Alessandro Manzoni – Indulgenza nell’amicizia

Comune vizio de’ cantori è questo,
Che di cantar pregati, infra gli amici,
Non vi s’inducon mai; non dimandati
Non fan più fine. Quel Tigellio Sardo
5 Fu tale. Augusto, che potea forzarlo,
Se il chiedea per l’amor del padre e il suo,
Nulla ottenea; se gli venia talento,
Da l’uova ai frutti ripetuto avria
“Evoè Bacco”, ora sul tono acuto,
10 Or sul più basso delle quattro corde.
Non mai tenne quest’uomo un egual modo.
Or correa per le vie siccome quello
Che fugge dal nemico, or come quello
Che di Giunone i sa Continue reading

Alessandro Manzoni – Una gara di corsa

Questa gara finita, il pio Trojano
Avviasi in verde campo, a cui fan cerchio
Selvosi colli, e ne la valle è un circo,
Dove l’Eroe di molti mila in mezzo
5 S’addusse, ed alto in un sedil si pose.
Qui se alcun voglia gareggiar nel corso
Con doni i cori alletta, e i premj pone.
Concorron Teucri d’ogni parte e Siculi:
Niso ed Eurialo primi; Eurialo insigne
10 Di fresca giovinezza e di beltade,
Niso di santo amor pel giovanetto.
Cui vien dietro Dior, regio rampollo
Del Priamide ceppo, e dietro a lui
Salio insieme e Pat Continue reading

Alessandro Manzoni – I Promessi Sposi – Audiobook – MP3 – Lettura di Silvia Cecchini – Edizione Libroparlato

Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti, tutto a seni e a golfi, a seconda dello sporgere e del rientrare di quelli, vien, quasi a un tratto, a ristringersi, e a prender corso e figura di fiume, tra un promontorio a destra, e un’ampia costiera dall’altra parte; e il ponte, che ivi congiunge le due rive, par che renda ancor più sensibile all’occhio questa trasformazione, e segni il punto in cui il lago cessa, e l’Adda rincomincia, per ripigliar poi nome di lago dove le rive, allontanandosi di nuovo, lascian l’acqua distendersi e rallentarsi in nuovi golfi e in nuovi seni.
La costiera, formata dal deposito di tre grossi torrenti, scende appoggiata a due monti contigui, l’uno detto di san Martino, l’altro, con voce lombarda, il Resegone, dai molti suoi cocuzzoli in fila, che in vero lo fanno somigliare a una sega: talché non è chi, al primo vederlo, purché sia di fronte, come per esempio di su le mura di Milano che guardano a settentrione, non lo discerna tosto, a un tal contrassegno, in quella lunga e vasta giogaia, dagli altri monti di nome più oscuro e di forma più comune. Per un buon pezzo, la costa sale con un pendìo lento e continuo; poi si rompe in poggi e in valloncelli, in erte e in ispianate, secondo l’ossatura de’ due monti, e il lavoro dell’acque.
Il lembo estremo, tagliato dalle foci de’ torrenti, è quasi tutto ghiaia e ciottoloni; il resto, campi e vigne, sparse di terre, di ville, di casali; in qualche parte boschi, che si prolungano su per la montagna. Lecco, la principale di quelle terre, e che dà nome al territorio, giace poco discosto dal ponte, alla riva del lago, anzi viene in parte a trovarsi nel lago stesso, quando questo ingrossa: un gran borgo al giorno d’oggi, e che s’incammina a diventar città.
Ai tempi in cui accaddero i fatti che prendiamo a raccontare, quel borgo, già considerabile, era anche un castello, e aveva perciò l’onore d’alloggiare un comandante, e il vantaggio di possedere una stabile guarnigione di soldati spagnoli, che insegnavan la modestia alle fanciulle e alle donne del paese, accarezzavan di tempo in tempo le spalle a qualche marito, a qualche padre; e, sul finir dell’estate, non mancavan mai di spandersi nelle vigne, per diradar l’uve, e alleggerire a’ contadini le fatiche della vendemmia.

manzoni_i_promes_sil_01_coper.ogg
manzoni_i_promes_sil_02_intro.ogg
manzoni_i_promes_sil_03_cap01.ogg
manzoni_i_promes_sil_04_cap02.ogg
manzoni_i_promes_sil_05_cap03.ogg
manzoni_i_promes_sil_06_cap04.ogg
manzoni_i_promes_sil_07_cap05.ogg
manzoni_i_promes_sil_08_cap06.ogg
manzoni_i_promes_sil_09_cap07.ogg
manzoni_i_promes_sil_10_cap08.ogg
manzoni_i_promes_sil_11_cap09.ogg
manzoni_i_promes_sil_12_cap10.ogg
manzoni_i_promes_sil_13_cap11.ogg
manzoni_i_promes_sil_14_cap12.ogg
manzoni_i_promes_sil_15_cap13.ogg
manzoni_i_promes_sil_16_cap14.ogg
manzoni_i_promes_sil_17_cap15.ogg
manzoni_i_promes_sil_18_cap16.ogg
manzoni_i_promes_sil_19_cap17.ogg
manzoni_i_promes_sil_20_cap18.ogg
manzoni_i_promes_sil_21_cap19.ogg
manzoni_i_promes_sil_22_cap20.ogg
manzoni_i_promes_sil_23_cap21.ogg
manzoni_i_promes_sil_24_cap22.ogg
manzoni_i_promes_sil_25_cap23.ogg
manzoni_i_promes_sil_26_cap24.ogg
manzoni_i_promes_sil_27_cap25.ogg
manzoni_i_promes_sil_28_cap26.ogg
manzoni_i_promes_sil_29_cap27.ogg
manzoni_i_promes_sil_30_cap28.ogg
manzoni_i_promes_sil_31_cap29.ogg
manzoni_i_promes_sil_32_cap30.ogg
manzoni_i_promes_sil_33_cap31.ogg
manzoni_i_promes_sil_34_cap32.ogg
manzoni_i_promes_sil_35_cap33.ogg
manzoni_i_promes_sil_36_cap34.ogg
manzoni_i_promes_sil_37_cap35.ogg
manzoni_i_promes_sil_38_cap36.ogg
manzoni_i_promes_sil_39_cap37.ogg
manzoni_i_promes_sil_40_cap38.ogg

Cecchini, Silvia (ruolo: Voce)
Download dei file: http://www.classicistranieri.com/promessisposi/

Tratto da: http://www.liberliber.it

Licenza: Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 2.5

Ascolta attraverso il nostro lettore virtuale:

Accedi al testo e alle concordanze dell’opera.

