Archivi tag: mi

Carolina Coronado – Acuérdate de mí

Y cuando ya no veas
las playas españolas
que tan tristes y solas
van a quedar sin ti,
cuando estés en la nave
mirando al Océano,
acuérdate ¡ay!, hermano,
¡acuérdate de mí!

Si el cielo está sereno
y el agua hermosa en calma,
en tanto que mi alma
te sigue desde aquí,
en tanto vaya el onda
sulcando tu navío,
¡ay! siempre, hermano mío,
¡acuérdate de mí!

Y si el cielo se irrita
y la mar se embravece,
mientras la gente rece
en derredor de ti,
levanta confiado
tus ojos hacia el (altro…)

Miguel de Unamuno – En mi cuadragésimo sexto cumpleaños

Ahora que ya por fin gané la cumbre,
a mis ojos la niebla cubre el valle
y no distingo a dónde va la calle
de mi descenso. Con la pesadumbre

de los agüeros vuelvo hacia la lumbre
que mengua la mirada. Que se acalle
te pido esta mi ansión y que tu dalle
siegue al cabo, Señor, toda mi herrumbre.

Cuando puesto ya el sol contra mi frente
me amaguen de la noche las tinieblas,
Tú, Señor de mis años, que (altro…)

Miguel de Unamuno – A mi ángel

Cúbreme con tus alas, ángel mío,
haciendo de ellas nube que no pasa;
tú proteges la mente a la que abrasa
la cara del Señor, mientras el río

del destino bajamos. Pues confío
que cuando vuelva a la paterna casa,
no ya velada la verdad, mas rasa,
contemplar pueda a todo mi albedrío.

Mira, ángel mío, que la vida es corta,
aunque muy trabajosa su carrera
y en ella no puede ir el alma absorta

de su Dios. Así espero a que (altro…)

Re Enzo, Amor mi fa sovente

Amor mi fa sovente
lo meo core pensare,
dàmi pene e sospiri;
e son forte temente,
per lungo adimorare,
ciò che por[r]ia aveniri.
Non c’agia dubitanza
de la dolze speranza
che ‘nver di me fallanza ne facesse,
ma tenemi ‘n dottanza
la lunga adimoranza
di ciò c’adivenire ne potesse.
Però nd’agio paura
e penso tuttavia
a lo suo gran valore;
se troppo è mia dimura,
eo viver non por[r]ia;
così mi stringe Amore
ed àmi così priso,
n tal guisa conquiso,
che ‘n altra parte non ò pensamento;
e tuttora m’è aviso
di (altro…)

Giacomino Pugliese, Donna, di voi mi lamento

«Donna, di voi mi lamento,
bella di voi mi richiamo
di sì grande fallimento:
donastemi auro co ramo.
Vostro amor pensai tenere
fermo, senza sospecione;
or sembra d’altro volere,
truovolo in falsa cascione,
amore».
«Meo sir, se tu ti lamenti,
tu nó ài dritto, nè ragione;
per te sono in gran tormenti.
Dovresti guardar stagione,
ancor ti sforzi la voglia
d’amore e la gelosia;
con senno porta la doglia,
non perder per tua fol[l]ìa
amore».
«Madonna, s’io pene porto,
a voi non scresce baldanza,
di voi non agio conforto
e fals’e la (altro…)

Ruggierone da Palermo, Ben mi degio alegrare

Ben mi degio alegrare
e far versi d’amore,
ca cui son servidore
m’à molto grandemente meritato;
non si por[r]ia contare
lo gran bene e l’aunore.
Ben agia lo martore,
ch’io per lei lungiamente agio durato.
Però consiglio questo a chi è amadori:
non si ‘[n]speri, sia buon soferidori
e lui no ‘ncresca la gran dimoranza;
chi vole [ben] compire sua [ ‘n]tendanza,
viv’a speranza,
chè non mi par che sia di valimento
da c’omo vene tosto a compimento.
Ben ò veduto [a]manti
a cui par forte amare
e (altro…)

