Archivi tag: ahi

Guittone d’Arezzo, Ahi, bona donna, or, tutto ch’eo sia

Ahi, bona donna, or, tutto ch’eo sia
nemico voi, com’è vostra credenza,
già v’enprometto esta nemistà mia
cortesemente e con omil parvenza;
e voi me, lasso, pur con villania
e con orgoglio mostrate malvoglienza.
Ma certo en nimistà val cortesia,
e li sta bene alsì co ‘n benvoglienza.
Ch’usando cortesia po l’om dar morte,
e render vita assai villanamente:
or siate donque me nemica forte,
e m’auzidete, amor, cortesemente!
E piacemi non men, che se me sorte
a vita amistà vil desconoscente.

Guittone d’Arezzo, Ahi! con mi dol vedere omo valente

Ahi! con mi dol vedere omo valente
star misagiato e povero d’avere,
e lo malvagio e vile esser manente,
regnare a benenanza ed a piacere;
e donna pro corsese e canoscente
ch’è laida sì, che vive in dispiacere;
e quella ch’ha bieltà dolze e piagente,
villana ed orgogliosa for savere.
Ma lo dolor di voi, donna, m’amorta,
ché bella e fella assai più ch’altra sete,
e più di voi mi ten prode e dannaggio.
Oh, che mal aggia il die che voi fu porta
sì gran bieltà, ch’altrui ne confondete,
tanto è duro e fellon vostro coraggio!

Guittone d’Arezzo, Ahi, quant’ho che vergogni e che doglia aggio

Ahi, quant’ho che vergogni e che doglia aggio,
e quant’ho che sbaldisca e che gioire,
se bene isguardo, col veder d’om saggio,
u’ so, u’ fui, u’ spero anche venire!
Vergognar troppo e doler, lasso, deggio,
poi fui dal mio principio a mezza etate
in loco laido, desorrato e brutto,
ove m’involsi tutto,
e venni ingrotto, infermo, pover, nuto,
cieco, sordo e muto,
desviato, vanito, morto e peggio:
ché tutto el detto mal m’avea savore;
ché quanto al prenditore
più mal piace, è peggiore.
Ché pur nel mal, lo qual for grato offende,
alcun remedio om prende,
ma mal gradivo ben tutto roina,
e non ha medicina,
che solo la divina pietate.
Quanto Deo, sua merzé, dato m’avea
di senno, di coraggio e di podere,
solo a sua lauda ed a salute mea
ed al prossimo meo prode tenere,
ad oltraggio di Lui ed a mia morte
ed a periglio altrui l’operai, lasso!
Fra gli altri miei follor fo, ch’eo trovai
de disamor, ch’amai:
pregiai onta, e cantai dolze di pianto;
ed ingegnaime manto
in fare me ed altrui saccente e forte
‘n perder perdendo nostro Dio e amico.
Guai a me, lasso, dico,
e guai a chi nemico
ed omo matto crede, e segue legge
d’omo ch’è senza legge!
Però fugga lo meo folle dir como
