Salvatore di Giacomo – L’abbandonato

—Che si dice?—chiese Gaetanella Rocco a Carmela la serva, la quale passava sul marciapiedi e parlava sola, come al solito.

Carmela si volse e tornò indietro. Il vento le penetrava di sotto lo sciallo, di cui svolazzava un lembo; l’altro ella teneva fra mano, accostandolo di tanto in tanto alla faccia.

—È morta or ora—gemette—Ah, Gesù! Io sono così fatta che ci penserò tutta la giornata. E voi, andate a vederla?

Gaetanella, impassibile, guardava la serva, mettendo fuori il capo di su il paravento di legno tra la casa e la strada. Carmela, sul marciapiedi, rabbridiva pel vento secco che le veniva di faccia e le appiccicava le gonnelle alla carne.

—Ci vado più tardi—disse Gaetanella—ancora ho la casa sossopra. Iersera è arrivato il fratello di mio marito, il caporale di cavalleria. Ha avuto il permesso sino a mezzanotte, e sono stati qui tutti, con gli amici, a cantare e a bere. Immaginate voi!

—Lasciate fare, sono giovanotti. Che ne vediamo della vita? Si muore, così, da un momento all’altro!

—Non c’è che dire—sospirò Gaetanella, buttando sul marciapiedi bucce di castagne e di mele dal canestro dei rifiuti.

—Me ne vado—disse la serva—buongiorno.

—Se ripassate e voi chiamatemi. Andremo a vedere insieme…

Era morta donna Nena la romana, una vecchia che non faceva male a nessuno e che leggeva le lettere alle vicine della via, senza occhiali. Era venuta da Roma, al sessantacinque; la si poteva tenere per napolitana. Le vicine conoscevano un po’ la sua storia, ma nessuna aveva potuto entrar troppo addentro in certi particolari che la vecchia sapeva a tempo scartare.

Lassù, a S. Pasquale al Corso, donna Nena abitava da tre anni, nel cortile del monastero, in una stanzuccia rimpetto al pozzo. Pareva, in quella immensa quiete, una badessa sopravissuta alle sue monache, bandite per sempre, a far posto ai carabinieri in caserma.

Il cortile, deserto, era triste. Sotto l’arcata, tutta bianca di calce, girava intorno il sedile di peperino, qua e là fiorente d’una selvaggia vegetazione, la quale pigliava radici tra le screpolature e le commessure della pietra. In maggio il sole che lo allagava tutto invogliava donna Nena a uscire dalla sua celletta. La piccola vecchia andava a sedere sotto le colonne, sulla pietra grigia del parapetto e poggiava i piedi sui piuoli d’una seggiola sconquassata, ch’era deposito di straccetti d’ogni colore. Agucchiava. I romori della via erano confusi e arrivavano, morendo, al cortile del chiostro silenzioso. A volte, d’un subito, risonava in fondo, su per la scala grande, il passo pesante del brigadiere e costui spuntava nel cortile, attraversandolo, con le mani nelle saccocce dei calzoni e la lunga pipa in bocca. Qualche passero ch’era venuto, saltellando sui ferri della balaustra, ad affacciarsi nel pozzo, scappava, spaventato, con un piccolo grido. Donna Nena levava il capo dai suoi ritagli, teneva dietro con gli occhi socchiusi al volo dell’uccellino, le mani abbandonate sulle ginocchia. Certamente pensava ad altro. Una tossicina stizzosa la coglieva di tanto in tanto, e i colpi della tosse tre, quattro volte rompevano senza eco il silenzio intorno.

Spesso, di sopra, un carabiniere si metteva a cantare presso una finestra, dando la brunitura al fucile. Era una voce di tenorino, che vibrava limpidamente nell’aria:

M’incatinasti, beddicchia, stu cori, ca l’apparienza…..

Donna Nena, laggiù nel cortile, infilava l’ago, sceglieva tra i ritagli, rimaneva un pezzetto con lo sguardo perduto nella fuga degli archi. Le labbra mormoravano, dal pugno chiuso le dita si spiegavano, una dopo l’altra. Cantava. A un tratto, di sopra, la nenia del siciliano interrompendosi faceva tornare la vecchia, distratta, al suo lavoro. Il cortile si rifaceva silenzioso.