Jacopo Mostacci, Amor ben veio che mi fa tenire

Amor ben veio che mi fa tenire
manera [e] costumanza
d’aucello c’arditanza – lascia stare:
quando lo verno vede sol venire
ben mette ‘n ubrianza
la gioiosa baldanza – di svernare,
e par che la stagione no li piacc[i]a,
chè la fredura inghiacc[i]a;
e poi, per primavera,
ricovera manera
e suo cantare in[n]ova e sua ragione.
Ed ogni cosa vuole sua stagione.
Amor, lo tempo che non m’era a grato
mi tolse lo cantare;
credendo megliorare – io mi ritenni.
Or canto, chè mi sento megliorato,
ca, (altro…)

Stefano Protonotaro, Assai mi placeria

Assai mi placeria
se zo fosse ch’Amore
avesse in sè sentore
di ‘ntendere e d’audire:
ch’eo li rimembreria,
como fa servidore
per fiate a suo segnore,
meo luntano servire;
e fariali a savire
lo mal di ch’eo non m’oso lamentare
a quella che ‘l meo cor non pò ubriare.
M’Amor non veo, e de lei so temente,
per che meo male adesso è plu pungente.
Amor sempre mi vede
ed àmi in suo podire,
m’eo non posso vedire
sua propia figura.
M’eo so ben di tal fede,
poi c’Amor (altro…)

Rinaldo d’Aquino, In gioi mi tegno tutta la mia pena

In gioi mi tegno tut[t]a la mia pena
e contolami in gran bonaventura;
come Parisi quando amav’ Alena,
così fac[c]io, membrando per ogn’ura.
Non cura – lo meo cor s’à pene,
membrando gioi che vene,
quanto più dole ed ell’a[ve] più dura.
Null’omo credo c’ami lealmente
che tema pene inver sua donna c’ama:
amante è che ama falsamente
quandunque vede un poco e che più brama,
e chiama – tut[t]avia mercede,
e già mai non si crede
c’Amor conosca il male c’altrui inflama.
Però la (altro…)

Rinaldo d’Aquino, Già mai non mi conforto

Già mai non mi conforto
nè mi voglio ralegrare.
Le navi son giute a porto
e [or] vogliono col[l]are.
Vassene lo più gente
in terra d’oltramare
ed io, lassa dolente,
como degio fare?
Vassene in altra contrata
e no lo mi manda a diri
ed io rimagno ingannata:
tanti sono li sospiri,
che mi fanno gran guerra
la notte co la dia,
nè ‘n celo ned in terra
non mi par ch’io sia.
Santus, santus, [santus] Deo,
che ‘n la Vergine venisti,
salva e guarda l’amor meo,
poi da me (altro…)

Guittone d’Arezzo, Ahi! con mi dol vedere omo valente

Ahi! con mi dol vedere omo valente
star misagiato e povero d’avere,
e lo malvagio e vile esser manente,
regnare a benenanza ed a piacere;
e donna pro corsese e canoscente
ch’è laida sì, che vive in dispiacere;
e quella ch’ha bieltà dolze e piagente,
villana ed orgogliosa for savere.
Ma lo dolor di voi, donna, m’amorta,
ché bella e fella assai più ch’altra sete,
e più di voi mi ten prode e dannaggio.
Oh, che mal aggia il die che voi (altro…)

Guittone d’Arezzo, Ahi! con mi dol vedere omo valente

Ahi! con mi dol vedere omo valente
star misagiato e povero d’avere,
e lo malvagio e vile esser manente,
regnare a benenanza ed a piacere;
e donna pro corsese e canoscente
ch’è laida sì, che vive in dispiacere;
e quella ch’ha bieltà dolze e piagente,
villana ed orgogliosa for savere.
Ma lo dolor di voi, donna, m’amorta,
ché bella e fella assai più ch’altra sete,
e più di voi mi ten prode e dannaggio.
Oh, che mal aggia il die che voi (altro…)

Guittone d’Arezzo, Sì mi destinge forte

Sì mi destinge forte
l’amoroso disio,
e sì disconfortata è la mia spera,
che la vita m’è morte;
ed esto male mio
creato fue di sì mala manera,
ch’esso solo di loco ond’è creato
pote cercar guerenza,
cioè dalla piangente donna mia.
E certo eo no vorria
ch’avesser ta’ vertù i nemici mei,
ma voglio ben de lei,
perché mi piace più per lei morire,
che per altra guerire,
poi che mi credo tutto in sua piagenza;
ché me piace ed agenza
e morte e vita, qual (altro…)