Edgar Allan Poe – Review of “The Betrothed Lovers”

I Promessi Sposi, or the Betrothed Lovers; a Milanese Story of the Seventeenth Century: as translated for the Metropolitan, from the Italian of Alessandro Manzoni, by G.W. Featherstonhaugh. Washington: stereotyped and published by Duff Green. 1834. 8vo. pp. 249.

The appearance of this work strongly reminds us of the introductory remarks with which the Edimburg Review, thirthy years ago, prefaced its annunciation of Waverley. We would gladly appropriate them, were it fair to do so; but “honor among thieves!” Reviewers must not steal from Reviewers; and what it is but theft, when he who borrows, can never have anything worthy of acceptance to give in return

We may, nevertheless, so far imitate “the grand Napoleon of the realms of criticism,” as to congratulate our readers on the appearance of a work, which promises to be the commencement of a new style in novel writing. Since the days of Fielding, unimitated and inimitable – and of Smollet, between whose different productions there was scarce a family likeness, we have had a succession of dynasties reigning over the regions of romance. We have had the Ratcliffe dynasty, the Edgeworth dynasty, and the Scott dynasty; each, like the family of the Caesars, passing from good to bad, and from bad to worse, until each has run out. Partial movements in the provinces have occasionally set up the standard of rival aspirants: but these have soon passed away. Heroines from the bogs, and heroes from the highlands of Scotland, or the Polish wilds, could not maintain their pretensions, though uniting in themselves all that is admirable both in the civilized and the savage character. Perhaps this was the reason. We like to read of things that may a little remind us of what we have seen in real life. Sir Charles Grandison in the Scottish Kilt, is a startling apparition.

The younger D’Israeli has indeed, occasionally flashed upon us the light of his capricious genius; but one of his caprices has been to disappoint the hope that he had raised. He has shown us what he could do, and that is all. Mr. Bulwer too, in a sort of freak of literary radicalism, has set up for himself. He scorned to add to the number of those who dress themselves in the cast-off habiliments of Scott; and study, as at a glass, to make themselves like him, as if ambitious to display their thefts. He learned the craft of plagiarism in the Spartan school, where detection was the only disgrace. He would not steal, not he, from any but “the poor man, who had nothing save one little ewe lamb, that lay in his bosom, and was unto him as a daughter.” He would imitate none but himself, and draw from no other models. His novels are all echoes of each other. There is hardly a page which might not be known for his, nor a favorite character which is not an exhibition of one of the phases of his exquisite self. The variety is between what he imagines himself to be, and what he imagines that he might have been, had he been a cavalier of the seventeenth century, or had circumstances made him a highwayman or a murderer. We are aware that he denies all this, and may be unconscious of it: but his identity can no more be mistaken than that of the one-eyed companion of Hogarth’s “idle apprentice.” We are aware too, that Mr. Bulwer is a member of a certain literary cabal, who aspire to direct the public taste, and bring all the influence of wealth and fashion and political connexion in aid of their pretensions. He is a sort of literary Jack Cade. “His mouth is the law.” We know that the “amphitrion on l’on dire” is always the true amphitrion. But we never expect to travel as caterers for a public journal. We in the south do not do that sort of thing. We are not taught so to “raise the wind.” We are not up to perpetual motion, nor to the art of making our living by taking our pleasure. We feel ourselves therefore under no obligation to admire Mr. Rogers’s poems, though he be a banker – not Mr. Bulwer’s novels, nor himself, though he be a member of Parliament; nor though his female doublure Lady Blessington, “have the finest bust,” and “the prettiest foot,” and be “the finest woman in London.” We do not put the names of our fine women in the newspapers. The business of female education with us, is not to qualify a woman to be the head of a literary coterie , nor to figure in the journal of a travelling coxcomb. We prepare her, as a wife, to make the home of a good and wise and great man, the happiest place to him on earth. We prepare her, as a mother, to form her son to walk in his father’s steps, and in turn, to take his place among the good and wise and great. When we have done this, we have accomplished, if not all, at least the best that education can do. Her praise is found in the happiness of her husband, and in the virtues and honors of her sons. Her name is too sacred to be profaned by public breath. She is only seen by that dim doubtful light, which like “the majesty of darkness,” so much enhances true dignity. She finds her place by the side of the “Mother of the Gracchi,” and of her whom an English poet, who well knew how to appreciate and how to praise female excellence, has simply designated as

“Sidney’s sister, Pembroke’s mother”

We much fear, that after all this, the author of the work before us will have no reason to thank us for our praise. On the contrary, there may be danger of involving him in the displeasure which we may draw upon ourselves from that same cabal, which has its members on both sides of the Atlantic. “Ca me; Ca thee,” is the order of the day. If half the praise be due, which is lavished on the works that daily issue from the press, we may live to see the writings which instructed and delighted our youth, laid on the same shelf with Thomas Aquinas and Duns Scotus. Men can no more read every thing than they can eat every thing; and the petit plats , that are handed round hot-and-hot, leave us no room to do honor to the roast beef of old England, nor to the savory Virginia ham. But these are the food by which the thews and sinews of manhood are best nourished. They at once exercise and help digestion. Dyspepsia was not of their day: It came in with French Gastronomy . Are we mistaken in thinking that we see symptoms of a sort of intellectual dyspepsia, arising from the incessant exhibition of the bons bons and kickshaws of the press?

Well! Here is something that will stick by the ribs; a work of which we would try to give a sort of outline, but that it cannot be abridged. The machinery of the story is not intricate, but each part is necessary to the rest. To leave anything out is to tell nothing.

