dia
e l’alegranza
quando in diporto istava con vui,
basciando dicìa: «Anima mia,
lo dolze amore, ch’è ‘ntra noi dui,
non falsasse per cosa che sia».
Lo tuo splendore
m’a[ve] sì priso,
di gioi d’amore
m’a[ve] conquiso,
sì che da voi non a[u]so partire,
e non faria se Dio lo (altro…)

Giacomino Pugliese, Quando vegio rinverdire

Quando vegio rinverdire
giardino e prato e rivera,
gli aucelletti odo bradire,
udendo la primavera
fanno lor gioia e diporto,
ed io vo’ pensare e dire:
canto per donar conforto
e li mal d’amor covrire,
chè l’amanti pere e torto.
L’amor è legiere cosa,
molt’è forte es[s]ere amato;
chi è amato ed ama in posa
lo mondo à da l[o] suo lato.
Le donne n’ànno pietanza
chi per lor patisce pene.
Sed è nullo c’agia amanza,
lo suo core in gioi mantene,
tut[t]or vive in allegranza.
In gioi vive (altro…)

Giacomino Pugliese, Donna, di voi mi lamento

«Donna, di voi mi lamento,
bella di voi mi richiamo
di sì grande fallimento:
donastemi auro co ramo.
Vostro amor pensai tenere
fermo, senza sospecione;
or sembra d’altro volere,
truovolo in falsa cascione,
amore».
«Meo sir, se tu ti lamenti,
tu nó ài dritto, nè ragione;
per te sono in gran tormenti.
Dovresti guardar stagione,
ancor ti sforzi la voglia
d’amore e la gelosia;
con senno porta la doglia,
non perder per tua fol[l]ìa
amore».
«Madonna, s’io pene porto,
a voi non scresce baldanza,
di voi non agio conforto
e fals’e la (altro…)

Giacomino Pugliese, Lontano amore manda sospiri

Lontano amore manda sospiri,
merzè cherendo inver l’amorusa,
che falso non mi degia teniri,
chè falsitate già non m’acusa;
non ch’io fallasse lo suo fino amore,
con gioi si dipartisse lo mio core
per altra donna, ond’ella sia pensusa.
Di ciò si ‘nganna, s’ell’à sospetto
ca piacimento d’altra mi sia,
chè ‘n altra donna già non diletto,
se no ‘n lei, ch’è la gioi mia.
Vista nè riso d’altra non m’agenza,
anzi mi tegno in forte penitenza
i be’ sembianti c’altra mi facìa.
Se mi (altro…)

Giacomino Pugliese, Donna, per vostro amore

Donna, per vostro amore
[ora] trovo
e rinovo
mi’ coragio,
chè tant’agio
dimorato
e dot[t]ato,
stato muto
ritenuto
[ . . ]
[ . . ]
Per biasmo e per pavore
de la gente
già neiente
non mi lasso
e non casso
li miei versi,
li diversi
rime dire.
Voglio avire
consolanza
‘n allegransa,
stando for di rancore.
Ben for di pena,
aulente lena,
poi [che] m’avete,
or mi tenete,
s’i’ò sol[l]azo
[e] versi fazo
per voi, [o] bionda,
oc[c]chi giuconda,
che m’avete priso;
or m’abraza
a tuo’ braza,
amorosa
dubitosa.
Co lo dolze riso
conquiso – voi m’avete, fin amore:
vostro sono leale servidore,
voi siete la mia donna (altro…)

Giacomino Pugliese, Tuttor la dolze speranza

Tut[t]or la dolze speranza
di voi, donna, mi conforta;
membrando la tua sembianza,
tant’è la gioi che mi porta,
che nulla pena mi pare sofrire,
cotant’è lo dolzore,
ca tut[t]’ore – lo cor mi fa sbaldire.
Non pensai, dolze amore,
ca null’ore – dovessi da me partire.
Donna dolce e piagente,
la vostra gran caunoscenza
non falli sì grevemente,
c’abassi vostra valenza.
S’abandonassi ciò c’ai[o] conquiso,
perderia lo gran pregio,
[ . . . . -egio]
[ . . -egio] – sì alt’amor disciso.
Oi bella dolzetta mia,
non (altro…)

