Archivi tag: giusta

Guittone d’Arezzo, Voglia de dir giusta ragion m’ha porta

Voglia de dir giusta ragion m’ha porta,
ché la mia donna m’accoglie e m’apporta:
a tutto ciò che mi piace m’apporta.
Or non m’è morte el suo senno, ma porta
di vita dolce, o’ mi pasco e deporto,
ché tanto acconciamente mi dé porto
en tempestoso mar, che vol ch’eo porti
per lei la vita e faccia l’inde apporti.
Ed eo si fo, pur li piaccia e li porti.
Tant’è dolce ed amorosa e conta,
ch’altro non po l’om già contar ni conta
che ‘l pregio suo, perch’amar chi sa conta:
più ch’altra assai, là u’ de’ contar, se conta.
Ond’eo non posso già mettere ‘n conto
la gran gio ch’ho, ché de sé tenmi conto;
ma voglio ben che per suo tal mi conti,
ché me più piace, è de’ piacer più conti
istarli servo, che segnor de’ conti.
Tant’aggio en amar la voglia penta,
e tanto sua piagenza in cor m’è penta,
che mai de servir lei non credo penta,
né sia de me la sua figura empenta.
Ch’ella m’ha for di noiosa noi pento
ed a ciò m’ha che più piaceme pento;
però s’èn forte forzosi e repenti
li miei piacer ver de lei sempre penti;
né ce ciò far non credo mal repenti.
Deritto so, merzé so ch’ègli a visa:
ch’altro per me ben si pensa ed avisa?
Ma solamente lei saccio devisa,
e so figura parme en tutte visa.
Così m’ha departuto e devisato
da tutto ciò ch’avea anche avisato,
ch’a me non piace altra cosa ch’avisi;
e cert’ho in verità che gli altri visi
son, ver del suo, d’ogne beltà divisi.
Prego fo lei che tuttor sia ben saggia
sì non m’auzida alcuna stagion, s’aggia
temenza ch’eo l’afenda, se non saggia
che vero sia per affermata saggia;
ch’eo son sì d’amar lei coverto e saggio,
alcon non po de mio amor levar saggio;
però sì con li piace e vol mi saggi
e merti tutti li miei fatti in saggi,
como li piace, e li valenti saggi.
Va, canzon, s’el te piace, da mia parte
al bon messer Meglior, che dona e parte
tutto ciò che l’omo ha ‘n esta parte.