Archivi tag: Amor

Rinaldo d’Aquino, Amor, che m’à ‘n comando

Amor, che m’à ‘n comando,
vuol ch’io degia cantare
lo mal dire e contare
che mi fa soferire,
di quella rimembrando
c’altra più bella, [o] pare,
non por[r]ia rinformare
natur’ a suo podire
e a cui lungiamente
servidore son stato – e leanza
le porto con fin core e co speranza:
ch’i’ spero ed ò portato
che se fallanza – inver di lei facisse
che gioia e tut[t]o ben fallisse;
per ch’io non falseragio al mio vivente.
A vita mia falsando
non por[r]ia, ciò mi pare;
be[n] mi (altro…)

Guido delle Colonne, Amor, che lungiamente m’ài menato

Amor, che lungiamente m’ài menato
a freno stretto senza riposanza,
alarga le toi retine, in pietanza,
chè soperchianza – m’a vinto e stancato;
c’ò più durato – ch’eo non ò possanza,
per voi, madonna, a cui porto lianza
più che non fa assessino asorcuitato,
che si lassa morir per sua credanza.
Ben este affanno dilittoso amare,
e dolze pena ben si pò chiamare;
ma voi, madonna, de la mia travaglia,
ca sì mi squaglia, – prenda voi merzide,
che ben è dolze mal, (altro…)

Guittone d’Arezzo, Amor merzé, per Deo, merzé, merzede

Amor merzé, per Deo, merzé, merzede
del gran torto, ché più v’amo che mene.
Lasso, morte perdona om per merzede
a quel che di morir servito ha bene;
e no è cor crudel sì, che merzede
no ‘l faccia umil, tal che pietà retene;
e vence Deo per sua vertù merzede,
e cosa altra che voi no li si tene.
Ma certo già non porete orgogliando
montar tanto, che più sempre eo non sia
con merzede cherere umiliando.
E pur conven che (altro…)

Guittone d’Arezzo, Se Deo – m’aiuti, amor, peccato fate

Se Deo – m’aiuti, amor, peccato fate,
se v’allegrate – de lo male meo:
com’eo – più cher merzé, più mi sdegnate;
e non trovate, – amor, perché, per Deo! ,
far ch’eo – de mia amorosa fedeltate
la maiestate – vostra, amor, recheo;
non creo – che però ragione abbiate
che m’auzidiate, – amor, cor di zudeo.
Non veo, – amor, che cosa vi mancasse,
se ‘n voi degnasse – fior valer merzede,
ché ciò decede – orgoglio e vi (altro…)

Guittone d’Arezzo, Amor, merzede, intende s’eo ragione

Amor, merzede, intende s’eo ragione
chero davante la tua segnoria,
che for m’hai miso di mia possessione,
e messo in quella de la donna mia,
e sempre mi combatti onne stagione.
Perché lo fai, poi sono a tua balia?
Ché non fer quella, che contra te pone
suo senno e suo talento e te guerria?
Mostri che tu non se’ comun segnore,
se lei riguardi e me vuoi far morire,
o vero che non hai tanto valore.
Ben credo l’averesti in tuo (altro…)

Guittone d’Arezzo, Amor m’ha priso ed incarnato tutto

Amor m’ha priso ed incarnato tutto,
ed a lo core di sé posanza
e di ciascuno membro trae frutto,
da poi che priso ha tanto di possanza.
Doglia onta e danno hame condutto,
e del mal meo mi fa aver disianza,
e del ben di lei spietat’ème ‘n tutto,
sì meve e ciascun’alma ha ‘n disdegnanza.
Spessamente lo chiamo e dico: Amore,
chi t’ha dato di me tal segnoraggio,
ch’hai conquiso meo senno e meo valore?
Eo prego che ti facie meo (altro…)