Giacomino Pugliese, Morte, perchè m’ài fatta sì gran guerra

Morte, perchè m’ài fatta sì gran guerra,
che m’ài tolta madonna, ond’io mi doglio?
La fior de le belleze mort’ài in terra,
per che lo mondo non amo, nè voglio.
Villana morte, che non à[i] pietanza,
disparti amore e togli l’allegranza
e dài cordoglio.
La mia alegranza post’ài in gran tristanza,
chè m’ài tolto la gioia e l’alegranza,
c’avere soglio.
Solea aver sollazo e gioco e riso
più che null’altro cavalier che sia;
or n’è gita madonna in paradiso,
portòne la dolze speranza mia,
lasciòmi (altro…)

Cielo d’Alcamo, Contrasto

«Rosa fresca aulentis[s]ima, – c’apari inver la state
le donne ti disïano – pulzell’ e maritate;
tra[ji]mi de ste focora – se t’este a bolontate;
per te non aio abento notte e dia,
penzando pur di voi, madonna mia».
«Se di mevi trabagliti, – follia lo ti fa fare,
lo mar potresti arompere, – avanti, a semenare,
l’abere de sto secolo – tut[t]o quanto asembrare,
avereme non poteri a esto monno,
avanti li cavelli m’aritonno».
«Se li cavelli arton[n]iti, – avanti (altro…)

Ruggierone da Palermo, Ben mi degio alegrare

Ben mi degio alegrare
e far versi d’amore,
ca cui son servidore
m’à molto grandemente meritato;
non si por[r]ia contare
lo gran bene e l’aunore.
Ben agia lo martore,
ch’io per lei lungiamente agio durato.
Però consiglio questo a chi è amadori:
non si ‘[n]speri, sia buon soferidori
e lui no ‘ncresca la gran dimoranza;
chi vole [ben] compire sua [ ‘n]tendanza,
viv’a speranza,
chè non mi par che sia di valimento
da c’omo vene tosto a compimento.
Ben ò veduto [a]manti
a cui par forte amare
e (altro…)

Federico II, Misura, providenzia e meritanza

Misura, providenzia e meritanza
fanno esser l’uomo sagio e conoscente
e ogni nobiltà bon sen[n]’avanza
e ciascuna ric[c]heza fa prudente.
Nè di ric[c]heze aver grande abundanza
faria l’omo ch’è vile esser valente,
ma della ordinata costumanza
discende gentileza fra la gente.
Omo ch’è posto in alto signoragio
e in riccheze abunda, tosto scende,
credendo fermo stare in signoria.
Unde non salti troppo omo ch’è sagio,
per grande alteze che ventura prende,
ma tut[t]ora mantegna cortesia.

Federico II, Poi ch’a voi piace, amore

Poi ch’a voi piace, amore,
che eo degia trovare,
faronde mia possanza
ch’io vegna a compimento.
Dat’ agio lo meo core
in voi, madonna, amare,
e tutta mia speranza
in vostro piacimento;
e non mi partiragio
da voi, donna valente,
ch’eo v’amo dolzemente,
e piace a voi ch’eo agia intendimento.
Valimento – mi date, donna fina,
chè lo meo core adesso a voi si ‘nchina.
S’io inchino, rason agio
di sì amoroso bene,
ca spero e vo sperando
c’ancora deio avire
allegro meo coragio;
e tutta la mia spene,
fu data (altro…)

Federico II, De le mia disïanza

De le mia disïanza
c’ò penato ad avire,
mi fa sbaldire – poi ch’i’ n’ò ragione,
chè m’à data fermanza
com’io possa compire
[ lu meu placire ] – senza ogne cagione,
a la stagione – ch’io l’averò [‘n] possanza.
Senza fallanza – voglio la persone,
per cui cagione – faccio mo’ membranza.
A tut[t]ora membrando
de lo dolze diletto
ched io aspetto, – sonne alegro e gaudente.
Vaio tanto tardando,
chè paura mi metto
ed ò sospetto – de la mala gente,
che per neiente (altro…)

Jacopo Mostacci, Umile core e fino e amoroso

Umile core e fino e amoroso
già fa lungia stagione c’ò portato
buonamente ad Amore:
di lei avanzare adesso fui penzoso
oltra poder, e, s’eo n’era af[f]an[n]ato,
no nde sentia dolore:
pertanto non da lei partia coragio
nè mancav’ a lo fino piacimento
mentre non vidi in ella folle usagio,
lo qual l’avea cangiato lo talento.
Ben m’averia per servidore avuto
se non fosse di fraude adonata,
per che lo gran dolzore
e la gran gioi che m’è stata rifiuto;
ormai gioi che per lei (altro…)

We are not Charlie and we will never be.