classicistranieri.com / Giovanni Boccaccio – Decamerone – Concordanze generali per forma

Skip to content

Tag Archives: Decamerone

Giovanni Boccaccio – Decamerone – Concordanze generali per forma

24-ott-13

Filename Size Date decameron.doc 36,998,656  10/24/13  12:25 pm decameron.odt 10,025,561  10/24/13  12:24 pm decameron.pdf 25,256,144  10/24/13  12:18 pm decameron.rtf 133,736,863  10/24/13  12:12 pm demo.pdf 1,382,174  10/24/13  12:28 pm

Giovanni Boccaccio – Donno Gianni ad istanzia di compar Pietro fa lo ‘ncantesimo per far diventar la moglie una cavalla; e quando viene ad appiccar la coda, compar Pietro, dicendo che non vi voleva coda, guasta tutto lo ‘ncantamento.

17-lug-13

Questa novella dalla reina detta diede un poco da mormorare alle donne e da ridere a’ giovani; ma poi che ristate furono, Dioneo così cominciò a parlare. Leggiadre donne, infra molte bianche colombe aggiugne più di bellezza uno nero corvo, che non farebbe un candido cigno; e così tra molti savi alcuna volta un men [...]

Giovanni Boccaccio – Due giovani domandano consiglio a Salamone, l’uno come possa essere amato, l’altro come gastigar debba la moglie ritrosa. All’un risponde che ami, all’altro che vada al Ponte all’oca.

17-lug-13

Niuno altro che la reina, volendo il privilegio servare a Dioneo, restava a dover novellare, la qual, poi che le donne ebbero assai riso dello sventurato Biondello, lieta cominciò così a parlare. Amabili donne, se con sana mente sarà riguardato l’ordine delle cose, assai leggiermente si conoscerà tutta la universal moltitudine delle femine dalla natura [...]

Giovanni Boccaccio – Biondello fa una beffa a Ciacco d’un desinare, della quale Ciacco cautamente si vendica, faccendo lui sconciamente battere.

17-lug-13

Universalmente ciascuno della lieta compagnia disse quello che Talano veduto avea dormendo non essere stato sogno ma visione, sì appunto, senza alcuna cosa mancarne, era avvenuto. Ma, tacendo ciascuno, impose la reina alla Lauretta che seguitasse, la qual disse. Come costoro, soavissime donne, che oggi davanti a me hanno parlato, quasi tutti da alcuna cosa [...]

Giovanni Boccaccio – Talano d’Imolese sogna che uno lupo squarcia tutta la gola e ‘l viso alla moglie; dicele che se ne guardi; ella nol fa, e avvienle.

17-lug-13

Essendo la novella di Panfilo finita e l’avvedimento della donna commendato da tutti, la reina a Pampinea disse che dicesse la sua, la quale allora cominciò: Altra volta, piacevoli donne, delle verità dimostrate da’ sogni, le quali molte scherniscono, s’è fra noi ragionato; e però, come che detto ne sia, non lascerò io che con [...]