Archivi tag: che

Gaspara Stampa – Qui, dove avien che ‘l nostro mar ristagne

      Qui, dove avien che ‘l nostro mar ristagne,
conte, la vostra misera Anassilla,
quando la luna agghiaccia e ‘l sol favilla,
pur voi chiamando, si lamenta ed agne.
Voi, dove avien che l’Oceano bagne,
la notte, il giorno, a l’alba ed a la squilla,
menando vita libera e tranquilla,
mirate lieto il mar e le campagne.
E sì l’assenzia e ‘l poco amor v’invola
la memoria di lei, la vostra fede,
che pur non le scrivete una parola.
O fra tutt’altre mia Continua la lettura di Gaspara Stampa – Qui, dove avien che ‘l nostro mar ristagne

Francesco Petrarca – Aura che quelle chiome bionde et crespe

Aura che quelle chiome bionde et crespe
cercondi et movi, et se’ mossa da loro,
soavemente, et spargi quel dolce oro,
et poi ‘l raccogli, e ‘n bei nodi il rincrespe,

tu stai nelli occhi ond’amorose vespe
mi pungon sí, che ‘nfin qua il sento et ploro,
et vacillando cerco il mio thesoro,
come animal che spesso adombre e ‘ncespe:

ch’or me ‘l par ritrovar, et or m’accorgo
ch’i’ ne son lunge, or mi sollievo or caggio,
ch’or quel ch’i’ bramo, Continua la lettura di Francesco Petrarca – Aura che quelle chiome bionde et crespe

Francesco Petrarca – Pien d’un vago penser che me desvia

Pien d’un vago penser che me desvia
da tutti gli altri, et fammi al mondo ir solo,
ad or ad ora a me stesso m’involo
pur lei cercando che fuggir devria;

et veggiola passar sí dolce et ria
che l’alma trema per levarsi a volo,
tal d’armati sospir’ conduce stuolo
questa bella d’Amor nemica, et mia.

Ben s’i’ non erro di pietate un raggio
scorgo fra ‘l nubiloso, altero ciglio,
che ‘n parte rasserena il cor doglioso:

allor raccolgo l’alma, et poi Continua la lettura di Francesco Petrarca – Pien d’un vago penser che me desvia

Francesco Petrarca – Or che ‘l ciel et la terra e ‘l vento tace

Or che ‘l ciel et la terra e ‘l vento tace
et le fere e gli augelli il sonno affrena,
Notte il carro stellato in giro mena
et nel suo letto il mar senz’onda giace,

vegghio, penso, ardo, piango; et chi mi sface
sempre m’è inanzi per mia dolce pena:
guerra è ‘l mio stato, d’ira et di duol piena,
et sol di lei pensando ò qualche pace.

Cosí sol d’una chiara fonte viva
move ‘l dolce et l’amaro ond’io Continua la lettura di Francesco Petrarca – Or che ‘l ciel et la terra e ‘l vento tace

Francesco Petrarca – Amor, che vedi ogni pensero aperto

Amor, che vedi ogni pensero aperto
e i duri passi onde tu sol mi scorgi,
nel fondo del mio cor gli occhi tuoi porgi,
a te palese, a tutt’altri coverto.

Sai quel che per seguirte ò già sofferto:
et tu pur via di poggio in poggio sorgi,
di giorno in giorno, et di me non t’accorgi
che son sí stanco, e ‘l sentier m’è troppo erto.

Ben veggio io di lontano il dolce lume
ove per aspre vie mi sproni Continua la lettura di Francesco Petrarca – Amor, che vedi ogni pensero aperto

Giosuè Carducci – E voi, se fia che l’imminente possa

E voi, se fia che l’imminente possa
Deprechiate e del fato empio le guerre,
Voi non avrete a cui regger si possa
Vostra vecchiezza quando orba si atterre.

Soli del figliuol vostro in su la fossa
Quel dí che i dolorosi occhi vi serre
Aspetterete. O forse no. Son l’ossa
Sparse de’ nostri per diverse terre.

Oh, che il dí vostro d’atre nubi pieno
Non tramonti in procella! oh, che il diletto
Capo si posi ad un fidato seno!

Io chiamo invano Continua la lettura di Giosuè Carducci – E voi, se fia che l’imminente possa

Giosuè Carducci – Te gridi vil quei che piegò la scema

Te gridi vil quei che piegò la scema
Alma sotto ogni danno ed a l’ostile
Possa adulò, pago a cessar l’estrema
Liberatrice d’ogni cor gentile:

Te gridi vile il mondo, il mondo vile
Che muor di febbre su le piume, e trema,
Pur franto da la lunga età senile,
In conspetto a la sacra ora suprema.

Ben te, o fratel, di ricordanza pia
Proseguirà qual cor senta i funesti
Regni del fato e il viver nostro orrendo,

Te che di sangue spazïosa Continua la lettura di Giosuè Carducci – Te gridi vil quei che piegò la scema