Archivi tag: Alfieri

Gaius Plinius Caecilius Secundus – Panegirico di Plinio a Trajano, nuovamente trovato, e tradotto da Vittorio Alfieri da Asti

NOBILE e generoso incarco da voi, o padri coscritti, mi viene in questo giorno affidato, poichè lodi vere ad un ottimo principe potrò io dare, senza arrossire; ed egli, spero, senza arrossire riceverle. E giorno veramente questo di eterna memoria sarà, men lusingo, se io, di romano console la maestà lungamente per la tristizia de’ tempi obbliata riassumendo, saprò dalla sublimità del soggetto, e dalla opportunità dei tempi, trar cose degne (altro…)

Vittorio Alfieri – Sofonisba

Duro a soffrirsi il soldatesco orgoglio! Se il lor duce in superbia anco gli avanza, come in vero valor… Ma no; mi è noto Scipione: in Cirta, entro mia reggia, io l’ebbi ospite giá: molto era umano, e mite… Stolto Siface! or, che favelli? Allora Scipione a te, per mendicare ajuti, venía; né allor, tuo vincitore egli era.— Ahi, vinto re! preso in battaglia, e tratto ferito in ceppi entro al (altro…)

Vittorio Alfieri – Ottavia

EText-No. 38012
Title: Ottavia
Author: Alfieri, Vittorio, 1749-1803
Language: Italian
Link: cache/generated/38012/pg38012.epub
Link: cache/generated/38012/pg38012-images.epub

EText-No. 38012
Title: Ottavia
Author: Alfieri, Vittorio, 1749-1803
Language: Italian
Link: 3/8/0/1/38012/38012-h/38012-h.htm

EText-No. 38012
Title: Ottavia
Author: Alfieri, Vittorio, 1749-1803
Language: Italian
Link: cache/generated/38012/pg38012-images.mobi
Link: cache/generated/38012/pg38012.mobi

EText-No. 38012
Title: Ottavia
Author: Alfieri, Vittorio, 1749-1803
Language: Italian
Link: 3/8/0/1/38012/38012-8.txt
Link: cache/generated/38012/pg38012.txt.utf8

EText-No. 38012
Title: Ottavia
Author: Alfieri, Vittorio, 1749-1803
Language: Italian
Link: 3/8/0/1/38012/38012-h.zip

EText-No. 38012
Title: Ottavia
Author: Alfieri, Vittorio, 1749-1803
Language: Italian
Link: 3/8/0/1/38012/38012-8.zip

Vittorio Alfieri – Agide

Parmi, che senza viltá né arroganza, ad un re infelice e morto io possa dedicare il mio Agide.

Questo re di Sparta ebbe con voi comune la morte, per giudizio iniquo degli efori; come voi, per quello d’un ingiusto parlamento. Ma quanto fu simile l’effetto, altrettanto diversa n’era la cagione. Agide, col ristabilire l’uguaglianza e la libertá, volea restituire a Sparta le sue virtú, e il suo splendore; quindi egli pieno di (altro…)