It might be too much to say that this novel is, in every sense of the word, original. The writer is obviously familiar with English literature, and seems to have taken at least one hint from Sir Walter Scott. The use made by that writer of the records and traditions of times gone by, has suggested this hint. It naturally occurred to Manzoni, a native of Italy, that much of the same sort of material was to be found among the archives of the petty Italian states, now blotted from the map of Europe. It is obvious that the collisions of small states, though less interesting to the politician than those of mighty nations, must afford more occasion for a display of individual character, and the exercise of those passions which give romance its highest interest. But what is known of the great and good men who nobly acted their parts in these scenes, when the very theatre of their acts is crushed and buried beneath the rubbish of revolution? To drag them from beneath the ruins, and permit the world to dwell for a moment on the contemplation of their virtues is a pious and praiseworthy task. It is sad to think how the short lapse of two centuries can disappoint the hope that cheered the last moments of the patriot and the hero. “For his country he lived, for his country he died;” his country was all to him; but his country has perished, and his name has perished with it. With the civil wars of England we are all familiar; and our hearts have glowed, and our tears have fallen, in contemplating the virtues and the sufferings of those who acted in those scenes; but, if we may credit the traditions imbodied in this book, a contemporary history of the Italian Republics would display characters yet more worthy of our admiration and our sympathy. The Cardinal Borromeo is an historical character. The writer obviously means to paint him as he was; and the annals of mankind may be searched in vain for a more glorious example of the purity, the enthusiasm, and the inspiration of virtue.

We might suspect that something of a zeal for the honor of the Romish Church had mingled itself in the rich coloring of this picture. But Manzoni was as much alive, as Luther himself, to the abuses of that church. In an episode, which will be found at page fifty-eight, he discloses some, of the precise character of which we were not hitherto aware. We knew that something was wrong, but what that something might be, was never certainly known. The author has unveiled the mystery. He has withdrawn a curtain, behind which we had never been permitted to look. We had guessed, and we had read the guesses of others; but we never knew precisely what was there.

The moral coercion, more cruel than bodily torture, by which a poor girl, the victim of the heartless pride of her parents, without command, without even persuasion, (for both it seems are forbidden) is driven to the cloister, that her brother may have more ample means to uphold his hereditary honors; this was a thing inscrutable and inconceivable to us. In reading such works as Mrs. Sherwood’s Nun, we feel that we are dealing with conjectures. We turn to the scene exhibited in this work, and we know it to be real life. We would gladly grace our pages with it. It would probably be read with more interest than any thing we can say; but it is before the public, and we have no right to discharge our debts to our readers, by giving them what is theirs already. We will only pray their indulgence so far as to offer a short extract, as a specimen of the writer’s power. It is a picture of some of the horrors of the plague, as it raged in Milan in the year 1628. It may serve to show us that the pestilence, which lately stooped upon us, was in comparison, an angel of mercy.

The cars spoken of in the following extract, are those in which the uncoffined bodies of the dead were borne to a common receptacle, “naked for the most part, some badly wrapped in dirty rags, heaped up and folded together like a knot of serpents,” The “Monalti” were men who, having had the plague, were considered exempt from future danger, and were employed to bury the dead.

“A lady came from the threshold of one of the houses, whose aspect announced youth advanced, but not yet passed away. Her beauty was obscured, but not obliterated, by distress and mortal languor; that sort of beauty, at once majestic and soft, which is so conspicuous in the Lombard race. She walked with pain, but did not stagger; her eyes shed no tears, but bore marks of having done so abundantly. There was, in her grief, a something inexpressibly quiet and deep, betokening a soul imbued and filled with it. But it was not her own appearance alone, that in the midst of so much wretchedness, marked her especially for commiseration, and awakened in her favor a feeling now deadened and worn out in all hearts. She bore in her arms a girl about nine years old, – dead, but dressed in a white frock of spotless purity, with her hair divided in front, as if her own hands had adorned her for a feast, long promised as the reward of her goodness. She held her, seated on one of her arms, with her breast upon the lady’s breast; and she might have been thought to be alive, but that her young white hand hung heavy and lifeless on one side, like wax-work, and her head lay upon her mother’s shoulder, with an air of abandonment heavier than that of sleep. Her mother! If the resemblance had not proclaimed the relation, the distress of the survivor announced it too plainly.

“A coarse monalti drew near the lady, and silently offered to relieve her from her burthen, but with an air of unwonted respect and involuntary hesitancy. But she, with an action betokening neither disgust nor scorn, drew back, and said, ‘No; do not touch her now; I must lay her on that car myself; take this.’ She opened her hand, showed a purse, and dropped it into his. She then continued: ‘Promise me not to take a thread from her, and to suffer no other to do so, and to put her in the ground just as she is.’

The monalti placed his hand on his breast, and then with an obsequious zeal, rather like one subdued by a new and strange emotion, than as if prompted by the unexpected gift, he busied himself to make room on the car for the little corpse. The lady placed her there, as on a bed, laid her straight, kissed her cold brow, spread over her a white sheet, and then spoke for the last time. ‘Adieu, Cecilia! Rest in peace! This evening we meet again to part no more. Pray for us, my child, and I will pray for thee, and for the rest. You, ‘added she to the monalti, ‘when you pass again at vespers, will come and take me too, and not me alone.’

“Having said this, she re-entered the house, and presently appeared at the window, holding in her arms a still younger darling, alive, but with the marks of death on its face. She stood, as if contemplating the unworthy obsequies of the first, until the car moved, and while it remained in sight, and then she disappeared. What remained, but to lay her only surviving babe upon the bed, place herself by her side, and die with her; even as the stately blossom, with the bud beside it on its stem, falls before the scythe that levels all the plants in the meadow.”

