Franco Sacchetti – Castruccio Interminelli, avendo un suo famiglio disfatto in uno muro il giglio dell’arma fiorentina, essendo per combattere, lo fa combattere con un fante che avea l’arma del giglio nel palvese, ed è morto

Ora voglio mutare un poco la materia, e dire come Castruccio Interminelli, signore di Lucca, castigò uno gagliardo contro le mura. Questo Castruccio fu de’ cosí savi, astuti e coraggiosi signori come fosse nel mondo già è gran tempo; e guerreggiando e dando assai che pensare a’ Fiorentini, però che era loro cordiale nimico, fra l’altre notabili cose che fece fu questa: che essendo a campo in Valdinievole, e dovendo una (altro…)

Iginio Ugo Tarchetti – La fede

Non si arriva alla fede che per una sola via, per quella del dolore.

I prosperi e i fortunati sono raramente, o male, uomini religiosi. Gli sventurati soltanto corrono a gettarsi ai piedi degli altari e cercano nella speranza d’un’esistenza futura un compenso ai mali di questa. Io mi sono spesso rivolto una domanda angosciosa: È l’agiatezza che rende i prosperi ingrati alla divinità, o è la sventura che ha creato ai (altro…)

Iginio Ugo Tarchetti – La Vita

Secondo l’ordine naturale delle cose nessuno muore ad un tratto, ma la natura (ove non le sia fatta violenza) ci distacca essa medesima dalla vita come un frutto maturo; ed è sì valente in questa bisogna che spesso ce ne infastidisce per modo da farci anelare alla morte come ad una dolcezza o ad una grazia. In ciò ella raggiunge due scopi: apparecchia noi a morire, e colle noie e colla (altro…)

Iginio Ugo Tarchetti – Felicità e dolore

Gli uomini non ripongono mai la loro felicità in ciò che sono, ma in ciò che sperano di divenire; e non so se sia per questa illusione che essi non possono mai raggiungere la felicità, o se, appunto perchè sanno di non poterla mai raggiungere, la ripongono volentieri in questa illusione.

Per quanto ci è dato argomentare dalla festività e dalla quiete apparente di tutti gli animali, il dolore morale sembra retaggio (altro…)

Iginio Ugo Tarchetti – La Donna

La donna è un capolavoro abortito, il grande errore della creazione.

Le donne non hanno un carattere proprio finchè non amano; non hanno che un istinto provvidenziale di piegarsi, d’informarsi a quello dell’uomo. Per ciò esse sono quasi sempre quali gli uomini le fanno.

Ciò che gli uomini amano ed ammirano sopratutto nella donna, senza saperlo, è la loro fatuità.

La bontà nella donna è debolezza, nell’uomo carattere; però più frequente in quella che (altro…)

Iginio Ugo Tarchetti – L’amore

L’amore è Dio, Dio è l’universo, e l’universo è amore.

I giovani che non si sono trovati per gran tempo al contatto della società, a cui lo studio e il ritiro hanno conservato qualche cosa di vergine nella loro natura, concepiscono raramente degli affetti colpevoli.
Il loro primo amore è sempre un amore purissimo, talora tutto ideale, sdegnoso di un pensiero che lo contamini, e spinto al puritanismo più rigoroso; oltre a ciò (altro…)

Iginio Ugo Tarchetti – Uno spirito in un lampone

Nel 1854 un avvenimento prodigioso riempì di terrore e di meraviglia tutta la semplice popolazione d’un piccolo villaggio della Calabria.
Mi attenterò a raccontare con quanta maggior esattezza mi sarà possibile, questa avventura meravigliosa, benchè comprenda esser cosa estremamente difficile l’esporla in tutta la sua verità e con tutti i suoi dettagli più interessanti.
Il giovine barone di B. – duolmi che una promessa formale mi vieti di rivelarne il nome – aveva (altro…)

