Archivi tag: Lasso

Guittone d’Arezzo, Vergogna ho, lasso, ed ho me stesso ad ira

Vergogna ho, lasso, ed ho me stesso ad ira;
e doveria via più, reconoscendo
co male usai la fior del tempo mio.
Perché no lo meo cor sempre sospira,
e gli occhi perché mai finan piangendo,
e la bocca di dir: merzede, Dio,
poi franchezza di core e vertù d’alma
tutta sommisi, ohimè lasso, al servaggio
de’ vizi miei, non Dio, né bon usaggio,
né diritto guardando in lor seguire,
non mutando desire?
S’eo resurgesse, com fenice face,
già fora a la fornace
lo (altro…)

Guittone d’Arezzo, Ahi lasso, che li boni e li malvagi

Ahi lasso, che li boni e li malvagi
omini tutti hano preso acordanza
di mettere le donne in despregianza;
e ciò più ch’altro far par che lor agi.
Per che mal aggia el ben tutto e l’onore
che fatto han lor, poi n’han merto sì bello;
m’eo sarò lor ribello
e prenderò solo la defensione,
e aproverò falso lor sermone,
e le donne bone in opera e in fede;
ma voglio che di ciò grazi’ e mercede
rendano voi, gioia gioiosa, Amore.
Non (altro…)

Guittone d’Arezzo, Ahi lasso, or è stagion de doler tanto

Ahi lasso, or è stagion de doler tanto
a ciascun om che ben ama Ragione,
ch’eo meraviglio u’ trova guerigione,
ca morto no l’ha già corrotto e pianto,
vedendo l’alta Fior sempre granata
e l’onorato antico uso romano
ch’a certo pèr, crudel forte villano,
s’avaccio ella no è ricoverata:
ché l’onorata sua ricca grandezza
e ‘l pregio quasi è già tutto perito
e lo valor e ‘l poder si desvia.
Oh lasso, or quale dia
fu mai tanto crudel dannaggio audito?
Deo, com’hailo sofrito,
deritto (altro…)

Guittone d’Arezzo, Lasso, pensando quanto

Lasso, pensando quanto
meve tutto tenìa
en gran piacer la mia – gioiosa gioia;
e che sollazzo e canto
e ben tutto ch’avia
m’è or, per mia follia, – corrotto e noia;
e ch’entra gente croia
ed en selvaggia terra
mi trovo; ciò m’è guerra, – onde morria
de mie man, s’altri osasse
a ragion darsi morte.
Ahi, lasso, or foss’eo ‘n corte, – ov’om giugiasse
cui ver d’Amor fallasse – in pena forte!
Morte loco cherrea,
ché de pena menore
non porea meo follore – (altro…)

Onesto Bolognese – Ahi lasso taupino!, altro che lasso

Ahi lasso taupino!, altro che lasso
non posso dir, sì sono a greve messo;
sento ‘l mio core e ciascun membro preso
morir sì forte, ch’oltr’a morte passo;
celar non posso più la greve noia,
tanto contra me poia
pena mortale e rea disaventura;
però quanto più dura
la vita mia, più soverchia il dolore:
male ad opo meo m’ha fatto Amore.
Sì mal fu Amor creato all’opo meo
che m’è vergogna dir ciò che m’incontra;
tutto fu fatto solo a mia incontra,
però (altro…)

Francesco Petrarca – Lasso, Amor mi trasporta ov’io non voglio

Lasso, Amor mi trasporta ov’io non voglio,
et ben m’accorgo che ‘l dever si varcha,
onde, a chi nel mio cor siede monarcha,
sono importuno assai piú ch’i’ non soglio;
né mai saggio nocchier guardò da scoglio
nave di merci precïose carcha,
quant’io sempre la debile mia barcha
da le percosse del suo duro orgoglio.
Ma lagrimosa pioggia et fieri vènti
d’infiniti sospiri or l’ànno spinta,
ch’è nel mio mare horribil notte et verno,
ov’altrui noie, a sé doglie et tormenti
porta, et (altro…)

Francesco Petrarca – Mie venture al venir son tarde et pigre

Mie venture al venir son tarde et pigre,
la speme incerta, e ‘l desir monta et cresce,
onde e ‘l lassare et l’aspectar m’incresce;
et poi al partir son piú levi che tigre.

Lasso, le nevi fien tepide et nigre,
e ‘l mar senz’onda, et per l’alpe ogni pesce,
et corcherassi il sol là oltre ond’esce
d’un medesimo fonte Eufrate et Tigre,

prima ch’i’ trovi in ciò pace né triegua,
o Amore o madonna altr’uso impari,
che m’ànno congiurato a torto (altro…)

Francesco Petrarca – Se col cieco desir che ‘l cor distrugge

Se col cieco desir che ‘l cor distrugge
contando l’ore no m’inganno io stesso,
ora mentre ch’io parlo il tempo fugge
ch’a me fu inseme et a mercé promesso.

Qual ombra è sí crudel che ‘l seme adugge,
ch’al disïato frutto era sí presso?
et dentro dal mio ovil qual fera rugge?
tra la spiga et la man qual muro è messo?

Lasso, nol so; ma sí conosco io bene
che per far piú dogliosa la mia vita
amor m’addusse in (altro…)