There is a power in this to which we do not scruple to give great praise. We regret to say that the translation has many faults. We lament it the more, because they are obviously faults of haste. The translator, we fear, was hungry; a misfortune with which we know how to sympathize. The style is, for the most part, Italian, in English words, but Italian still. This is a great fault. In some instances it would be unpardonable. In this instance, perhaps, it is more than compensated by a kindred excellence. In a work like this, abounding in the untranslatable phrases of popular dialogue, it gives a quaint raciness which is not unacceptable. It does more. Such traslations of such works , would soon make the English ear familiar with Italian idioms, which once naturalized, would enrich the language. It is already thus incalculably enriched by the poetry of Burns and the novels of Scott. A familiarity with Shakespeare, (which is not the English of the present day,) preserves a store of wealth which would else be lost. The strength of a language is in the number and variety of its idiomatic phrases. These are forms of speech which use has rendered familiar, and emancipated from the crippling restraint of regular grammar. They enable the speaker to be brief, without being obscure. His meaning, elliptically expressed, is distinctly and precisely understood. Should any other work of Manzoni fall into the hands of Mr. Featherstonhaugh, we hope he may have time to correct those inaccuracies of which he is doubtless sensible; but we trust he will not consider his popular Italian idioms as among his faults. Smollet, in his translation of Don Quixotte, through extreme fastidiousness, threw away an opportunity of doubling the force of the English language.

This work comes to us as the harbinger of glad tidings to the reading world. Here is a book, equal in matter to any two of Cooper’s novels, and executed at least as well, which we receive at the moderate price of forty-two cents! It forms one number of the Washington Library, published monthly, at five dollars per annum. At this rate, a literary gourmand, however greedy, may hope to satisfy his appetite for books, without starving his children. The author has our praise, and the translator and publisher have our thanks.

(E.A. Poe)

Alessandro Manzoni – I Promessi Sposi – Concordanze per forma a cura di Valerio Di Stefano

Per una di queste stradicciole, tornava bel bello dalla passeggiata verso casa, sulla sera del giorno 7 novembre dell’anno 1628, don Abbondio, curato d’una delle terre accennate di sopra: il nome di questa, nè il casato del personaggio, non si trovan nel manoscritto, nè a questo luogo nè altrove. Diceva tranquillamente il suo ufizio, e talvolta,  tra un salmo e l’altro, chiudeva il breviario, tenendovi dentro, per segno, l’indice della mano destra, e, messa poi questa nell’altra dietro la schiena, proseguiva il suo cammino, guardando a terra, e buttando con un piede verso il muro i ciottoli che facevano inciampo nel sentiero: poi alzava il viso, e, girati oziosamente gli occhi all’intorno, li fissava alla parte d’un monte, dove la luce del sole già scomparso, scappando per i fessi del monte opposto, si dipingeva qua e là sui massi sporgenti, come a larghe e inuguali pezze di porpora.

Filename Size Date
sposi.doc 30,693,376  11/03/12  11:03 pm
sposi.odt 8,854,630  11/03/12  11:05 pm
sposi.pdf 22,033,230  11/03/12  11:00 pm
sposi.rtf 114,052,625  11/03/12  10:53 pm

Alessandro Manzoni – Del Romanzo Storico

PARTE PRIMA

Il romanzo storico va soggetto a due critiche diverse, anzi direttamente opposte; e siccome esse riguardano, non già qualcosa d’accessorio, ma l’essenza stessa d’un tal componimento; così l’esporle e l’esaminarle ci pare una bona, se non la migliore maniera d’entrare, senza preamboli, nel vivo dell’argomento. Continue reading

Alessandro Manzoni – Storia della Colonna Infame

Introduzione

Ai giudici che, in Milano, nel 1630, condannarono a supplizi atrocissimi alcuni accusati d’aver propagata la peste con certi ritrovati sciocchi non men che orribili, parve d’aver fatto una cosa talmente degna di memoria, che, nella sentenza medesima, dopo aver decretata, in aggiunta de’ supplizi, la demolizion della casa d’uno di quegli sventurati, decretaron di più, che in quello spazio s’innalzasse una colonna, la quale dovesse chiamarsi infame, con un’iscrizione che tramandasse ai posteri la notizia dell’attentato e della pena. E in ciò non s’ingannarono: quel giudizio fu veramente memorabile. Continue reading

Alessandro Manzoni – Fermo e Lucia

INTRODUZIONE

( PRIMA INTRODUZIONE CONTEMPORANEA

ALLA STESURA DEI PRIMI CAPITOLI)

«La Storia si può veramente chiamare una guerra illustre contro la Morte: poiché richiamando dal sepolcro gli anni già incadaveriti, gli passa di nuovo in rassegna, e li ordina di nuovo in battaglia: onde i perspicaci ingegni che in questo arringo raccolgono palme conservano al loro nome quella immortalità che agli altri conferiscono. Ma questi nobili campioni della memoria non fanno all’obblio se non furti splendidi e rapiscono soltanto le spoglie le più ricche e brillanti, imbalsamando coi loro inchiostri i fatti dei prencipi e potentati, e personaggi, tessendo come in feral tela le battaglie, e trapuntando coll’ago finissimo dell’ingegno i fili d’oro e di seta che formano un perpetuo ricamo di azioni gloriose. Continue reading

