Archivi tag: gentil

Folgore da San Gimignano – Fior di virtú sí è gentil coraggio

Fior di virtú sí è gentil coraggio,
e frutto di virtú sí è onore,
e vaso di virtú sí è valore
e nome di virtú è uomo saggio;

e specchio di virtú non vede oltraggio
e viso di virtú, chiaro colore,
ed amor di virtú, buon servitore,
e dono di virtú, dolce lignaggio.

E letto di virtú è conoscenza,
e seggio di virtú, amor leale,
e poder di virtú è sofferenza;

e opera di virtú, esser leale,
e braccio di virtú, bella accoglienza:
tutta virtú è render ben per male.

Guittone d’Arezzo, Gentil mia donna, gioi sempre gioiosa

Gentil mia donna, gioi sempre gioiosa,
vostro sovrapiacente orrato affare
compiuto di ben tutto, oltra pensare
di mortal cor magn’e mirabel cosa,
sorprese l’alma mia de tutto amore;
e non già meo valore
me conquistò de voi la segnoria,
ma la gran cortesia
de vostro dolze e debonaire core;
non già guardando ciò, ched in bassezza
tornasse vostr’altezza,
ma solo de quetar lo meo follore.
Gentil mia donna, amor, s’i’ per un cento
avesse magno cor, forz’o savere,
operandol sol sempre in voi valere,
prendendovi final consomamento,
vostro compiuto don non mertarìa;
ché la passione mia
fo de natura fellonesca tanto,
non mai partia de pianto
senza tornar vostro onor grande a onta.
Voi lo tornaste, amore, e non v’adusse
cosa ch’a mala vista fusse,
ma solo l’alma d’ogne pietà ponta.
Gentil mia donna, dono è ch’al fattore
è magno e a chi ‘l prende è quasi nente;
ma ‘l vostro dono, amor, non fo parvente,
ch’eo presi vita e voi donaste onore.
Ma certo, amore meo, d’esta fallanza
v’aduce perdonanza
lo bisogno o’ fui, grande oltra ch’eo dico;
ché non ho già nemico
sì fero, ch’a pietà non fosse dato.
Ché non è vizio, ma virtù, pietate;
ma vizio è crudeltate
e contra del pietoso esser spietato.
Gentil mia donna, assai porea mostrare
ragion, che porterea ‘n vostra defesa;
ma tuttavia vorrea morte aver presa
e ciò ch’è stato fosse anco ad istare.
Ché poi che corse tra villana gente
alcun parlar nesciente,
nulla scusa ostar mai l’omo ne pora.
Donqua men danno fora
de la morte d’un om, sì com’io, basso,
ch’un sol punto d’onor foste fallita;
ch’onor val più che vita,
per che pria morto esser vorria, lasso!
Gentil mia donna, amor, non mi val voglia;
ma, se valesse, già parrebbe tanto,
che nel mondo no ha loco né canto,
no li portasse pietanza e doglia;
che già fu me, gentil mia donna, noia
vostr’amorosa gioia,
ver ch’ora mi serea destruggimento
d’onne crudel tormento,
potendo vo tornare in vostro stato:
ché dirittura vol che no schifare
deggi’om pena portare,
unde possa mendar ciò ch’ha peccato.
Gentil mia donna, non poss’a valere,
menderaggio a podere;
che com’eo vi servii de folle amore,
mai sempre a vostro onore
vo serverò de quant’eo so valere,
remosso onne villano intendimento;
e per simil convento
piacciavi, amor, mia fedeltà tenere.

Luis de Camoes – Alma minha gentil, que te partiste

Alma minha gentil, que te partiste
Tão cedo desta vida descontente,
Repousa lá no Ceo eternamente,
E viva eu cá na terra sempre triste.
Se lá no assento Ethereo, onde subiste,
Memoria desta vida se consente,
Não te esqueças de aquelle amor ardente,
Que ja nos olhos meus tão puro viste.
E se vires que póde merecer-te
Alg~ua cousa a dor que me ficou
Da mágoa, sem remedio, de perder-te;
Roga a Deos que teus annos encurtou,
Que tão cedo de cá me leve a ver-te,
Quão cedo de meus olhos te levou.

Dante Alighieri – Questa donna che andar mi fa pensoso

Questa donna che andar mi fa pensoso
porta nel viso la vertù d’Amore,
la qual fa disvegliar altrui nel core
lo spirito gentil, se v’è nascoso.
Ella m’ha fatto tanto pauroso,
poscia ch’io vidi lo dolce signore
ne li occhi soi con tutto il su’ valore,
ch’io le vo presso e riguardar non l’oso.
E s’avvien ciò, ched i’ quest’occhi miri,
io veggio in quella parte la salute,
che lo ‘ntelletto mio non vi pò gire.
Allor si strugge sì la mia vertute
che l’anima che move li sospiri
s’acconcia per voler del cor fuggire.

Francesco Petrarca – L’arbor gentil che forte amai molt’anni

L’arbor gentil che forte amai molt’anni,
mentre i bei rami non m’ebber a sdegno
fiorir faceva il mio debile ingegno
a la sua ombra, et crescer negli affanni.

Poi che, securo me di tali inganni,
fece di dolce sé spietato legno,
i’ rivolsi i pensier’ tutti ad un segno,
che parlan sempre de’ lor tristi danni.

Che porà dir chi per amor sospira,
s’altra speranza le mie rime nove
gli avessir data, et per costei la perde?

Né poeta ne colga mai, né Giove
la privilegi, et al Sol venga in ira,
tal che si secchi ogni sua foglia verde.