Stefano Protonotaro, Assai mi placeria

Assai mi placeria
se zo fosse ch’Amore
avesse in sè sentore
di ‘ntendere e d’audire:
ch’eo li rimembreria,
como fa servidore
per fiate a suo segnore,
meo luntano servire;
e fariali a savire
lo mal di ch’eo non m’oso lamentare
a quella che ‘l meo cor non pò ubriare.
M’Amor non veo, e de lei so temente,
per che meo male adesso è plu pungente.
Amor sempre mi vede
ed àmi in suo podire,
m’eo non posso vedire
sua propia figura.
M’eo so ben di tal fede,
poi c’Amor pò ferire,
che ben pote guarire
secondo sua natura.
Zo è che m’asigura,
per ch’eo mi dono a la sua volontate
como cervo cacciato, mante fiate,
che, quando l’omo li crida plu forte,
torna ver lui non dubitando morte.
Non deveria dottare
d’Amor veracemente,
poi liale ubidente
li fu da quello giorno
che mi seppe mostrare
la gioi che sempre ò ‘n mente,
che m’à distrettamente
tutto ligato intorno,
come fa l’unicorno
d’una pulzella vergine dorata,
ch’è da li cacciatori amaistrata,
de la qual dolzemente si ‘nnamura,
sì che lo liga e quegli no nde cura.
Poi che m’appe ligato,
isò gli ocli e sorrise,
sì c’a morte mi mise,
come lo badalisco
c’ancide che gli è dato;
cum soi ogli m’ancise!
La mia mort’ è cortise
ch’eo moro e poi rivisco,
Oy Deo, che forte visco
mi par che s[i] sia [a]preso a le mie ale!
Chè viver nè morire non mi vale,
com’om che ‘n mare vedesi perire
e camperia potesse in terra gire.
Terra mi fora porto
di vita e seguranza;
ma merzede e dottanza
mi ristringe e fa muto,
da poi mi sono accorto
d’Amor chi no m’avanza;
chè per lunga astetanza
lo giudeo è perduto.
E s’eo non agio aiuto
d’Amor che m’ave e tene in sua pregione,
non so che corte mi faza rasone.
Faragio como penetenzïale,
che spera bene sofferendo male.