Alessandro de Gubernatis – Il Manzoni a Parigi

Il nome che portava la madre del Manzoni l’avea fatta accogliere in tutte le conversazioni più eleganti e più dotte del Consolato e del Primo Impero. Ad Auteuil, presso Parigi, viveva la vedova dell’Helvetius, in una casa già frequentata dai famosi Holbach, Franklin, Jefferson, Condillac, Diderot, D’Alembert, Condorcet, Laplace, Volney, Garat, Chenier, Ginguenè, Daunou, Thurot, Tracy l’ideologo e Cabanis. Ma il Cabanis frequentava specialmente la Maisonnette ove viveva la vedova del Condorcet, sorella del maresciallo Grouchy e della moglie di Giorgio Cabanis. Fu alla Maisonnette, ove la signora Beccarla si recava con particolare frequenza, che il Manzoni dovette conoscere il grande medico filosofo di Auteuil. Dal Sainte-Beuve apprendiamo che il Manzoni, parlandone col Fauriel, lo chiamava cet angélique Cabanis. Il Cabanis era nato nel 1757 a Cosnac e morì nel 1808 presso Meulan. Il Manzoni lo conobbe dunque negli ultimi tre anni della sua vita, e al colmo della sua gloria. Nell’anno 1806 il Cabanis aveva indirizzata al Fauriel una bella lettera sopra le cause prime, che fu pubblicata solo parecchi anni dopo la sua morte; probabilmente il Manzoni la lesse manoscritta presso il Fauriel. Il Sainte-Beuve riportò un passo eloquente della lettera del Cabanis; io ne riferirò qui, invece, la conclusione, nella quale il medico filosofo si rivolgeva allo storico sperato dello Stoicismo: “C’est a vous, mon ami, qu’il appartient de nous offrir les images des grandes âmes formées par ces maximes, de retracer dignement des souvenirs si touchants et si majestueux. Sans doute il est toujours utile de proposer aux hommes de semblables modèles; mais, aux époques des révolutions politiques, le bon sens et la vertu n’ont de garantie que dans la constance des principes, dans l’inébranlable fermeté des habitudes. Le débordement de toutes les folies, de toutes les fureurs, les excès de tous genres, inséparables de ces grands bouleversements, troublent les tètes faibles, leur rendent problématique ce qu’elles ont regardé comme le plus certain; les exemples corrupteurs, les succès momentanés du crime, les malheurs, les persécutions qui s’attachent si souvent aux gens de bien, ébranlent la morale des âmes flottantes; le ressort des plus énergiques s’affaiblit lui-même quelquefois, et toutes celles qui ne sont affermies dans la pratique des actions honnêtes que par le respect de l’opinion publique, voyant cette opinion toujours équitable à la longue dans les temps calmes, alors incertaine, égarée et souvent criminelle dans ses jugements, s’habituent à mépriser une voix qui leur tenait lieu de conscience; et si elles ne finissent bientôt par traiter de vaines illusions les devoirs les plus sacrés, il ne leur reste plus du moins assez de courage pour les faire triompher, dans le secret de leurs pensées, des impressions de terreur dont elles sont environnées de toutes parts. Poursuivez donc, mon ami, cet utile et noble travail: si la plus grande partie des temps historiques vers lesquels il vous ramène doivent remettre sous vos yeux les plus horribles et les plus hideux tableaux, vous y trouverez aussi celui des plus admirables et des plus touchantes vertus; leur aspect reposera votre coeur, révolté et fatigué de tant de scènes d’horreur et de bassesse. Jouissez, en le retraçant avec complaissance, des encouragements qu’il peut donner à tous les hommes en qui vit quelque étincelle du feu sacré, surtout à cette bonne jeunesse, qui entre toujours dans la carrière de la vie avec tous les sentiments élevés et généreux; et ne craignez pas d’embrasser une ombre vaine, en jouissant d’avance encore de la reconnaissance des vrais amis de l’humanité.” A me pare tra le cose probabili che il Cabanis, quando scriveva queste parole, scritte, prima del Manzoni, un poco alla manzoniana, per le quali insieme col Fauriel si confortava nella speranza che la nuova gioventù avrebbe raccolto l’esempio delle virtù stoiche, di cui il Fauriel dovea scrivere la storia, sebbene fosse avvezzo a terminare i suoi scritti con una generosa perorazione ai giovani, pensasse questa volta, particolarmente, al giovine amico del Fauriel, al Manzoni, che, nel suo Carme in morte di Carlo Imbonati, fin dal mese di febbraio dello stesso anno 1806 si era fatto un vero programma poetico di Filosofia stoica. In parecchi scritti poi del Cabanis trovo traccie di quello stile modestamente arguto, un po’ vago d’antitesi e di paralleli, che piaceva pur tanto al Manzoni e che gli divenne proprio, ma ch’egli potè forse sentirsi capace di rinnovare leggendo alcuno degli scrittori francesi. Non vorrei ingannarmi, innanzi ai professori di stilistica, dicendo che riconosco, per esempio, anticipato in parte il fare manzoniano in queste parole, con le quali si termina la prefazione del Coup-d’oeil sur les révolutions et sur la réforme de la Médecine, del Cabanis: “Cette introduction est la seule partie que j’aie pu terminer. Je m’étais refusé jusqu’à ce moment à la rendre publique, dans l’espoir de compléter un jour l’ouvrage entier tel que je l’avais conçu. Mais le dépérissement total de ma santé ne me permet plus de nourrir cet espoir, qui fut toujours peut-ètre beaucoup trop ambitieux pour moi. Je finis donc par céder aux voeux de quelques amis, et par livrer au public cette faible esquisse. J’aurais voulu la rendre plus digne de lui et d’eux, mais la même raison qui m’engage à la tirer de mon portefeuille, m’ôte le courage et les moyens de la perfectionner. Telle qu’elle est, elle renferme, je crois, des idées utiles, c’est assez pour écarter les conseils de mon amour-propre, qui peut-ètre la condamneraient a l’oubli; et si nos jeunes élèves, auxquels elle est particulièrement destinée, retirent quelque fruit de cette lecture, l’avantage de les avoir aidés dans leurs travaux sera pour mon coeur bien au-dessus de tous les succes les plus glorieux.” Io non dico che qui dentro ci sia il Manzoni; ma mi pare di ritrovarci, fino ad un certo segno, il suo modo di dire, e però non ho creduto di doverlo tacere. Nel Cabanis, oltre al medico filosofo, vi era l’apostolo, un bisogno continuo di comunicarsi vivamente ed utilmente agli altri; questo bisogno il Manzoni non l’ha sentito in pari grado, anzi, per dire il vero, egli mi pare averlo sentito pochissimo. Il Cabanis non si contentava che il medico fosse dotto; lo voleva principalmente buono; e tutti i suoi migliori scritti riescono ad una tale conclusione. Ma, se il Manzoni non provava la stessa impazienza nel manifestare i proprii sentimenti e nel farli attivi leggendo gli scritti e ascoltando i discorsi di colui che gli parve angelico, dovette provare più volte una viva simpatia, e, approvando in cuor suo i pensieri del sapiente di Auteuil, trarne qualche profitto per la regola della propria vita, ed in parte, anche, in quanto il Cabanis gli parve scrittore efficace, giovarsene per dare, ad un tempo, rilievo singolare e disinvoltura alla propria prosa. Il Manzoni entrò nella vita con un programma etico ben determinato. Così il Cabanis, quando, nel 1783, ottenne il dottorato, avea proferito innanzi a’ suoi giudici un generoso giuramento in versi non molto eleganti, ma, in compenso, molto sinceri, onde rilevo questi brani:

