classicistranieri.com

We are not Charlie and we will never be.

Giuseppe Gioachino Belli – Er ricordo – Er giorno che impiccorno Gammardella

Easy Plugin for AdSense by Unreal Er giorno che impiccorno Gammardella Io m’ero propio allora accresimato. Me pare mó, ch’er zàntolo a mmercato Me pagò un zartapicchio e ‘na sciammella. Mi’ padre pijjò ppoi la carrettella, Ma pprima vorze gode l’impiccato: E mmie tieneva in arto inarberato Discenno: “Va’ la forca cuant’è bbella!”. Tutt’a un […]

more... »

ven, maggio 8 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Giuseppe Gioachino Belli – La Peracottara – Sto a ffà la caccia, caso che mmommone

Sto a ffà la caccia, caso che mmommone Passassi pe dde cqua cquela pasciocca, Che vva strillanno co ttanta de bbocca: Sò ccanniti le pera cotte bbone. Ché la voría schiaffà ddrento a ‘n portone E ppo’ ingrufalla indove tocca, tocca; Sibbè che mm’abbi ditto Delarocca, C’ho la pulenta e mmó mme viè un tincone.

more... »

ven, maggio 8 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Giuseppe Gioachino Belli – L’Aducazzione – Fijjo, nun ribbartà mmai tata tua

Fijjo, nun ribbartà mmai tata tua: Abbada a tté, nnun te fà mmette sotto. Si cquarchiduno te viè a ddà un cazzotto, Lí ccallo callo tu ddàjjene dua. Si ppoi quarcantro porcaccio de ua Te sce fascessi un po’ de predicotto, Dijje: “De ste raggione io me ne fotto: Iggnuno penzi a li fattacci sua”.

more... »

ven, maggio 8 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Giuseppe Gioachino Belli – Pio Ottavo – Che ffior de Papa creeno! Accidenti!

Che ffior de Papa creeno! Accidenti! Co rrispetto de lui pare er Cacamme. Bbella galanteria da tate e mmamme Pe ffà bbobo a li fijji impertinenti! Ha un erpeto pe ttutto, nun tiè ddenti, È gguercio, je strascineno le gamme, Spènnola da una parte, e bbuggiaramme Si arriva a ffà la pacchia a li parenti.

more... »

ven, maggio 8 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Giuseppe Gioachino Belli – Abbada a chi ppijji

Santi che vva a strillà cco la cariola Nocchie rusicarelle e bbruscoletti, Che jer l’antro sce diede li confetti Pe avé ppresa la fijja de Sciriola; Dio s’allarga, peddio, la fischiarola!, Come vorze infroscià li vicoletti, S’impiastrò immezzo a un lago de bbrodetti, De cuelli che cce vò lla bbavarola. Ecco cuer che succede a […]

more... »

ven, gennaio 3 2014 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Giuseppe Gioacchino Belli – Avvoi de sotto

S’aricconta c’un frate zzoccolante, Grasso ppiù der compar de sant’Antonio, Ner concrude una predica incarzante Sull’obbrighi der zanto madrimonio, Staccò er Cristo dar pùrpito e ggronnante De sudore strillò ccom’un demonio: “Eccolo, e vve lo dico a ttutte quante, Eccolo su sta crosce er tistimonio. Io mó lo tiro in testa inviperito A cchi ss’è […]

more... »

ven, gennaio 3 2014 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Giuseppe Gioachino Belli – Er bon Capo d’Anno

Bbon capo-d’ajjo a llei, sora Maria. Nun c’è arisposta? e cche vvor dì? vve fanno? Eh oggi s’ha da vive in alegria E nnun pijjasse de ggnisun malanno. Anzi, io volevo, per nun dì bbuscìa, Che ffascessimo inzieme un contrabbanno; Ché cquer che se fa oggi, sposa mia, Poi se seguita a ffà ppe ttutto […]

more... »

ven, gennaio 3 2014 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Giuseppe Gioacchino Belli – Li soprani del monno vecchio – Lettura di Valerio Di Stefano

belli-lisopranidermonnovecchio [mp3-jplayer tracks=”http://www.classicistranieri.com/wp-content/uploads/2013/11/belli-lisopranidermonnovecchio.mp3″ width=”100%”]

more... »

mer, novembre 6 2013 » Senza categoria, Valerio Di Stefano » Commenti disabilitati

Giuseppe Gioacchino Belli – La bbona famijjia – Lettura di Valerio Di Stefano

belli-labbonafamijjia [mp3-jplayer tracks=”http://www.classicistranieri.com/wp-content/uploads/2013/11/belli-labbonafamijjia.mp3″ width=”100%”]

more... »

mer, novembre 6 2013 » Senza categoria, Valerio Di Stefano » Commenti disabilitati

A Compare Domenico – Giuseppe Gioachino Belli

Me so ffatto, compare, una regazza bianca e roscia, chiapputa e bbadialona, co ’na faccia de matta bbuggiarona, e ddu’ brocche, pe ddio, che cce se sguazza. Si la vedessi cuanno bballa in piazza, cuanno canta in farzetto, e cquanno sona, diressi: «Ma de che? mmanco Didona, che squajjava le perle in de la tazza». […]

more... »

dom, settembre 15 2013 » Senza categoria » Commenti disabilitati