Pino Casamassima, Armi in pugno. La storia del Nord Est tra politica, terrorismo e criminalità.

Le Brigate Rosse, la prima volta che uccisero, lo fecero a Padova, la città che assisteva alla nascita dell’Autonomia organizzata e ai teoremi giudiziari che portarono al processo 7 aprile. Ma il Veneto fu anche la culla dell’eversione neofascista, quella di Ordine Nuovo, che metteva le bombe sui treni e che inaugurò gli anni di piombo con la strage di piazza Fontana.
E sempre nel Nord Est nacquero e si svilupparono fenomeni criminali autoctoni, come la mafia del Brenta di Felice Maniero. Un’area che passò dalla miseria e dall’emigrazione alla prosperità economica coltivando alcuni dei fenomeni che hanno fatto la storia dell’intera nazione.

——————————————–
Pino Casamassima, Armi in pugno. La storia del Nord Est tra politica, terrorismo e criminalità.
Collana Senza finzione, Stampa Alternativa, 2010
——————————————–

L’opera viene rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate.

Il testo integrale è disponibile in formato PDF (614 KB). Per aprirlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito.

Download (PDF, 614KB)

(Visited 10 times, 1 visits today)

Commenti

commenti