   Je jure qu’à mon art obstinément livrée
Ma vie aux passions n’offrirà nulle entrée;
Qu’il remplira mes jours; que, pour l’approfondir,
L’embrasser tout entier, peut-être l’agrandir,
Mon âme à cet objet sans repos attachée,
Poursuivant sans repos la vérité cachée,
Formera, nourrira, par des efforts constants,
Sa lente expérience et ses trésors savants.
Je jure que jamais l’intérêt ni l’envie
Par leurs lâches conseils ne souilleront ma vie;
Que partout mes respects chercheront les talents;
Que ma tendre pitié, que mes soins consolants
Appartiendront surtout au malheur solitaire,
Et du pauvre d’abord trouveront la chaumière;
Que mes jours, dont mon coeur lui réserve l’emploi,
Pour conserver les siens ne seront rien pour moi
………………………………..
………………………………..
Libre de vains égards ou d’un orgueil coupable,
Je jure que ma voix, de détours incapable,
Montrera sans faiblesse, ainsi qu’avec candeur,
Et l’erreur étrangère et surtout mon erreur.
Je jure encor, fidèle à mon saint ministère,
Je jure, au nom des moeurs, que mon respect austère
Ne laissera jamais mes désirs ni mon coeur
S’égarer hors des lois que chérit la pudeur.
………………………………..
………………………………..
Ah! si mon coeur jamais, dans de honteux moments,
Abjurait sans puàeur ses vertueux serments,
Attache à tous mes pas les remords et le blâme,
Dieu vengeur qui m’entends! qu’en me fermant son âme,
La sévère amitié me laisse en un désert!
Dans ce coeur maintenant aux goûts simples ouvert
Flétris les vrais désirs, étouffe la nature,
Frappe-le des terreurs que nourrit l’imposture;
Et que plein de l’effroi d’un obscur avenir,
Je meure sans laisser aucun doux souvenir!
Mais, si de la vertu dont l’image m’enflamme
La sévère beauté toujours parle à mon âme;
Si, malgré tant de maux dont les assauts constants
Ont flétri mes beaux jours et glacé mon printemps,
À mes devoirs livré, moi-même je m’oublie,
Pour ne songer qu’aux maux qu’un autre me confie;
Si toujours mes serments sont présents a mon coeur,
Dieu juste, sur mes jours répands quelque douceur;
Veille sur les amis qui consolent ma vie;
Nourris les sentiments dont tu l’as embellie!
Chéri du malheureux, du puissant révéré,
Que mon nom soit béni plutôt que célébré!

