Archivi tag: mille

Giuseppe Garibaldi – I mille

EText-No. 31002
Title: I Mille
Author: Garibaldi, Giuseppe;1807;1882
Language: Italian
Link: cache/generated/31002/pg31002.epub

EText-No. 31002
Title: I Mille
Author: Garibaldi, Giuseppe;1807;1882
Language: Italian
Link: 3/1/0/0/31002/31002-h/31002-h.htm

EText-No. 31002
Title: I Mille
Author: Garibaldi, Giuseppe;1807;1882
Language: Italian
Link: cache/generated/31002/pg31002.mobi

EText-No. 31002
Title: I Mille
Author: Garibaldi, Giuseppe;1807;1882
Language: Italian
Link: cache/generated/31002/pg31002.txt.utf8

EText-No. 31002
Title: I Mille
Author: Garibaldi, Giuseppe;1807;1882
Language: Italian
Link: 3/1/0/0/31002/31002-h.zip

EText-No. 31002
Title: I Mille
Author: Garibaldi, Giuseppe;1807;1882
Language: Italian
Link: 3/1/0/0/31002/31002-8.zip

Gaspara Stampa – Mille volte, signor, movo la penna

Mille volte, signor, movo la penna
per mostrar fuor, qual chiudo entro il pensiero,
il valor vostro e ‘l bel sembiante altero,
ove Amor e la gloria l’ale impenna;
ma perché chi cantò Sorga e Gebenna,
e seco il gran Virgilio e ‘l grande Omero
non basteriano a raccontarne il vero,
ragion ch’io taccia a la memoria accenna.
Però mi volgo a scriver solamente
l’istoria de le mie gioiose pene,
che mi fan singolar fra l’altra gente:
e come Amor ne’ be’ vostr’occhi tiene
il seggio suo, e come indi sovente
sì dolce l’alma a tormentar mi viene.

Onesto Bolognese – A Cino da Pistoia – “Mente” ed “umìle” e più di mille porte

“Mente” ed “umìle” e più di mille porte
piene di “spirti” e ‘l vostro andar sognando
mi fan considerar che, d’altra sorte,
non si pò trar ragion di voi rimando.
Non so chi·l vi fa fare, o vita o morte,
ché, per lo vostro andar filosofando,
avete stanco qualunqu’è ‘l più forte
ch’ode vostro bel dire imaginando.
Ancor pare a ciascuno molto grave
vostro parlare in terzo con altrui,
e ‘n quarto ragionando con voi stessi;
ver’ quel de l’uom ogni pondo è soave:
cangiar donque maniera fa per voi;
se non ch’i’ porrò dir: “Ben sète dessi!”

Michelangelo Buonarroti – I’ fu’, già son molt’anni, mille volte

I’ fu’, già son molt’anni, mille volte
ferito e morto, non che vinto e stanco
da te, mie colpa; e or col capo bianco
riprenderò le tuo promesse stolte?
Quante volte ha’ legate e quante sciolte
le triste membra, e sì spronato il fianco,
c’appena posso ritornar meco, anco
bagnando il petto con lacrime molte!
Di te mi dolgo, Amor, con teco parlo,
sciolto da’ tuo lusinghi: a che bisogna
prender l’arco crudel, tirare a voto?
Continua la lettura di Michelangelo Buonarroti – I’ fu’, già son molt’anni, mille volte