Re Enzo, Amor mi fa sovente

Amor mi fa sovente
lo meo core pensare,
dàmi pene e sospiri;
e son forte temente,
per lungo adimorare,
ciò che por[r]ia aveniri.
Non c’agia dubitanza
de la dolze speranza
che ‘nver di me fallanza ne facesse,
ma tenemi ‘n dottanza
la lunga adimoranza
di ciò c’adivenire ne potesse.
Però nd’agio paura
e penso tuttavia
a lo suo gran valore;
se troppo è mia dimura,
eo viver non por[r]ia;
così mi stringe Amore
ed àmi così priso,
n tal guisa conquiso,
che ‘n altra parte non ò pensamento;
e tuttora m’è aviso
di veder lo bel viso,
e tegnolomi in gran confortamento.
Conforto e non ò bene:
tant’è lo meo pensare,
ch’io gioi non posso avire.
Speranza mi mantene
e fami confortare,
chè spero tosto gire
là ‘v’è la più avenente,
l’amorosa piacente,
quella che m’ave e tene in sua bailìa.
Non falserai’ neiente
per altra al meo vivente,
ma tuttor la terrò per donna mia.
Ancora ch’io dimore
lungo tempo e non via
la sua chiarita spera,
[d]e lo su gran valore
spesso mi [so]venia,
ch’i’ penso ogne manera
che lei deggia piacere;
e sono al suo volere
istato e serò senza fallanza.
Ben voi’ fare a savere
ch’amare e non vedere
si mette fin amore in obbrianza.
Va, canzonetta mia,
e saluta Messere,
dilli lo mal ch’i’ aggio:
quelli che m’à ‘n bailìa
sì distretto mi tene,
ch’eo viver non por[r]aggio
salutami Toscana,
quella ched è sovrana,
in cui regna tutta cortesia;
e vanne in Pugl[i]a piana,
la magna Capitana,
là dov’è lo mio core nott’e dia.