Il Cabanis, come più tardi il Manzoni, tenne fede al suo programma giovanile. E, se fu caso che due uomini come il Cabanis ed il Manzoni, l’uno al tramonto, l’altro al principio della vita, s’incontrassero e si amassero, quel caso almeno non si potè dir cieco, poichè, se il temperamento dei due scrittori era diverso, non potevano incontrarsi due uomini che si somigliassero di più nel desiderio del bene. Il ritratto del Cabanis che accompagna il primo volume della edizione delle sue opere fatta nell’anno 1823 a Parigi dal Didot, ci offre la figura d’uomo pensoso e malinconico, ma benevolo e dall’espressione soave. La gioventù del Cabanis era stata molto agitata; giovinetto, egli aveva seguito, in qualità di segretario, un signore polacco a Varsavia; tornato a diciott’anni a Parigi, vi aveva atteso per alcuni anni a lavori letterarii, tra gli altri, a una versione dell’Iliade; ma non trovandosi abbastanza incoraggiato, elesse infine di studiar la medicina; laureato dopo sei anni di studio, si stabilì ad Auteuil, dove ebbe la ventura di conoscere la vedova del celebre Helvetius, che lo trattò come proprio figlio e gli fece conoscere gli uomini illustri che ne frequentavano la casa, tra i quali quel Beniamino Franklin, di cui il Cabanis ci ha poi raccontata così bene e con tanta efficacia morale la vita. Per mezzo dell’Holbach, divenne amico del Diderot, del D’Alembert e del Voltaire. All’arrivo della rivoluzione, il Cabanis ne approvò i principii e ne deplorò gli eccessi. Amico intimo del Mirabeau, ne descrisse la malattia e la morte. Assistette fino all’ultima ora il Condorcet, ne raccolse gli scritti, ne consolò la vedova; poco dopo, si congiunse in matrimonio con una cognata di lei, sorella del generale Grouchy. Nominato quindi professore, membro dell’Istituto, membro del Senato, la sua fama d’allora in poi andò sempre crescendo e la sua vita potè dirsi relativamente felice. Tutti gli scrittori francesi contemporanei s’accordarono nel chiamare il Cabanis non solo un gran medico, professore e filosofo, ma un homme de bien. Questa lode ch’egli ambiva sopra ogni altra, gli meritò pure la gloria di essere amato ed ammirato dal nostro Manzoni; ora, poichè nessuna delle ammirazioni del Manzoni rimase sterile per la sua vita, noi non possiamo tacere che, se il Manzoni tornò in Italia migliore che non ne fosse partito, una parte del merito vuole pure riferirsi all’angelico Cabanis. Quando il Cabanis morì, nel 1808, il suo posto nell’Accademia francese fu occupato da un altro filosofo, un amico, una conoscenza intima anch’esso del Fauriel e del Manzoni, l’ideologo Destutt de Tracy, l’autore dei celebri Élements d’idéologie, nato nel 1751, morto nel 1836.[1] Sebbene, per l’età, il Tracy potesse essere padre al Fauriel, sappiamo tuttavia che egli avea tanta fiducia nel criterio di lui, che gli dava ad esaminare e giudicare i proprii scritti prima di pubblicarli. Scrivendo poi al Fauriel, il Tracy gli diceva, citando un bell’adagio orientale, che l’albero dell’amicizia “est le seul qui porte des fruits toujours doux.” Ma il grande amico, l’anima gemella, nella gioventù del Manzoni, fu Claudio Fauriel. La signora di Staël, scrivendo al Fauriel, fra le altre cose gli diceva: “Ce n’est pas assurément que votre esprit aussi ne me plaise, mais il me semble qu’il tire son originalité de vos sentiments.” Queste parole ci possono dare la ragione della profonda simpatia, della viva amicizia che il Manzoni sentì pel Fauriel. La forza, la grandezza originale del Manzoni consiste pure nella sua capacità di sentire vivacemente e di tradurre sinceramente il proprio sentimento. Ammiratore del Parini e di Carlo Imbonati, due stoici, il giovine Manzoni arrivava a Parigi e vi incontrava lo stoico Fauriel, nel 1805, cioè nell’anno in cui questi preparava una storia dello Stoicismo ed attirava alle dottrine stoichei suoi migliori amici. Ma lo stoicismo del Fauriel non si scompagnava da un sentimento filantropico, più moderno che lo raddolciva. Amico del vero, e persuaso che il vero si può conciliar sempre col buono, per amor del vero egli amava pure nell’arte la naturalezza. Il Manzoni trovò dunque nel Fauriel più tosto un consenso che un ammaestramento; i due amici confermarono a vicenda, ne’ loro lunghi e geniali discorsi, e determinarono meglio a sè stessi la loro poetica letteraria che riusciva al tempo stesso una poetica della vita. Anche al Manzoni si sarebbero forse potute rivolgere le parole che la Stael indirizzava al Fauriel: “Vous aimez les sentiments exaltés, et, quoique vous n’ayez pas, du moins je le crois, un caractère passionné, comme votre âme est pure, elle jouit de tout ce qui est noble avec délices.” Ingegni critici entrambi, ossia correttivi, erano impediti essi stessi da una clamorosa e tumultuosa dimostrazione de’ loro sentimenti; poeti entrambi, non potevano tuttavia guardare con freddezza alcun oggetto della loro critica; moderavano dunque la passione e scaldavano la riflessione con una specie di compenso euritmico che le metteva quasi sempre fra loro in perfetta armonia. Il Fauriel sarebbe stato amato con ardore dalla Stael, se egli lo avesse voluto; ma preferì una soddisfazione più viva, quella di essere ammirato da lei, che, deposta oramai ogni speranza di una corrispondenza amorosa, poteva quindi scrivergli: “Je croirai moins de mal de la nature humaine quand votre âme noble et pure me fera sentir au moins tout le charme et tout le mérite des ètres privilégiés.” Si comprende il fascino che un tal uomo dovette esercitare sopra il giovane Manzoni al suo arrivo in Parigi, e si capisce ancora come il Fauriel dovesse fortificarsi ne’ suoi virtuosi convincimenti, trovando adesione ad essi nell’animo di un Manzoni. Vuolsi egli da ciò argomentare che il Fauriel fosse, nella sua qualità di stoico, insensibile all’amore, e fargli quasi un merito di una tale insensibilità? Non è questo il mio pensiero. Pare, invece, che l’animo del Fauriel fosse preso, più ancora che dalle grazie, dalle virtù della vedova del Condorcet. Essa era nata sei anni prima di lui, ma, se egli amò alcuna donna, fu quella; ed amando fortemente quella, non ne poteva onestamente amare un’altra; perciò Beniamino Constant, scrivendo al Fauriel, dopo avere chiamata la Stael “la meilleure et la plus spirituelle des femmes,” si scusa, soggiungendo queste altre parole significanti: “Je m’aperçois que le superlatif est malhonnête, et je le rétracte pour l’habitante de la Maisonnette.” Il Fauriel era nato per sentire fortemente l’amicizia, degno quindi d’incontrarsi col Manzoni che si mostrò anch’esso affettuoso e costante nelle sue amicizie. E si può ancora riferire al Manzoni quello che il Sainte-Beuve scrisse del Fauriel: “En lui les extrémités, les terminaisons de l’âge précédent se confondent, se combinent à petit bruit avec les origines de l’autre; il y a de ces intermédiaires cachés qui font qu’ainsi deux époques, en divorce et en rupture à la surface, se tiennent comme par les entrailles.” Come il Fauriel comunicò al Cabanis, ad un ideologo, ad un filosofo, che era pure non grande, ma neppure infimo poeta, il proprio amore delle indagini storiche, così ne innamorò un altro poeta più grande e più originale, il nostro Manzoni. Il dramma storico, il romanzo storico, il discorso storico, la Storia della Colonna infame, riconoscono per loro padre legittimo, effettivo, il