Archivi tag: Lanfranchi

Paolo Lanfranchi – Quattr’omin son dipinti ne la rota

Quattr’ omin son dipinti ne la rota
per la ventura dello esemplo dato:
e l’altro sta di sopra incoronato,
e l’uno in su valentemente nota.
E ‘l terzo se tien le mani a la gota,
ed è villanamente trabucato,
e’l quarto sta di sotto riversato,
e d’ogni estremità li dà sua dota.
Io fui quel che là su andai montando
intorno intorno la rota girata,
e fui di sopra a tutto il mio comando;
poi la testa mi fo incoronata.
Or son caggiuto (altro…)

Paolo Lanfranchi – L’altrier, pensando, mi emaginai

L’altrier pensando mi emaginai
mandare Amore a la donna mia;
ed a lui piacque per sua cortesia
andar a léi; tanto ne ‘l pregai.
Poi retornò e disseme:«Che fai?
tutta l’ho misa ne la tua bailìa:
I’ti so a dire, ch’ell’è a mezza via,
e vien a te, se tu a lei non vai.»
Po’ me venn’un penser da l’altro lato,
e fortemente me represe e disse:
«Amico meo, tu hai folle pensato.
Or credi tu ch’ella con te venisse?
E tu anderesti (altro…)

Paolo Lanfranchi – Dimme, Amore, vorestù tornare

«Dimme Amore; vorestú tornare
da la mia parte a la donna mia?»
«Sì, se tu vogli, ma ell’è follia:
ché talor nòce lo troppo adastare.»
«E lo meo core vi vol pur andare,
e ti demanda en sua compagnia.»
«Di presente me meterò en via
dapo’ ch’eo veggio ch’a lui e te pare.
Or me di’ ciò che tu vòi che gli dica:
che tu non fini clamare mercede?
Perzò non è bisogno andarne mica,
per aventura ch’ella non ti crede.»
«Sì fa’; (altro…)

Paolo Lanfranchi – De la rota son posti essempli assai

De la rota son posti esempli assai,
che gira e volge e non dimora in loco,
e mette in bono stato quel c’ha poco,
al poderoso dà tormenti e guai.
Or’ a che no’ tel pensi, po’ tu ‘l sai
che piccola favi]la fa gran foco?
non t’allegrare troppo né dar gran gioco,
che non se’ certo come fenirai.
Se alcun è che tu veggi in malo stato,
in quel medesmo tu pòi avenire,
ch’a te né lui Dio non l’ha (altro…)

Paolo Lanfranchi – Ogni meo fatto per contrario faccio

Ogni meo fatto per contrario faccio
e di mente d’intorno mi guardo:
I’estate son più fred[d]o che no è ‘l ghiaccio,
I’inverno de l[o] gran calor tut[t]o ardo.
S’i’ ho let[t]era de gioia, sì la straccio;
se di dolore, la repogno e guardo;
ch[i]unca è mio amico, sì minaccio;
se mi saluta, sì me fier d’un dardo.
Credo che Dio insieme e la Natura
erano irati quando mi crearo,
e transfórmomi d’ogni creatura.
Però il lor non gittaron in paro:
I’anima che mi (altro…)

Paolo Lanfranchi – L’altrier, dormendo, a me venne amore

L’altr[i]er, dormendo, a me se venne Amore,
e destòmmi e [mi] disse: «Eo so’ messaggio
de la tua don[n]a che t’ama di core,
se tu, più che non suoi, se’ fatto saggio».
Da la sua parte mi donò un fiore
che parse per sembianti ‘l s[u]o visaggio;
alor nel viso cangiai lo colore,
credendo el me dicesse per asaggio.
Però con gran temenza il dimandai:
«Come [si] sta la mia don[n]a gentile?»
Ed el me disse: «Ben, se tu ben stai».
Alora (altro…)

Paolo Lanfranchi – Un nobil e gentil imaginare

Un nobil e gentil imaginare
sì mi dis[c]ese ne la mente mia:
in verità (ch’eo alora dormia)
el me paria con la mia don[n]a stare
in un giardin, baciar e abracciare,
remos[s]a ciascuna altra vil[l]ania.
Ella dicea: «Tu m’hai in tua bailia;
fa’ di me, o amor, ciò che ti pare».
In quel giardin sì avea, da l’un canto,
un rosignol che dicea in s[u]o latino:
«Securamente per vostro amor canto».
I’ mi svegliai che sonava matino;
considerando il ben ch’avea tanto,
venme voglia (altro…)