Iginio Ugo Tarchetti – Un osso di morto

Lascio a chi mi legge l’apprezzamento del fatto inesplicabile che sto per raccontare.
Nel 1855. domiciliatomi a Pavia, m’era dato allo studio del disegno in una scuola privata di quella città; e dopo alcuni mesi di soggiorno aveva stretto relazione con certo Federico M. che era professore di patologia e di clinica per l’insegnamento universitario, e che morì di apoplessia fulminante pochi mesi dopo che lo aveva conosciuto. Era uomo amantissimo delle (altro…)

Iginio Ugo Tarchetti – La lettera U – Manoscritto d’un pazzo

U! U!
Ho io scritto questa lettera terribile, questa vocale spaventosa? L’ho io delineata esattamente? L’ho io tracciata in tutta la sua esattezza tremenda, co’ suoi profili fatali, colle sue due punte detestate, colla sua curva abborrita? Ho io ben vergata questa lettera, il cui suono mi fa rabbrividire, la cui vista mi riempie di terrore?
Sì, io l’ho scritta.
Ed eccovela ancora:

U

Eccola un’altra volta

U

Guardatela, affissatela bene – non tremate, non impallidite – abbiate (altro…)

Iginio Ugo Tarchetti – Le leggende del Castello Nero

“Non so se le memorie che io sto per scrivere possano avere interesse per altri che per me – le scrivo ad ogni modo per me. Esse si riferiscono pressochè tutte ad un avvenimento pieno di mistero e di terrore, nel quale non sarà possibile a molti rintracciare il filo di un fatto, o desumere una conseguenza, o trovare una ragione qualunque. Io solo il potrò, io attore e vittima a (altro…)

Iginio Ugo Tarchetti – I fatali

Esistono realmente esseri destinati ad esercitare un’influenza sinistra sugli uomini e sulle cose che li circondano? È una verità di cui siamo testimonii ogni giorno, ma che alla nostra ragione freddamente positiva, avvezza a non accettare che i fatti i quali cadono sotto il dominio dei nostri sensi, ripugna sempre di ammettere.
Se noi esaminiamo attentamente tutte le opere nostre, anche le più comuni e le più inconcludenti, vedremo nondimeno non esservene (altro…)

Carlo Collodi – I ragazzi grandi

– Bettina, accendi subito il caminetto – disse Clarenza, entrando in salotto e volgendo la sua parola a una donna sulla cinquantina, che stava spolverando con una spazzola di penne i mille ninnoli, di varia maniera, posati per ornamento sopra la mensola di un caminetto, sormontato da un grande specchio.
– Nel momento – rispose la Bettina, e chinandosi per accomodare la legna, disse alla sua giovane padrona:
– Indovini un po’, signora (altro…)

Carlo Collodi – La festa di Natale

La storia che vi racconto oggi, non è una di quelle novelle, come se ne raccontano tante, ma è una storia vera, vera, vera.
Dovete dunque sapere che la Contessa Maria (una brava donna che io ho conosciuta benissimo, come conosco voi) era rimasta vedova con tre figli: due maschi e una bambina.
Il maggiore, di nome Luigino, poteva avere fra gli otto e i nove anni: Alberto, il secondo, ne finiva sette, (altro…)

Carlo Collodi – Pipì o lo scimmiottino color rosa

1. Perché a Pipì fu dato il soprannome di «scimmiottino color di rosa»

Nel famosissimo bosco di Vattel’a pesca, c’era una volta una piccola famigliola composta di sette scimmie: il babbo, la mamma e cinque scimmiottini alti quanto un soldo di cacio.
Questa famigliola abitava fra i rami di un albero gigantesco, in mezzo a una foresta, e pagava quindici susine l’anno di pigione a un vecchio gorilla prepotente, che si era messo (altro…)

Carlo Collodi – L’omino anticipato

1. Il signor Gigino.

Quando lo conobbi io, aveva appena dieci anni. Di nome si chiamava Gigino.

Non era né bello né brutto. Aveva un par d’occhietti cerulei: i capelli biondissimi, d’un biondo chiaro come la stoppa: il naso un po’ ritto e voltato in su e le gambe un tantino magre più del bisogno.

