Paolo Lanfranchi – Dimme, Amore, vorestù tornare

«Dimme Amore; vorestú tornare
da la mia parte a la donna mia?»
«Sì, se tu vogli, ma ell’è follia:
ché talor nòce lo troppo adastare.»
«E lo meo core vi vol pur andare,
e ti demanda en sua compagnia.»
«Di presente me meterò en via
dapo’ ch’eo veggio ch’a lui e te pare.
Or me di’ ciò che tu vòi che gli dica:
che tu non fini clamare mercede?
Perzò non è bisogno andarne mica,
per aventura ch’ella non ti crede.»
«Sì fa’; che di me vive e se nutrica;
e ‘l cor non pò durar, se no’ la vede.»

Lascia un commento