Pietro Bembo – Non si vedrà giamai stanca né sazia

Non si vedrà giamai stanca né sazia
Questa mia penna, Amore,
Di renderti, signore,
Del tuo cotanto onore alcuna grazia.
A cui pensando, volentier si spazia
Per la memoria il core,
E vede ‘l tuo valore,
Ond’ei prende vigore e te ringrazia.
Amor, da te conosco quel ch’io sono:
Tu primo mi levasti
Da terra e ‘n cielo alzasti,
E al mio dir donasti un dolce suono;
E tu colei, di ch’io sempre ragiono,
A gli occhi miei mostrasti,
E dentro al cor mandasti
Pensier leggiadri e casti, altero dono.
Tu sei, la tua mercé, cagion ch’io viva
In dolce foco ardendo,
Dal qual ogni ben prendo,
Di speme il cor pascendo onesta e viva;
E se giamai verrà ch’i’ giunga a riva,
Là ‘ve ‘l mio volo stendo,
Quanto piacer n’attendo,
Più tosto no ‘l comprendo, ch’io lo scriva.
Vita gioiosa e cara
Chi da te non l’impara,
Amor, non ave.