Vittoria Colonna – Di così nobil fiamma amor mi cinse

Di così nobil fiamma amor mi cinse,
Che poco apprezza il trapassar dell’ore,
E col suo dolce, casto e santo ardore;
Ogni altra nel mio petto altera estinse.
Ricco legame al bel giogo m’avvinse,
Tal che disdegna umil catena il core;
Nè più speranza vuol nè più timore;
L’arse un incendio, un sol nodo lo strinse.
Scelto dardo pungente all’arco tese
Che fe la piaga, ch’or serbo immortale,
Per schermo contra ogni amoroso impaccio.
Amor le faci spense ove l’accese,
L’arco spezzò all’avventar (altro…)

Olindo Guerrini – E pur mi sento nel cervello anch’io

E pur mi sento nel cervello anch’io
Qualche cosa che vive e che lavora,
E pur quest’aura che il mio volto sfiora
L’alito par dell’agitante Iddio!

Talor cedendo a’ sogni miei m’avvio
Pe’ floridi sentier che il mondo ignora;
Salgono i canti alle mie labbra allora
E spero e credo nell’ingegno mio.

Ma quando il dubbio mi risveglia, quando
Via per la nebbia del mattin tranquille
Sfuman le larve che seguii sognando,

Colle man mi fo velo alle pupille
E mi guardo nel (altro…)

Francesco Petrarca – Che debb’io far? che mi consigli, Amore?

Che debb’io far? che mi consigli, Amore?
Tempo è ben di morire,
et ò tardato piú ch’i’ non vorrei.
Madonna è morta, et à seco il mio core;
et volendol seguire,
interromper conven quest’anni rei,
perché mai veder lei
di qua non spero, et l’aspettar m’è noia.
Poscia ch’ogni mia gioia
per lo suo dipartire in pianto è volta,
ogni dolcezza de mia vita è tolta.
Amor, tu ‘l senti, ond’io teco mi doglio,
quant’è il damno aspro et grave;
e so che del (altro…)

Francesco Petrarca – Signor mio caro, ogni pensier mi tira

Signor mio caro, ogni pensier mi tira
devoto a veder voi, cui sempre veggio:
la mia fortuna (or che mi pò far peggio?)
mi tene a freno, et mi travolge et gira.
Poi quel dolce desio ch’Amor mi spira
menami a morte, ch’i’ non me n’aveggio;
et mentre i miei duo lumi indarno cheggio,
dovunque io son, dí et notte si sospira.
Carità di signore, amor di donna
son le catene ove con molti affanni
legato son, perch’io stesso mi strinsi.
Un (altro…)

Francesco Petrarca – Cara la vita, et dopo lei mi pare

– Cara la vita, et dopo lei mi pare
vera honestà, che ‘n bella donna sia.
– L’ordine volgi: e’ non fûr, madre mia,
senza honestà mai cose belle o care;
et qual donna si lascia di suo honor privare,
né donna è piú né viva; et se qual pria
appare in vista, è tal vita aspra et ria
via piú che morte, et di piú pene amare.
Né di Lucretia mi meravigliai,
se non come a morir le bisognasse
ferro, (altro…)

Francesco Petrarca – Qual paura ò, quando mi torna a mente

Qual paura ò, quando mi torna a mente
quel giorno ch’i’ lasciai grave et pensosa
madonna, e ‘l mio cor seco! et non è cosa
che sí volentier pensi, et sí sovente.
I’ la riveggio starsi humilemente
tra belle donne, a guisa d’una rosa
tra minor’ fior’, né lieta né dogliosa,
come chi teme, et altro mal non sente.
Deposta avea l’usata leggiadria,
le perle et le ghirlande et i panni allegri,
e ‘l riso e ‘l canto e ‘l parlar (altro…)

Francesco Petrarca – Il mal mi preme, et mi spaventa il peggio

Il mal mi preme, et mi spaventa il peggio,
al qual veggio sí larga et piana via,
ch’i’ son intrato in simil frenesia,
et con duro penser teco vaneggio;
né so se guerra o pace a Dio mi cheggio,
ché ‘l danno è grave, et la vergogna è ria.
Ma perché piú languir? di noi pur fia
quel ch’ordinato è già nel sommo seggio.
Bench’i’ non sia di quel grand’onor degno
che tu mi fai, ché te n’inganna Amore,
che spesso (altro…)