suo gran nemico ogn’omo,
ch’eo ‘l vieto o tutti e per malvagio il casso.
Ma vergognar di mia onta m’inora,
e m’allegra doler del meo dolore;
e quanto loco più brutto fue lora,
più, ch’io ne son partito, hami savore;
poi voi, tradolze e beata Maria,
non guardando mia grande e vil bassezza,
in vostra altezza altera, oltra penseri,
a vostro cavaleri
mi convitaste, e mi degnaste amare,
e del secol retrare,
che loco è de bruttezza e de falsìa,
Ahi, quant’ho che sbaldisca e che far gioia,
poi piacer ho de noia,
bella vita de croia,
d’avoltro amor tanto compiuta amanza,
e de tutta onta orranza,
santa religion de mondan loco,
e de l’enfernal foco
spero compiuta ed eternal dolcezza!
O voi, di Dio figlia, madre e sposa,
d’angeli tutti e d’omini reina,
i’ non mertai mai già tanto gran cosa,
ma solo fu vostra pietanza fina.
E se partiste me de laido ostale,
né voi donar, né me prender bast’anco;
che del mal tutto, unde grave là venni,
come prima contenni,
né tutto infermo son, né liber bene.
Ed a voi non convene
tornarmi a dietro, né tenermi tale;
ché se alcun bon segnore un omo acolle
malato, nuto e folle,
a suo poder lo volle
a sanitate, a roba ed a savere;
e s’el poi sa valere,
de quanto val la lauda è del segnore;
sì com’è il disinore,
se, poi l’acoglie, lo schifa e tel manco.
E voi, Amor, pur acolto m’avete,
e de vostra masnada ormai segnato;
però merzé; le man vostre mettete
ne la zambra del figlio vostro onrato,
e me fornite voi ben sofficiente,
che, non mancando, fornir pote ogn’omo.
O donna mia, non mi faite carizia
di sì tragran devizia;
né, perch’eo sia for merto, amor sdegnate,
ma stringavi pietate,
che pria vi strinse for mertar eo nente.
E se ch’io merti, Amor meo, pur volete,
di che darmi dovete,
ché null’aggio, savete,
ma’ che miseria e male; unde ben faite
se, ch’eo vo dia, me date,
non per me, ma per voi; ché s’eo non merto,
voi pur mertate certo
ciò ch’eo mertar vorria; ma posso como?
O quando, quando de masnada a corte
e poi de corte a zambra, Amor meo, vegno?
Ché pur me ‘l fa vostra pietà sperare,
unde veder mi pare,
prima perché pietà s’onora tanto
nel bisognoso manto,
quanto giustizia nel giudicio forte;
e, dar di male ben, dono è maggiore,
che di ben dar megliore;
ed al persecutore
maggio cosa è, ch’al famigliar, ben fare,
e maggio è cominciare,
no è seguire, a quel ch’è poderoso:
unde sperar pur oso,
ma come bisognoso e non già degno.

