Archivi tag: dolce

Guittone d’Arezzo, O dolce terra aretina

O dolce terra aretina,
pianto m’aduce e dolore
(e ben chi non piange ha dur core,
over che mattezza el dimina)
membrando ch’eri di ciascun delizia,
arca d’onni divizia
sovrapiena, arna di mel terren tutto,
corte d’onni disdutto
e zambra di riposo [carca] e d’agio,
refittoro e palagio
a privadi e a stran’ d’onni savore,
d’ardir gran miradore,
forma di cortesia e di piagenza
e di gente accoglienza,
norma di cavaler’, di donne assempro.
Oh, quando mai mi tempro
di pianto, di sospiri e di lamento,
poi d’onni (altro…)

Vittoria Colonna – Se dal dolce pensier riscuoto l’alma

Se dal dolce pensier riscuoto l’alma
Per bassi effetti dell’umana vita,
Riman dal primo suo corso smarrita
Qual nave giunta in perigliosa calma.
Or come avvien che questa grave salma
Lei sì leggiera, sì presta e spedita,
Ritiri in terra, essendo in ciel unita
Con la sua luce glorïosa ed alma?
Se lì s’appaga, si nodrisce e vive,
E l’abitar in questo carcer sempre
Le saria lunga dura e viva morte?
Com’è che ‘l minor nostro il maggior prive
Del vero oggetto? e (altro…)

Francesco Petrarca – Là ver’ l’aurora, che sí dolce l’aura

Là ver’ l’aurora, che sí dolce l’aura
al tempo novo suol movere i fiori,
et li augelletti incominciar lor versi,
sí dolcemente i pensier’ dentro a l’alma
mover mi sento a chi li à tutti in forza,
che ritornar convenmi a le mie note.
Temprar potess’io in sí soavi note
i miei sospiri ch’addolcissen Laura,
faccendo a lei ragion ch’a me fa forza!
Ma pria fia ‘l verno la stagion de’ fiori,
ch’amor fiorisca in quella nobil alma,
che non curò già (altro…)

Francesco Petrarca – Amor mi manda quel dolce pensero

Amor mi manda quel dolce pensero
che secretario anticho è fra noi due,
et mi conforta, et dice che non fue
mai come or presto a quel ch’io bramo et spero.

Io, che talor menzogna et talor vero
ò ritrovato le parole sue,
non so s’i’ ‘l creda, et vivomi intra due,
né sí né no nel cor mi sona intero.

In questa passa ‘l tempo, et ne lo specchio
mi veggio andar ver’ la stagion contraria
a sua impromessa, et (altro…)

Francesco Petrarca – A la dolce ombra de le belle frondi

A la dolce ombra de le belle frondi
corsi fuggendo un dispietato lume
che’nfin qua giú m’ardea dal terzo cielo;
et disgombrava già di neve i poggi
l’aura amorosa che rinova il tempo,
et fiorian per le piagge l’erbe e i rami.

Non vide il mondo sí leggiadri rami,
né mosse il vento mai sí verdi frondi
come a me si mostrâr quel primo tempo:
tal che, temendo de l’ardente lume,
non volsi al mio refugio ombra di poggi,
ma de la (altro…)

Francesco Petrarca – Quel vago impallidir che ‘l dolce riso

Quel vago impallidir che ‘l dolce riso
d’un’amorosa nebbia ricoperse,
con tanta maiestade al cor s’offerse
che li si fece incontr’a mezzo ‘l viso.

Conobbi allor sí come in paradiso
vede l’un l’altro, in tal guisa s’aperse
quel pietoso penser ch’altri non scerse:
ma vidil’ io, ch’altrove non m’affiso.

Ogni angelica vista, ogni atto humile
che già mai in donna ov’amor fosse apparve,
fôra uno sdegno a lato a quel ch’i’ dico.

Chinava a terra il bel guardo gentile,
et tacendo dicea, come (altro…)

Michelangelo Buonarroti – Tu ha’ ‘l viso più dolce che la sapa

Tu ha’ ‘l viso più dolce che la sapa,
e passato vi par sù la lumaca,
tanto ben lustra, e più bel c’una rapa;
e’ denti bianchi come pastinaca,
in modo tal che invaghiresti ‘l papa;
e gli occhi del color dell’utriaca;
e’ cape’ bianchi e biondi più che porri:
ond’io morrò, se tu non mi soccorri.
La tua bellezza par molto più bella
che uomo che dipinto in chiesa sia:
la bocca tua mi par una (altro…)

Giovan Battista Marino – Seno – O che dolce sentier tra mamma e mamma

O che dolce sentier tra mamma e mamma
scende in quel bianco sen, ch’Amor allatta!
Vago mio cor, qual timidetta damma,
da’ begli occhi cacciato, ivi t’appiatta;

dal’ardor, che ti strugge a dramma a dramma,
schermo ti fia la bella neve intatta:
neve ch’ognor dala vivace fiamma
di duo soli è percossa e non disfatta.

Vattene pur, ma per la via secreta
non distender tant’oltre i passi audaci
che t’arrischi a toccar l’ultima meta;

raccogli sol, cultor felice, e taci,
in quel solco (altro…)