Archivi tag: foco

Guido delle Colonne, Ancor che l’aigua per lo foco lassi

Ancor che l’aigua per lo foco lassi
la sua grande freddura
non cangeria natura
s’alcun vasello in mezzo non vi stassi;
anzi averria senza lunga dimura
che lo foco astutassi,
o che l’aigua seccassi;
ma per lo mezzo l’uno e l’autra dura.
Cusì, gentil criatura,
in me à mostrato Amore
l’ardente suo valore:
che senza Amore er’aigua fredda e ghiaccia,
ma Amor m’à sì allumato
di foco che m’abraccia,
ch’eo fora consumato,
se voi, donna sovrana,
non fustici mezzana
infra l’Amore e meve,
ca fa lo foco nascere di (altro…)

Michelangelo Buonarroti – Fuggite, amanti, Amor, fuggite ‘l foco

Fuggite, amanti, Amor, fuggite ‘l foco;
l’incendio è aspro e la piaga è mortale,
c’oltr’a l’impeto primo più non vale
né forza né ragion né mutar loco.
Fuggite, or che l’esemplo non è poco
d’un fiero braccio e d’un acuto strale;
leggete in me, qual sarà ‘l vostro male,
qual sarà l’impio e dispietato gioco.
Fuggite, e non tardate, al primo sguardo:
ch’i’ pensa’ d’ogni tempo avere accordo;
or sento, e voi vedete, com’io ardo.

Niccola – Insegna d’umiltate e cortesia

Insegna d’umiltate e cortesia
porta mo’, mesagero, a cui tu vai,
e di ciò credo assai li agradirai,
sì ch’ avrai di legier[i] sua contia:
e fa che per te conforta[o] sia,
tanto pietosamente il pregherai;
poi che sia sua vision[e] conterai,
e che puot’ esser che nel foco gria.
Or dì che ‘l foco è disiar di gioco
d’amor con umiltà, nel qual se invola
forza [ed] orgoglio. Grida l’amor: «Coco!»;
dico l’amor che suo diffetto gola,
cioè trovar mercé; e di (altro…)

Niccola – L’alma e ‘l corpo tuo che si dolia

L’alma e ‘l corpo tuo che si dolia,
dolean del cor, sì com’io imaginai,
ch’avean perduto, e ito era, ben sai,
a quella che ricever nol volia:
e in ‘sto suo tornar, più non potia,
ch’ Amor lo perseguia – sempre mai,
dicendo: «In foco meo t’afinerai»;
e ‘l cor piangendo mercé li cheria.
E quell’era ‘l parlar dolent’e fioco,
che uscia del foco, – ch’auro affina e cole,
con’ face Amor al cor, per darli gioco.
Se sia soffrente, non serà (altro…)

Galileo Galilei – Mentre ridea nel tremulo e vivace – Dice come il suo Amore di picciol fuoco divampasse in fiamma vorace

Mentre ridea nel tremulo e vivace
Lume degli occhi leggiadretti Amore,
Picciola in noi movea dallo splendore
Fiamma, qual uscir suoi di lenta face.

Or che il pianto l’ingombra, di verace
Foco sent’io venir l’incendio al core.
Oh di strania virtude alto valore,
Dalle lagrime trar fiamma vorace!

Tale arde il Sol mentre i possenti rai
Frange per entro una fredda acqua pura,
Che tra l’esca risplenda e il chiaro lume.

Oh cagion prima de’ miei dolci guai,
Luci, cui rimirar fu mia (altro…)

Ne la stagion che ‘l ciel rapido inchina – Francesco Petrarca

Ne la stagion che ‘l ciel rapido inchina
verso occidente, et che ‘l dí nostro vola
a gente che di là forse l’aspetta,
veggendosi in lontan paese sola,
la stancha vecchiarella pellegrina
raddoppia i passi, et piú et piú s’affretta;
et poi cosí soletta
al fin di sua giornata
talora è consolata
d’alcun breve riposo, ov’ella oblia
la noia e ‘l mal de la passata via.
Ma, lasso, ogni dolor che ‘l dí m’adduce
cresce qualor s’invia
per partirsi da noi l’eterna luce.

Come ‘l (altro…)

Francesco Petrarca – Giovene donna sotto un verde lauro

Giovene donna sotto un verde lauro
vidi più biancha et piú fredda che neve
non percossa dal sol molti et molt’anni;
e ‘l suo parlare, e ‘l bel viso, et le chiome
mi piacquen sí ch’i’ l’ò dinanzi agli occhi,
ed avrò sempre, ov’io sia, in poggio o ‘n riva.

Allor saranno i miei pensier a riva
che foglia verde non si trovi in lauro;
quando avrò queto il core, asciutti gli occhi,
vedrem ghiacciare il foco, arder la neve:
non (altro…)