Alfani | classicistranieri.com

Skip to content

Tag Archives: Alfani

Settantennale del discorso-manifesto di Harvard, con cui Churchill spiegò i piani per la dominazione dei popoli per via linguistica, attraverso l’inglese

07-set-13

L’Associazione Radicale Esperanto vuole informare di quei piani misconosciuti volti ad assicurare ad americani ed inglesi, come recita il testo, “guadagni di gran lunga superiori che non il toglierci province e territori o schiacciarci con lo sfruttamento” grazie alla dominazione linguistica. Dopo una breve introduzione del Segretario dell’ERA Giorgio Pagano e la lettura del discorso-manifesto [...]

Gianni Alfani – Se quella donna ched i’ tegno a mente

16-ago-13

Se quella donna ched i’ tegno a mente atasse il su’ servente, i’ sare’ ribandito ora a Natale; ma i’ son certo che non le ne cale! Però, parole nate di sospiri ch’escon del pianto che mi fende ‘l core, sappiate ben contar de’ miei martiri la chiave, che vi serra ogni dolore, a quelle [...]

Gianni Alfani – De la mia donna vo’ cantar con voi

16-ago-13

De la mia donna vo’ cantar con voi, madonne da Vinegia, però ch’ella vi fregia d’ogn’adorna bellezza che vo’ avete. La prima volta ched i’ la guardai, volsemi gli occhi suoi sì pien’ d’amor, che mi preser nel core l’anima isbigottita, sì che mai non ragionò d’altrui, come legger si può nel meo colore. O [...]

Gianni Alfani – Ballatetta dolente

14-lug-11

Ballatetta dolente, va’ mostrando il mi’ pianto che di dolor mi cuopre tutto quanto. Tu te ne andrai imprima a quella gioia per cui Fiorenza luce ed è pregiata; e quetamente, che non le sie noia, la priega che t’ascolti, o sconsolata; poi le dirai affannata come m’ha tutto infranto il tristo bando che mi [...]

Gianni Alfani – Quanto più mi disdegni più mi piaci

14-lug-11

Quanto più mi disdegni, più mi piaci, e quan’ tu mi di’: «Taci», una paura nel cor mi discende che dentro un pianto di morte v’accende. Se non t’incresce di veder morire lo cor che tu m’ha’ tolto, Amor l’ucciderà ‘n quella paura ch’accende il pianto del crudel martire, che mi spegne del volto l’ardire, [...]