Paolo Lanfranchi – Quattr’omin son dipinti ne la rota

Quattr’ omin son dipinti ne la rota
per la ventura dello esemplo dato:
e l’altro sta di sopra incoronato,
e l’uno in su valentemente nota.
E ‘l terzo se tien le mani a la gota,
ed è villanamente trabucato,
e’l quarto sta di sotto riversato,
e d’ogni estremità li dà sua dota.
Io fui quel che là su andai montando
intorno intorno la rota girata,
e fui di sopra a tutto il mio comando;
poi la testa mi fo incoronata.
Or son caggiuto d’ogni ben in bando,
nel finimento de la mia giornata.

Paolo Lanfranchi – L’altrier, pensando, mi emaginai

L’altrier pensando mi emaginai
mandare Amore a la donna mia;
ed a lui piacque per sua cortesia
andar a léi; tanto ne ‘l pregai.
Poi retornò e disseme:«Che fai?
tutta l’ho misa ne la tua bailìa:
I’ti so a dire, ch’ell’è a mezza via,
e vien a te, se tu a lei non vai.»
Po’ me venn’un penser da l’altro lato,
e fortemente me represe e disse:
«Amico meo, tu hai folle pensato.
Or credi tu ch’ella con te venisse?
E tu anderesti a lei? Se’ tu in istato?»
Parveme allor che l’alma se partisse.

Paolo Lanfranchi – Dimme, Amore, vorestù tornare

«Dimme Amore; vorestú tornare
da la mia parte a la donna mia?»
«Sì, se tu vogli, ma ell’è follia:
ché talor nòce lo troppo adastare.»
«E lo meo core vi vol pur andare,
e ti demanda en sua compagnia.»
«Di presente me meterò en via
dapo’ ch’eo veggio ch’a lui e te pare.
Or me di’ ciò che tu vòi che gli dica:
che tu non fini clamare mercede?
Perzò non è bisogno andarne mica,
per aventura ch’ella non ti crede.»
«Sì fa’; che di me vive e se nutrica;
e ‘l cor non pò durar, se no’ la vede.»

Paolo Lanfranchi – De la rota son posti essempli assai

De la rota son posti esempli assai,
che gira e volge e non dimora in loco,
e mette in bono stato quel c’ha poco,
al poderoso dà tormenti e guai.
Or’ a che no’ tel pensi, po’ tu ‘l sai
che piccola favi]la fa gran foco?
non t’allegrare troppo né dar gran gioco,
che non se’ certo come fenirai.
Se alcun è che tu veggi in malo stato,
in quel medesmo tu pòi avenire,
ch’a te né lui Dio non l’ha giurato.
Aggio veduto per li tempi sire,
che la ventura l’ha si governato,
che piu che vita desira morire.

Paolo Lanfranchi – Ogni meo fatto per contrario faccio

Ogni meo fatto per contrario faccio
e di mente d’intorno mi guardo:
I’estate son più fred[d]o che no è ‘l ghiaccio,
I’inverno de l[o] gran calor tut[t]o ardo.
S’i’ ho let[t]era de gioia, sì la straccio;
se di dolore, la repogno e guardo;
ch[i]unca è mio amico, sì minaccio;
se mi saluta, sì me fier d’un dardo.
Credo che Dio insieme e la Natura
erano irati quando mi crearo,
e transfórmomi d’ogni creatura.
Però il lor non gittaron in paro:
I’anima che mi d[i]eron chiara e pura,
già mai no l’averan[n]o in suo reparo.

Paolo Lanfranchi – L’altrier, dormendo, a me venne amore

L’altr[i]er, dormendo, a me se venne Amore,
e destòmmi e [mi] disse: «Eo so’ messaggio
de la tua don[n]a che t’ama di core,
se tu, più che non suoi, se’ fatto saggio».
Da la sua parte mi donò un fiore
che parse per sembianti ‘l s[u]o visaggio;
alor nel viso cangiai lo colore,
credendo el me dicesse per asaggio.
Però con gran temenza il dimandai:
«Come [si] sta la mia don[n]a gentile?»
Ed el me disse: «Ben, se tu ben stai».
Alora de pietà devenni umìle.
Elli spario; più non gli parlai;
parvemi quasi spir[i]to sot[t]ile.

Paolo Lanfranchi – Un nobil e gentil imaginare

Un nobil e gentil imaginare
sì mi dis[c]ese ne la mente mia:
in verità (ch’eo alora dormia)
el me paria con la mia don[n]a stare
in un giardin, baciar e abracciare,
remos[s]a ciascuna altra vil[l]ania.
Ella dicea: «Tu m’hai in tua bailia;
fa’ di me, o amor, ciò che ti pare».
In quel giardin sì avea, da l’un canto,
un rosignol che dicea in s[u]o latino:
«Securamente per vostro amor canto».
I’ mi svegliai che sonava matino;
considerando il ben ch’avea tanto,
venme voglia deventar patarino.