Guittone d’Arezzo, Ahi lasso, che li boni e li malvagi

Ahi lasso, che li boni e li malvagi
omini tutti hano preso acordanza
di mettere le donne in despregianza;
e ciò più ch’altro far par che lor agi.
Per che mal aggia el ben tutto e l’onore
che fatto han lor, poi n’han merto sì bello;
m’eo sarò lor ribello
e prenderò solo la defensione,
e aproverò falso lor sermone,
e le donne bone in opera e in fede;
ma voglio che di ciò grazi’ e mercede
rendano voi, gioia gioiosa, Amore.
Non per ragion, ma per malvagia usanza,
sovra le donne ha preso om signoria,
ponendole ‘n dispregio e ‘n villania
ciò ch’a sé cortesia pon’ e orranza.
Ahi, che villan giudicio e che fallace!
ch’a Deo e a ragione è om tenuto,
e per ciascun statuto,
sì come donna, a guardar de fallire:
e tanto avante più quanto è più sire
e maggiormente ha saggia oppenïone.
Adonque avemo a veder per ragione
qual più se guarda: quel blasmar men face.
Embola, robba, aucide, arde o desface,
periura, enganna, trade o falsa tanto
donna quant’om? non già, ma quasi santo
e ‘l fatto so, ver’ ch’è quel d’om fallace.
Carnal talento è ‘n loro d’un podere,
al qual, savem, donna meglio contende;
e s’el già la sorprende
perché lei ne sia port’o prego o pregio,
ma chi ‘l porge, in fallir dobra·i dispregio;
e qual armito è quel che se tenesse
s’una plagente donna el richedesse
com’om fa lei, de quanto el sa valere?
Iulio Cesar non penò tempo tanto,
né tanto mise tutto ‘l suo valore
a conquistar del mondo esser signore,
talor non faccia in donna om altretanto;
e tal è che non mai venta dovene.
Poi più savere e forza en l’om si trova,
perché non si ben prova?
Non vol, ma falla e fa donna fallare:
adonque che diritto ha ‘n lei biasmare?
Già non e meraviglia qual s’arende,
ma qual s’aiuta e [ qual se ] defende,
poi d’entro e de for tanto assalto tene.
Quant’è più ch’om d’amore a ‘nformar fera,
più feramente il ten poi l’ha fermato,
como ferro ch’è più duro tagliato
e ten la taglia poi meglio che cera;
l’onor suo torna ad onta e ‘l prode a danno,
sé ned amico né Dio guarda fiore
a seguir bene Amore;
e om non mett’ a ciò tanto coranza,
tutto ragion non sia, s’el tene amanza,
e no ‘nd’è un d’amor tanto corale,
che ‘nver’ sua donna stia ferm’ e leale;
ma donna pur trov’om for tutto inganno.
Male san dir, ma non già devisare,
ché Deo, che mosse Sé sempre a ragione,
de limo terre l’om fece e formòne,
e la donna dell’om, siccome appare;
adonqu’è troppo più naturalmente
gentil cosa che l’omo e meglio è nata,
e più sembra ch’amata
ella fosse da Dio nostro signore;
e maggiormente più feceli onore
che non per om, ma per donna, salvare
ne volle veramente ed a Sé trare;
e ciò non fu senza ragion neente.
Vale per sé: nent’ho detto a sembrante;
apresso val ché fa l’omo valere:
ché ‘ngegno, forzo, ardimento, podere
e cor de tutto ben mettere avante
donali donna en su’ amorosa spera;
for che el non saveria quasi altro fare
che dormire e mangiare.
Adonque il senno e lo valor c’ha l’omo
da la donna tener lo dea, sì como
ten lo scolar dal so maestro l’arte;
ed ella quanto face a mala parte
dall’om tener lo pò simel mainera.
Prova altra no ‘nde fo di ciò c’ho detto,
ma miri ben ciascuno se ver dico,
ché già no me desdico
de starne a confession d’omo leale;
e partase d’usar sì villan male
solo cui villania par e menzogna:
ché ‘l remanente trar de sua vergogna
non sirà tal ch’io già n’aggia deletto.
Gentil mia donna, fosse in voi tesoro
quanto v’è senno en cor, la più valente
fora ver’ voi neente;
e sed eo pur per reina vi tegno,
e’ vi corona onor com’altra regno:
ché tanto è ‘n voi di ben tutt’ abondanza,
che viso m’è, Amor, che la mancanza
d’ogni altra prenda in voi assai restoro.
Ad Arezzo la mia vera canzone
mando, Amore, a voi, per cui campione
e servo de tutt’altre esser prometto.