Guittone d’Arezzo, O tu, de nome Amor, guerra de fatto

O tu, de nome Amor, guerra de fatto,
segondo i toi cortesi eo villaneggio,
ma segondo ragion cortesia veggio
s’eo blasmo te, o chi tec’ ha contratto.
Per che seguo ragion, non lecciaria,
und’ho già mante via
portato in loco di gran ver menzogna
ed in loco d’onor propia vergogna,
in loco di saver rabbi’ e follia;
or torno de resia
in dritta ed in verace oppinïone:
e, se mostranza di viva ragione
valer potesse ai guerrer ditti amanti,
credo varraggio lor, ché ‘n (altro…)

Guittone d’Arezzo, Amor tanto altamente

Amor tanto altamente
lo meo entendimento
ave miso, che nente
aggio ardimento – di contare e dire
como di lei m’ha priso;
ma vista tal presento,
che lei ha certo miso
come ‘n suo segnoraggio meo desire.
A che di ciò m’aveggio,
certo celar nol deggio;
non che celar lo bene
che del segnore avene – fosse fallire,
(falla chi più piacente
nol fa, che ‘l ver consente),
ma a lo male dia
om ben donare obbria, – poi vol servire.
Eo, che servir talento,
la detta via (altro…)

Vittoria Colonna – Amor, tu sai che mai non torsi il piede

Amor, tu sai che mai non torsi il piede
Dal carcer tuo soave, nè disciolsi
Dal dolce giogo il collo, nè ti tolsi
Quanto dal primo dì l’alma ti diede.
Tempo non cangiò mai l’antica fede;
Il nodo è stretto ancor com’io l’avvolsi;
Nè per l’amaro frutto ch’ognor colsi,
L’alta cagion men cara al cor mi riede.
Visto hai quanto in un petto fido ardente
Può far quel caro tuo più acuto dardo,
Contro del cui poter morte non valse,
Fa omai (altro…)

Vittoria Colonna – Di così nobil fiamma amor mi cinse

Di così nobil fiamma amor mi cinse,
Che poco apprezza il trapassar dell’ore,
E col suo dolce, casto e santo ardore;
Ogni altra nel mio petto altera estinse.
Ricco legame al bel giogo m’avvinse,
Tal che disdegna umil catena il core;
Nè più speranza vuol nè più timore;
L’arse un incendio, un sol nodo lo strinse.
Scelto dardo pungente all’arco tese
Che fe la piaga, ch’or serbo immortale,
Per schermo contra ogni amoroso impaccio.
Amor le faci spense ove l’accese,
L’arco spezzò all’avventar (altro…)

Luis de Camoes – Amor, com a esperança ja perdida

Amor, com a esperança ja perdida
Teu soberano templo visitei:
Por signal do naufragio que passei,
Em lugar dos vestidos, puz a vida.
Que mais queres de mi, pois destruida
Me t~ees a gloria toda que alcancei?
Não cuides de render-me; que não sei
Tornar a entrar-me onde não ha sahida.
Vês aqui a vida, e a alma, e a esperança,
Doces despojos de meu bem passado,
Em quanto o quiz aquella que eu adoro.
Nellas (altro…)

Luis de Camoes – Busque Amor novas artes, novo engenho

Busque Amor novas artes, novo engenho
Para matar-me, e novas esquivanças;
Que não póde tirar-me as esperanças,
Pois mal me tirará o que eu não tenho.
Olhai de que esperanças me mantenho!
Vêde que perigosas seguranças!
Pois não temo contrastes nem mudanças,
Andando em bravo mar, perdido o lenho.
Mas com quanto não póde haver desgôsto
Onde esperança falta, lá me esconde
Amor hum mal, que mata e não se vê.
Que dias ha que na (altro…)

Raffaello Sanzio – Amor, tu m’envesscasti con doi lumi

Amor, tu m’envesscasti con doi lumi
de doi beli occhi dov’io me strugo e [s]face,
da bianca neve e da rosa vivace,
da un bel parlar in donnessi costumi.

Tal che tanto ardo, ch[e] né mar né fiumi
spegnar potrian quel foco; ma non mi spiace,
poiché ‘l mio ardor tanto di ben mi face,
ch’ardendo onior più d’arder me consu[mi].