Manzoni; ma se il Manzoni ne fu il padre, il Fauriel ne vuol essere tenuto come l’amoroso padrino. Alla sua volta, il Manzoni, rapito da un nuovo profondo sentimento religioso, dovea forse contribuire ad animare di nuova poesia cristiana il sentimento stoico, quasi pagano, del Fauriel, e aggiungere a’ pensieri virili dello storico una maggior soavità di espressione poetica. Il Fauriel poi ed il Manzoni erano di quegli uomini, in compagnia del quali, anche non volendo, si diventa migliore: il poeta danese Bággesen, per esempio, che era temuto da’ suoi avversarii per i suoi frizzi e per le sue invettive, presso il sereno e virtuoso Fauriel diveniva o voleva almeno apparire un agnello: i frammenti delle sue lettere al Fauriel pubblicati dal Sainte-Beuve lo dimostrano. Lo stoico Fauriel, amico della vedova del Condorcet, ma, senza dubbio, amico nel più nobile senso della parola, dovea tenere il posto presso il Manzoni di quel Carlo Imbonati, lo stoico discepolo del Parini, ed amico della signora Giulia Beccaria. Quando la signora Condorcet morì nel 1822, il Fauriel venne a cercare conforto al suo vivo, irreparabile dolore, presso il suo Manzoni, a Brusuglio. Premesse queste poche parole intorno alle ragioni profonde della simpatia ed amicizia che legò insieme il Manzoni ed il Fauriel, mi giova ora, con la guida del Sainte-Beuve, seguire i discorsi che i due grandi scrittori tennero in Parigi sull’arte loro. Ma io discorderei tosto dall’illustre critico francese, il quale attribuiva al Fauriel il merito d’avere, dopo la lettura del noto Carme In morte dell’Imbonati, non pure consigliato al Manzoni di perfezionarsi nel verso sciolto, ma indicatigli “les modèles qu’il préférait.” Per quanto il Fauriel fosse intelligente di poesia italiana, conviene ammettere che il Manzoni se ne intendesse un poco più: il Fauriel provavasi egli pure a scrivere sonetti italiani e li leggeva al Manzoni; ma, se que’ sonetti avessero avuto un vero valore, è assai probabile che gli avrebbero sopravvissuto. Il Fauriel deve avere semplicemente ammirato i bei versi del Manzoni, e convenuto con lui che il miglior modello di verso sciolto italiano era quello del Parini, che molto probabilmente il Manzoni fece conoscere al Fauriel e non, di certo, viceversa. Il Sainte-Beuve scrive, del rimanente, egli stesso parlando del Manzoni: “Le divin Parini, comme il l’appelait quelquefois, fut son premier maître; mais, en avançant, son vers tendit de plus en plus à se dégager de toute imitation prochaine, à se retremper directement dans la vérité et la nature.” Il che è vero soltanto, se si confronti lo sciolto della tragedia con quello del Carme per l’Imbonati, ma non potrebbe stare se si volesse riguardare come un progresso l’Urania ed altri componimenti lirici immediatamente successivi, rispetto a quel primo Carme mirabile per verità e naturalezza. Ma a questo punta non mi giova più citare; mi conviene invece riferire, per intiero, quanto il Sainte-Beuve ci lasciò scritta intorno ai discorsi principali che si tennero su argomenti letterarii fra il Manzoni ed il Fauriel, dall’anno 1806 all’anno 1808. “Quante volte (scrive il Sainte-Beuve), correndo l’estate del 1806 o alcuno degli anni dipoi, nel giardino della Maisonnette e fuori, per le colline di Saint-Avoie, sul pendio di quella vetta, onde si scorge sì bello il corso della Senna, e l’isoletta coperta di salici e di cipressi, da cui l’occhio si allarga contento su quella fresca e tranquilla vallata, quante volte i due amici andavano ragionando tra loro sul fine supremo d’ogni poesia, sulle false immagini di che conveniva spogliarla, sull’arte bella e semplice che bisognava richiamare alla vita! Certo, il Cartesio non fu tanto insistente nel raccomandare al filosofo di deporre le idee della scuola e i pregiudizii dell’educazione, quanto il Fauriel nel raccomandare al poeta di liberarsi intieramente da quelle false immagini che sogliono ricevere nome di poetiche. Bisogna che la poesia sia cavata dall’intimo del cuore, bisogna sentire e saper esprimere i proprii sentimenti con sincerità. Quest’era il primo articolo della riforma poetica meditata dal Fauriel e dal Manzoni. Non è però che di mezzo alle speranze questi non sentisse un’amarezza nel cuore. Ben intendendo che la poesia non può corrispondere nè alle sue origini nè al suo fine, se non opera sulla vita del popolo e della società, scorgeva facilmente, che, per mille titoli, l’Italia non poteva arrivare a tanto. La divisione degli Stati, il difetto d’un centro comune, l’ozio, l’ignoranza, le pretensioni locali avevano arrecato differenze troppo profonde tra la lingua scritta e le parlate. Quella divenne addirittura una lingua morta. Non potè quindi prendere ed esercitare sulle varie popolazioni un’azione diretta, immediata, universale. E così, per una contradizione veramente singolare, la prima condizione in Italia d’una lingua poetica, pura e semplice, era di fondarsi sull’artificio. Il Manzoni sentì assai presto la gravità di questo inconveniente. Egli non poteva contemplare senza un certo piacere, misto d’invidia, il pubblico di Parigi tutto plaudente alla commedia del Molière. Quel vedere un popolo intero che gustava e intendeva in tutte le loro parti i capolavori del genio, come cosa sua, quasi ponendosi in comunicazione con esso, gli pareva un sintomo di quella vita attiva che temeva fosse divietata a una nazione divisa In tanti dialetti. Egli ch’era destinato a riunire un giorno i più eletti ingegni del suo paese in un concorde sentimento d’ammirazione, egli allora non credeva possibile siffatta unanimità, o almeno dolevasi che non potesse partire dal maggior numero. Il Fauriel lo incoraggiava con autorità, e ponevagli sott’occhio molti illustri esempi, anche di scrittori italiani, ricordandogli che tutti, più o meno, ebbero a lottare con difficoltà della stessa specie.” Il soggiorno in Francia non valse di certo al Manzoni per fargli imparar meglio quella lingua italiana, allo studio della quale egli si appassionò poi tanto dopo il suo ritorno in Italia. Ma gli diede, quanto allo stile, quella naturalezza, quell’agevolezza e disinvoltura che le nostre scuole e le nostre Accademie non ci hanno mai insegnate, avendo anzi mirato molto spesso a nascondere con la frase elegante i pensieri, o il vuoto de’ pensieri, più tosto che ad esprimerli. Il Manzoni ammirava grandemente e sovra tutti i prosatori il Voltaire, le opere del quale egli citava spesso, avendole fino al suo trentesimo anno 1820 avute sempre fra le mani! Se ne privò poi, per farne dono al proprio confessore monsignor Tosi, canonico del Duomo, poi vescovo di Pavia, e togliersi così la tentazione di ascoltare il Voltaire altrimenti che come scrittore, e di sorbire con l’ambrosia delle belle parole il veleno di pensieri che quella fede cattolica, della quale egli aveva assunta la difesa, gli comandava di riprovare.[2]

[1] L’Elogio del Cabanis recitato dal Tracy fu tradotto in italiano da Defendente Sacchi sopra il manoscritto dell’Autore e pubblicato nel 1834 a Piacenza.

[2] Il fatto ci è affermato dal professor Magenta, il quale aggiunge che il Voltaire appartenuto al Manzoni “era un magnifico esemplare parigino del 1785, di circa 100 volumi in-8°, legati in marocchino col labbro dorato. L’egregio Carlo Tosi ne tiene quattro soltanto, che degli altri alla morte del Vescovo non si trova che i cartoni.”