Guittone d’Arezzo, Ahi lasso, or è stagion de doler tanto

Ahi lasso, or è stagion de doler tanto
a ciascun om che ben ama Ragione,
ch’eo meraviglio u’ trova guerigione,
ca morto no l’ha già corrotto e pianto,
vedendo l’alta Fior sempre granata
e l’onorato antico uso romano
ch’a certo pèr, crudel forte villano,
s’avaccio ella no è ricoverata:
ché l’onorata sua ricca grandezza
e ‘l pregio quasi è già tutto perito
e lo valor e ‘l poder si desvia.
Oh lasso, or quale dia
fu mai tanto crudel dannaggio audito?
Deo, com’hailo sofrito,
deritto pèra e torto entri ‘n altezza?
Altezza tanta êlla sfiorata Fiore
fo, mentre ver’ se stessa era leale,
che ritenea modo imperïale,
acquistando per suo alto valore
provinci’ e terre, press’o lunge, mante;
e sembrava che far volesse impero
sì como Roma già fece, e leggero
li era, c’alcun no i potea star avante.
E ciò li stava ben certo a ragione,
ché non se ne penava per pro tanto,
como per ritener giustizi’ e poso;
e poi folli amoroso
de fare ciò, si trasse avante tanto,
ch’al mondo no ha canto
u’ non sonasse il pregio del Leone.
Leone, lasso, or no è, ch’eo li veo
tratto l’onghie e li denti e lo valore,
e ‘l gran lignaggio suo mort’a dolore,
ed en crudel pregio[n] mis’ a gran reo.
E ciò li ha fatto chi? Quelli che sono
de la schiatta gentil sua stratti e nati,
che fun per lui cresciuti e avanzati
sovra tutti altri, e collocati a bono;
e per la grande altezza ove li mise
ennantir sì, che ‘l piagãr quasi a morte;
ma Deo di guerigion feceli dono,
ed el fe’ lor perdono;
e anche el refedier poi, ma fu forte
e perdonò lor morte:
or hanno lui e soie membre conquise.
Conquis’è l’alto Comun fiorentino,
e col senese in tal modo ha cangiato,
che tutta l’onta e ‘l danno che dato
li ha sempre, como sa ciascun latino,
li rende, e i tolle il pro e l’onor tutto:
ché Montalcino av’abattuto a forza,
Montepulciano miso en sua forza,
e de Maremma ha la cervia e ‘l frutto;
Sangimignan, Pog[g]iboniz’ e Colle
e Volterra e ‘l paiese a suo tene;
e la campana, le ‘nsegne e li arnesi
e li onor tutti presi
ave con ciò che seco avea di bene.
E tutto ciò li avene
per quella schiatta che più ch’altra è folle.
Foll’è chi fugge il suo prode e cher danno,
e l’onor suo fa che vergogna i torna,
e di bona libertà, ove soggiorna
a gran piacer, s’aduce a suo gran danno
sotto signoria fella e malvagia,
e suo signor fa suo grand’ enemico.
A voi che siete ora in Fiorenza dico,
che ciò ch’è divenuto, par, v’adagia;
e poi che li Alamanni in casa avete,
servite i bene, e faitevo mostrare
le spade lor, con che v’han fesso i visi,
padri e figliuoli aucisi;
e piacemi che lor dobiate dare,
perch’ebber en ciò fare
fatica assai, de vostre gran monete.
Monete mante e gran gioi’ presentate
ai Conti e a li Uberti e alli altri tutti
ch’a tanto grande onor v’hano condutti,
che miso v’hano Sena in podestate;
Pistoia e Colle e Volterra fanno ora
guardar vostre castella a loro spese;
e ‘l Conte Rosso ha Maremma e ‘l paiese,
Montalcin sta sigur senza le mura;
de Ripafratta temor ha ‘l pisano,
e ‘l perogin che ‘l lago no i tolliate,
e Roma vol con voi far compagnia.
Onor e segnoria
adunque par e che ben tutto abbiate:
ciò che desïavate
potete far, cioè re del toscano.
Baron lombardi e romani e pugliesi
e toschi e romagnuoli e marchigiani,
Fiorenza, fior che sempre rinovella,
a sua corte v’apella,
che fare vol de sé rei dei Toscani,
dapoi che li Alamani
ave conquisi per forza e i Senesi.