Quanto fu dolce el giogo e la catena
de’ toi candidi braci al col mio (altro…)

Francesco Petrarca – Amor, se vuo’ ch’i’torni al giogo anticho

Amor, se vuo’ ch’i’torni al giogo anticho,
come par che tu mostri, un’altra prova
meravigliosa et nova,
per domar me, conventi vincer pria.
Il mio amato tesoro in terra trova,
che m’è nascosto, ond’io son sí mendico,
e ‘l cor saggio pudico,
ove suol albergar la vita mia;
et s’egli è ver che tua potentia sia
nel ciel sí grande come si ragiona,
et ne l’abisso (perché qui fra noi
quel che tu val’ et puoi,
credo che ‘l sente ogni gentil persona),
ritogli (altro…)

Francesco Petrarca – I’ ò pregato Amor, e ‘l ne riprego

I’ ò pregato Amor, e ‘l ne riprego,
che mi scusi appo voi, dolce mia pena,
amaro mio dilecto, se con piena
fede dal dritto mio sentier mi piego.
I’ nol posso negar, donna, et nol nego,
che la ragion, ch’ogni bona alma affrena,
non sia dal voler vinta; ond’ei mi mena
talor in parte ov’io per forza il sego.
Voi, con quel cor, che di sí chiaro ingegno,
di sí alta vertute il cielo alluma,
quanto mai piovve da benigna (altro…)

Francesco Petrarca – Amor, io fallo, et veggio il mio fallire

Amor, io fallo, et veggio il mio fallire,
ma fo sí com’uom ch’arde e ‘l foco à ‘n seno,
ché ‘l duol pur cresce, et la ragion vèn meno
et è già quasi vinta dal martire.
Solea frenare il mio caldo desire,
per non turbare il bel viso sereno:
non posso piú; di man m’ài tolto il freno,
et l’alma desperando à preso ardire.
Però s’oltra suo stile ella s’aventa,
tu ‘l fai, che sí l’accendi, et sí la sproni,
ch’ogni (altro…)

Francesco Petrarca – Lasso, Amor mi trasporta ov’io non voglio

Lasso, Amor mi trasporta ov’io non voglio,
et ben m’accorgo che ‘l dever si varcha,
onde, a chi nel mio cor siede monarcha,
sono importuno assai piú ch’i’ non soglio;
né mai saggio nocchier guardò da scoglio
nave di merci precïose carcha,
quant’io sempre la debile mia barcha
da le percosse del suo duro orgoglio.
Ma lagrimosa pioggia et fieri vènti
d’infiniti sospiri or l’ànno spinta,
ch’è nel mio mare horribil notte et verno,
ov’altrui noie, a sé doglie et tormenti
porta, et (altro…)

Francesco Petrarca – Amor co la man dextra il lato manco

Amor co la man dextra il lato manco
m’aperse, e piantòvi entro in mezzo ‘l core
un lauro verde, sí che di colore
ogni smeraldo avria ben vinto et stanco.

Vomer di pena, con sospir’ del fianco,
e ‘l piover giú dalli occhi un dolce humore
l’addornâr sì, ch’al ciel n’andò l’odore,
qual non so già se d’altre frondi unquanco.

Fama, Honor et Vertute et Leggiadria,
casta bellezza in habito celeste
son le radici de la nobil pianta.

Tal la mi trovo (altro…)

Francesco Petrarca – Amor mi manda quel dolce pensero

Amor mi manda quel dolce pensero
che secretario anticho è fra noi due,
et mi conforta, et dice che non fue
mai come or presto a quel ch’io bramo et spero.

Io, che talor menzogna et talor vero
ò ritrovato le parole sue,
non so s’i’ ‘l creda, et vivomi intra due,
né sí né no nel cor mi sona intero.

In questa passa ‘l tempo, et ne lo specchio
mi veggio andar ver’ la stagion contraria
a sua impromessa, et (altro…)