Paolo Lanfranchi – Un nobil e gentil imaginare

Un nobil e gentil imaginare
sì mi dis[c]ese ne la mente mia:
in verità (ch’eo alora dormia)
el me paria con la mia don[n]a stare
in un giardin, baciar e abracciare,
remos[s]a ciascuna altra vil[l]ania.
Ella dicea: «Tu m’hai in tua bailia;
fa’ di me, o amor, ciò che ti pare».
In quel giardin sì avea, da l’un canto,
un rosignol che dicea in s[u]o latino:
«Securamente per vostro amor canto».
I’ mi svegliai che sonava matino;
considerando il ben ch’avea tanto,
venme voglia deventar patarino.

Lascia un commento