Al secondo anno da quando donna Nena era venuta a stare lassù, in una mattina di febbraio ella uscì—come disse a Gaetanella Rocco—per andare a pregare l’amministratore di quel locale perchè le facesse rimettere a un finestrino della celletta un vetro frantumato. Da un orto vicino i monelli glie lo avevano rotto: il vento le entrava in camera, proprio accapo al letto. Quando il vetro fu rimesso la vecchietta ebbe compagnia in casa. Ci venne un piccino malaticcio, debole, tutto pallido.

Da quel tempo ella si fece vedere più di frequente; il piccino aveva bisogno del latte alla mattina, di pane fresco, di frutta mature. Tutto questo faceva andare e venire dal cortile alle botteghe della via la vecchietta frettolosa, che per mostrarsi così tenera del bimbo almeno gli doveva molto voler bene.

Carmela la serva, pochi giorni dopo la comparsa del bambino, avendo appurato come e donde venisse, si contentò di perdere tempo e di far aspettare la padrona per andare a confidarsi con Fortunata la rivendugliola, vicina di Gaetanella. Tutte e tre sedettero attorno al braciere; Carmela a mezza seggiola, col paniere della spesa sulle ginocchia, per far presto.

—Donna Nena questo me l’aveva già detto un anno fa, ha una figliuola, si chiama Clelia. Due figlie le son morte di mal sottile e quest’altra…

S’interruppe, strinse le labbra, battè col palmo della mano sul manico del paniere, con un’aria desolata.

—Capite?…

—Eh!—sospirò la rivendugliola.

—Che ha fatto?—chiese Gaetanella.

—Come tant’altre, via… disgraziata…—disse la serva.

Sospirò anche Gaetanella, chinandosi a riattizzare il fuoco.

—Infine il piccino è rimasto a donna Nena, alla nonna. Clelia le avrà dato un po’ di danaro per mantenerlo, non si vede mai lei: non comparisce mai. Glie l’ha messo nelle mani e buonanotte. Donna Nena, lo chiama er ragazzo.

‘O guaglione—tradusse Gaetanella.

—Ieri la vecchia m’ha fatta una confidenza. Non è vero che il vetro al finestrino glie lo han rotto dall’orto. Lo ruppe lei, tempo fa, sbattendo la vetrata. Non avrebbe detto nulla all’amministratore se non fosse capitato il piccino, ch’è malaticcio e debole. E col vento in casa…

—Sentite,—interruppe la rivendugliola—io vi do questo paio di calze pel piccino e voi glie le portate a donna Nena, poveretta. Direte che le avete avuto dalla signora vostra…

—Date qua—fece la serva, levandosi—che tutto è buono quand’è carità. Oggi glie le porto.

Un’altra volta la serva chiamò fuori nella via Gaetanella, la quale era occupata a riasciacquare i piatti.

—Clelia, la….. capite?…. dev’esser morta. Ora ho chiesto alla vecchia se Clelia abbia più rivisto il piccino. S’è messa a piangere, la vecchia. Ho capito tutto.

Passarono sette mesi; morì pure donna Nena, spegnendosi a poco a poco nella sua celletta, col ragazzo che la guardava dal suo seggiolino, appiè del letto. Per un momento l’avevano lasciata sola, mentre dava gli ultimi tratti. Rientrate le vicine col ramoscello dell’olivo e l’acqua benedetta, trovarono la vecchia basita. Il piccino la guardava ridendo, balbettando. Un braccio di donna Nena fuori della coperta era steso rigidamente verso di lui, la mano pareva indicasse.

Fatto sta che, occupate a rovistare per la celletta, curiosando dappertutto, nei foderi di un canterano che gemevano come se nascondessero l’anima della vecchia, in un baule nello stipetto o muro, le vicine dimenticarono il bambino. Soltanto com’entrò lì dentro anche Graziella la sarta, con dietro la ragazzina curva sotto lo scatolo delle vesti, per vedere, mentre lei dinanzi al lettuccio, contemplava la morta coi grandi occhi pietosi, il piccino le prese fra mano la frangia di conterie che luceva attorno alla veste. Graziella si volse.

—Questo è il piccino di donna Nena—spiegò Gaetanella Rocco—il figlio della figlia.

—E la madre dov’è?—chiese Graziella.

L’altra benedì l’aria con la mano: l’indice e il medio ritti.

—Pure lei morta?—fece la sarta, intenerita.

E carezzò la testa bionda del piccino, il quale levò gli occhi a guardarla.

Subitamente irruppe la folla di tutti i monellucci del vicinato. Arrivava il carrozzone. Allora Gaetanella Rocco portò fuori il piccino, mettendogli in mano una ciambella. Gli trasse il seggiolino a bracciuoli fin presso alla porta del cortile che metteva, per le scale, rose dal tempo, sul Corso.

