Re Enzo, S’eo trovasse Pietanza

S’eo trovasse Pietanza
incarnata figura,
merzè li chereria
ch’a lo meo male desse alleggiamento;
e ben fazo accordanza
infra la mente pura
ca pregar mi varria,
vedendo l’umil meo agecchimento.
E dico: oi me lasso,
spero in trovar merzede?
Certo meo cor non crede,
ch’eo sono isventurato
plui d’omo che sia nato;
so che ‘nver mi Pietà verria crudele.
Crudele e spietata
seria per me Pietate
e contra sua natura,
secondo zo che mostra meo distino,
e Merzede adirata
plena d’impietate;
che ò tale vintura,
ca pur diservo a cui servir non fino.
Per meo servir non vio
che gioi mi si n’acresca,
nanti mi si rifresca
pena doglios’a morte
ciascun giorno più forte,
und’eo morir sento lo meo sanare.
Ecco pena dogliosa
che ‘nfra ‘l meo cor abonda
e spande per li membri
sì c’a ciascun nde ven soperchia parte.
Giorno non ò di posa
si non come ‘n mar l’onda.
Core, che non ti smembri?
Esci di pene e da mi ti diparte,
c’assai val meglio un’ora
morir, ca pur penare,
poi che non pò campare
omo che vive in peni
nì gaugio li s’aveni,
nì pensamento ca di ben s’apprenda.
Tutti quei pensamenti
ca spirto meo divisa,
sunu pen’e duluri
senz’alligrar chi nu lli s’accumpagna;
e di manti tormenti
abundu in mala guisa,
chi ‘l natural caluri
perdo, tantu lu cori sbatti e sagna.
Or si pò dir da manti:
«chi è zo chi nu mori
poi c’ài sagnatu ‘l cori?»
Rispundo: «chi lu sagna
in quil mumentu ‘l stagna,
nu per meu ben, ma proba sua virtuti».
La virtuti ch’ill’avi
d’alcirim’ e guariri
a lingua dir nu l’ausu,
pir gran timenza c’agiu nu lli sdigni,
però prego suavi
Piatà chi mov’a giri
e faza in lei ripausu
e Merzì umilmenti si li aligni,
sì chi sia piatusa
ver mi, che non m’è noia
morir, s’illa nd’à gioia:
chè sol vivri mi placi
per lei servir viraci,
plu chi per altru beni chi m’avegna.