Guittone d’Arezzo, Ahi Deo, che dolorosa

Ahi Deo, che dolorosa
ragione aggio de dire,
che per poco partire
non fa meo cor, solo membrando d’ella!
Tant’è fort’ e angosciosa,
che certo a gran pena
aggio tanto de lena,
che di bocca for traga la favella;
e tuttavia tant’ angosciosamente,
che non mi posso già tanto penare,
ch’un solo motto trare
ne possa inter, parlando in esta via;
ma’ che pur dir vorria,
s’unque potesse, el nome e l’efetto
del mal, che sì distretto
m’av’a sé, che posar non posso nente.
Nome ave Amore:
ahi Deo, ch’è falso nomo,
per ingegnare l’omo
che l’efetto di lui cred’ amoroso!
Venenoso dolore
pien di tutto spiacere,
forsennato volere,
morte al corpo ed a l’alma lo coso,
ch’è ‘l suo diritto nome in veritate.
Ma lo nome d’amor pot’om salvare,
segondo che mi pare:
“amore” quanto “a morte” vale a dire,
e ben face amortire
onor e prode e gioia, ove si tene.
Ahi, com’è morto bene
qual ha, sì come me, in podestate!
Principio de l’efetto
suo, che saver mi tolle
e me fa tutto folle,
smarruto e tracoitato malamente,
per ch’a palese è detto
ca eo son forsennato:
sì son disonorato
e tenuto noioso e dispiacente.
E me e ‘l meo in disamore ho, lasso,
e amo solo lei che m’odia a morte;
dolor più ch’altro forte
e tormento crudele e angoscioso,
e spiacer sì noioso
che par mi strugga l’alma, il corpo e ‘l core,
sento sì, che ‘l tinore
propio non porea dir: perciò me’n lasso.
Amore, perché tanto
se’ ver’ mene crudele,
già son te sì fedele
che non faccio altro mai che ‘l tuo piacere?
Ché con pietoso pianto
e con umil mercede
ti so’ stato a lo piede
ben fa quint’anno a mercé chedere,
adimostrando sempre il dolor meo,
ch’e sì crudele, e la mercé sì umana:
fera no e sì strana
che non fosse divenuta pietosa;
e tu pur d’orgogliosa
mainera se’ ver’ me sempre restato,
und’eo son disperato
e dico mal, poi ben valer non veo.
Orgoglio e villania
varrea più forse in tene
che pietanza o mercene,
per che voglio oramai di ciò far saggio:
ché veggio spesse via
per orgoglio atutare
ciò che mercé chiamare
non averea di far mai signoraggio.
Però crudel villano enemico
seraggio, Amor, sempre ver’ te, se vale;
e, se non piggior male
ch’eo sostegno or non posso sostenere,
faraime adispiacere,
mentre ch’eo vivo, quanto più porai:
ch’eo non serò giamai
in alcun modo tuo leale amico.
O no Amor, ma morte,
quali e quanti dei pro’
d’onore e di pro
hai già partiti e parti a malo engegno!
Ché gioi’ prometti forte,
donando adesso noia;
e se talor dài gioia,
oh, quanto via piggior che noi’ la tegno!
como che venta pei’ che perta a gioco
è, segondo ciò pare.
Per ch’io biasmare te deggio e laudare:
biasmar di ciò, che miso al gioco m’hai
ov’ho perduto assai;
e laudar che non mai vincer m’hai dato;
perch’ averia locato
lo core in te giocando, e or lo sloco.
Amor, non me blasmar s’io t’ho blasmato,
ma la tua fellonesca operazione:
ché non ha già ladrone
de che biasmi signor c’ha lui dannato,
ma da sentirli grato
se merta morte e per un membro e varco;
com’io te de l[o] marco
de lo mal tuo non ho grano un pesato.