Poco dopo il carrozzone si portò via la vecchia per tutto il Corso. Il cocchiere zufolava, con le redini sulle ginocchia, col vento secco di faccia. Dietro, sulla predella, i due becchini si bisticciavano, le gambe penzoloni.

—Donna Nena se ne va a Roma—esclamò, ridendo, un calzolaio ch’era uscito a vedere dalla sua bottega, con uno stivale fra mani.

La facezia ebbe successo fra quanti guardavano. Donna Nena se ne andava a Roma! Buon viaggio! Le vicine ridevano. Rideva Nannina Fiocca, la innamorata del calzolaio. Quando gli passò accosto gli dette uno spintone.

—Bel core che hai!

—Senti—le fece dietro il calzolaio—presto lo farai anche tu il viaggetto….

Nannina si volse, grattandosi la coscia per allontanare il malagurio, e gli gridò con la voce argentina:

—Prima tu!

—Prima tu!—ribatteva il calzolaio, minacciandola con lo stivale.

Il tempo s’era fatto grigio. Di faccia al Corso, dal mare, saliva una nebbia densa come fumo di officina, lambiva le falde del Vesuvio, lo nascondeva fin quasi alla cima. Vagamente s’indovinava nel porto una gran nave; era una striscia tutta nera, indecisa. Intorno la città spariva in quel fumo che pareva covasse un incendio. Ma nel cielo affollato di nuvoloni, qua o là dei chiarori scialbi si facevano nel lontano, ove il sole all’estremo lembo in fine della collina di Posillipo, rompeva a fatica le nuvole. Vi fu un momento in cui la luce si allargò; lucevano disotto le vetrate alle finestre, luceva lo zinco delle serre alle terrazze delle palazzine al Rione Amedeo. Finalmente tutta una stesa di cielo diventò azzurra.

Il piccino lo avevano dimenticato sotto la porta del cortile. Egli sedeva, al sommo della scala diruta, nel suo seggiolino, con le manine sui bracciuoli. Sulle ginocchia aveva la ciambelletta di Gaetanella, mangiucchiata mezza: aveva un piccolo grembiale bianco, le scarpette molto vecchie, una vesticciuola scura, stinta, troppo grande per lui. In una scarpa il piede non era entrato tutto, ne scappava fuori il tallone ove faceva sacco la calza. Lui dondolava quel piede. A poco a poco la scarpetta ne cadde. Allora il piccino sorrise, tutto solo, molto contento. Contemplò, per un pezzetto, il piede libero, poi non avendo altro a fare, si rimise a mangiar la ciambella. Una volta levò la manina, s’atteggiò, pronunziò quei brevi vocaboli incomprensibili che sono della incoscienza infantile e delle bocche che non sanno parlare.

La ciambella fu mangiata tutta. Il piccino aveva fame. Raccolse perfino le miche cadutegli nel grembialetto. Pareva soddisfatto. Poi si mise a guardare innanzi a sè i fili del telegrafo, che dal parapetto della via, di faccia, declinavano, e scomparivano fra le case. Una cometa s’era impigliata tra i fili, la carta lacerata svolazzava. Un brandello fu strappato ai fili e portato via dal vento. Lungamente il piccino ne seguì la sorte con gli occhi, sbadigliando, poi chinò a poco a poco la testa da un lato e s’addormentò.

EText-No. 29873
Title: Mattinate napoletane
Author: Di Giacomo, Salvatore, 1860-1934
Language: Italian
Link: cache/generated/29873/pg29873.epub

EText-No. 29873
Title: Mattinate napoletane
Author: Di Giacomo, Salvatore, 1860-1934
Language: Italian
Link: cache/generated/29873/pg29873.html.utf8

EText-No. 29873
Title: Mattinate napoletane
Author: Di Giacomo, Salvatore, 1860-1934
Language: Italian
Link: cache/generated/29873/pg29873.mobi

EText-No. 29873
Title: Mattinate napoletane
Author: Di Giacomo, Salvatore, 1860-1934
Language: Italian
Link: 2/9/8/7/29873/29873-8.txt
Link: cache/generated/29873/pg29873.txt.utf8

EText-No. 29873
Title: Mattinate napoletane
Author: Di Giacomo, Salvatore, 1860-1934
Language: Italian
Link: 2/9/8/7/29873/29873-8.zip