Nell’insieme, poteva dirsi un buon figliuolo. A scuola non faceva miracoli, ma il maestro mostravasi contento: in casa poi (altro…)

Luis de Camoes – Poemas de Amor – MP3 – Audiobook – Edizione Librivox

Luís Vaz de Camões (c. 1524 — 10 de Junho de 1580) é frequentemente considerado como o maior poeta de língua portuguesa e dos maiores da Humanidade. O seu gênio é comparável ao de Virgílio, Dante, Cervantes ou Shakespeare.

A obra lírica de Camões foi publicada como “Rimas”, não havendo acordo entre os diferentes editores quanto ao número de sonetos escritos pelo poeta e quanto à autoria de algumas das peças líricas. (altro…)

Oscar Wilde – The Picture of Dorian Gray – Audiobook – MP3 – Edizione Librivox

The novel tells of a young man named Dorian Gray, the subject of a painting by artist Basil Hallward. Basil is impressed by Dorian’s beauty and becomes infatuated with him, believing his beauty is responsible for a new mode in his art. Dorian meets Lord Henry Wotton, a friend of Basil’s, and becomes enthralled by Lord Henry’s world view. Espousing a new hedonism, Lord Henry suggests the only things worth pursuing (altro…)

Johannes Brahms – Concerto n. 2 per pianoforte e orchestra in si bemolle maggiore – Op. 83 – Arturo Toscanini – Wladimir Horowitz – NBC Symphony Orchestra – 1940

BRAHMS: Concerto No. 2 in B-flat Major for Piano and Orchestra, Op. 83.

Vladimir Horowitz, piano.
NBC Symphony Orchestra.
Arturo Toscanini, conductor.

I. Allegro non troppo.
II. Allegro appassionato.
III. Andante.
IV. Allegretto grazioso.

Victor 78rpm Album DM 740 (048837 – 048848).
Recorded May 9, 1940.
Digital transfer by F. Reeder

Download del file MP3

Filename Size Date
      I.AllegroNonTroppo.mp3
17,525,695  11/07/11  11:47 am
      Ii.AllegroAppassionato.mp3
8,772,943  11/07/11  11:47 am
      Iii.Andante.mp3
11,505,724  11/07/11  11:48 am
      Iv.AllegrettoGrazioso.mp3
9,115,366  11/07/11  11:48 am

Ascoltabile anche attraverso il nostro lettore virtuale di MP3:

      I.AllegroNonTroppo

      Ii.AllegroAppassionato

      Iii.Andante

      Iv.AllegrettoGrazioso

Ludwig van Beethoven – Concerto per violino e orchestra in Re maggiore op. 61 – MP3 – Arturo Toscanini – Heifetz – 1940

BEETHOVEN: Concerto in D Major for Violin and Orchestra, Op. 61.
Jascha Heifetz, violin.
NBC Symphony Orchestra.
Arturo Toscanini, conductor.

Victor 78rpm Album DM705 (048066-048074). Recorded March 11, 1940.
Digital transfer by F. Reeder

Download del file MP3

Filename Size Date
      I.AllegroMaNonTroppo.mp3
15,667,430  11/07/11  11:43 am
      Ii.Larghetto.mp3
5,929,933  11/07/11  11:43 am
      Iii.Rondoallegro.mp3
6,471,074  11/07/11  11:43 am

Richard Wagner – Lamento di Sigfrido – Goetterdaemmerung – Arturo Toscanini – New York Philarmonic Orchestra – 1936

WAGNER: Götterdämmerung: Dawn and Siegfried’s Rhine Journey.

New York Philharmonic Orchestra.
Arturo Toscanini, conductor.

Victor 78rpm Album DM 308 (94657 – 94659).
Recorded February 8, 1936.
Digital transfer by F. Reeder

Download del file MP3

Filename Size Date
      Gtterdmmerung-DawnAndSiegfriedsRhineJourney.mp3
12,908,247  11/07/11  11:39 am

Ascoltabile anche attraverso il nostro lettore virtuale di MP3:

      Gtterdmmerung-DawnAndSiegfriedsRhineJourney

We are not Charlie and we will never be.