Guittone d’Arezzo, Ahi, bona donna, che è devenuto

Ahi, bona donna, che è devenuto
lo compiuto – savere
e l’altera potenza
de vostra conoscenza, – ch’or non pare?
Orgoglio e villania l’ave conquisa
e misa – a non valere;
ch’è, lasso, gran pietanza,
che me fa in doloranza – adimorare:
ca lo meo bono amore
e ‘l celato servire
fa voi fallo parire,
e meve, lasso, falso entenditore.
Amore meo, se Deo m’alongi noia,
e gioia – en voi me dia,
a la stagion ch’eo foi
talentoso de voi, – lo tempo mio
sì picciol era, – no m’è viso fiore,
amore, – che de voi pria
nulla cosa vedesse
ni poi, che meve stesse – in tal desio
de servire e d’amare;
ché donna, ch’ha bellezze
più de voi ed altezze,
mi darea di sé gioi senza penare.
Ma non po l’omo aver gioia né gioco
de loco – altro, che quello
ch’al core piace ed abella;
ché non cura sol quella – ov’ha bellezza,
senza gran piacimento ed amoroso.
Ché gioioso – e novello
gaio ed adorno bene
lo viso esser convene, – unde vaghezza
de fino amore cria.
Tutto ciò in voi sogiorna:
senno e proezza adorna
v’è for paraggio, e zo m’ha ‘n segnoria.
Per mante guise è l’amistanza fina,
fina – donna, fra noi,
che trambi sen d’un tempo:
faite ch’abbiam per tempo – uno coraggio.
Ché la ‘mprimera mia speranza sete
e serete – la poi:
che voi m’amiate o noe,
mai altro me non poe – dar allegraggio.
Amar chi v’ama tanto,
amor, già non fallate,
ma se voi non lo amate:
ché Deo chi l’ama merta in cento tanto.
Ora considerate, amor, per Deo,
se de lo meo – servire
deggi’esser meritato:
ca, s’eo non sono usato – là ‘ve sete,
per poco amor no è, ma per temore
ch’a l’onore – e al piacere
de voi non fosse reo.
Male de ben, per Deo, – non mi rendete,
né stea per vil temenza
che non mi diate aiuto,
ch’ardimento compiuto
sta bene a donna de vostra valenza.
Ubertin, dolze amico,
or agio eo ben provato
ch’amar troppo celato
ten l’om de gioi d’amor sempre mendico.

Onesto Bolognese – Ahi lasso taupino!, altro che lasso

Ahi lasso taupino!, altro che lasso
non posso dir, sì sono a greve messo;
sento ‘l mio core e ciascun membro preso
morir sì forte, ch’oltr’a morte passo;
celar non posso più la greve noia,
tanto contra me poia
pena mortale e rea disaventura;
però quanto più dura
la vita mia, più soverchia il dolore:
male ad opo meo m’ha fatto Amore.
Sì mal fu Amor creato all’opo meo
che m’è vergogna dir ciò che m’incontra;
tutto fu fatto solo a mia incontra,
però no·l chiamo Amor, ma amaro e reo.
Per lui lo core meo chiamo cor morto,
ingiuliato a torto,
ed ancor me per lui chiamo mal nato,
perch’è sì sventurato,
ch’ogni mio membro si sbatte e s’adira,
piangone gli occhi e l’anima sospira.
Pianger li occhi e lacrimar tuttora
e di pianto bagnar tutto ‘l meo viso
possono ben, guardando a me conquiso,
e per lo corpo lasso, ove dimora
l’anima mia, per forza sospirare;
ché l’è morte lo stare
più col corpo che arde più che ‘n foco.
E i·nessun altro loco
potrebbe peggiorar sua condizione:
sì m’ha condotto Amor contra ragione.
Ragion non fa chi m’accusa e riprende,
ché contra il mio volere Amor mi mena;
ma chi non si conduole a la mia pena
secondo umanità, Pietate offende;
doler se·n dè ciascun naturalmente,
che dovria tutta gente
gir, per chiamar pietà, a la donna mia;
e quando va per via,
dovria ciascun gridar “merzé, merzede”,
che non m’ancida, s’eo l’amo di fede.
Di fede e di pietà canzon vestita,
va’ a le donne e gettati a’ lor piedi,
che preghin quella che aggia merzede
poco, per Deo, della mia lassa vita;
di’ che Deo, sicome ama pietate
condanna crudeltate;
là ‘nde di ciò assai più mi doglio eo:
ch’ofende per me Deo,
che in ogne parte ha messo stato bono;
ma quanto per me posso, io le·l perdono.