classicistranieri.com / Pietro Bembo – Prose della volgar lingua

Skip to content

Tag Archives: Petrarca

Pietro Bembo – Prose della volgar lingua

14-apr-14

PRIMO LIBRO [1.I.] Se la natura, Monsignor messer Giulio, delle mondane cose producitrice e de’ suoi doni sopra esse dispensatrice, sí come ha la voce agli uomini e la disposizione a parlar data, cosí ancora data loro avesse necessità di parlare d’una maniera medesima in tutti, ella senza dubbio di molta fatica scemati ci avrebbe [...]

Francesco Petrarca – Lasso me, ch’i’ non so in qual parte pieghi

05-gen-14

Lasso me, ch’i’ non so in qual parte pieghi la speme, ch’è tradita omai più volte: che se non è chi con pietà m’ascolte, perché sparger al ciel sí spessi preghi? Ma s’egli aven ch’anchor non mi si nieghi finir anzi ‘l mio fine queste voci meschine, non gravi al mio signor perch’io il ripreghi [...]

Francesco Petrarca – Ben sapeva io che natural consiglio

05-gen-14

Ben sapeva io che natural consiglio, Amor, contra di te già mai non valse, tanti lacciuol’, tante impromesse false, tanto provato avea ‘l tuo fiero artiglio. Ma novamente, ond’io mi meraviglio (diròl, come persona a cui ne calse, e che ‘l notai là sopra l’acque salse, tra la riva toscana et l’Elba et Giglio), i’ [...]

Francesco Petrarca – L’aspetto sacro de la terra vostra

05-gen-14

L’aspetto sacro de la terra vostra mi fa del mal passato tragger guai, gridando: Sta’ su, misero, che fai?; et la via de salir al ciel mi mostra. Ma con questo pensier un altro giostra, et dice a me: Perché fuggendo vai? se ti rimembra, il tempo passa omai di tornar a veder la donna [...]

Francesco Petrarca – Del mar Tirreno a la sinistra riva

05-gen-14

Del mar Tirreno a la sinistra riva, dove rotte dal vento piangon l’onde, súbito vidi quella altera fronde di cui conven che ‘n tante carte scriva. Amor, che dentro a l’anima bolliva, per rimembranza de le treccie bionde mi spinse, onde in un rio che l’erba asconde caddi, non già come persona viva. Solo ov’io [...]

Francesco Petrarca – L’aere gravato, et l’importuna nebbia

05-gen-14

L’aere gravato, et l’importuna nebbia compressa intorno da rabbiosi vènti tosto conven che si converta in pioggia; et già son quasi di cristallo i fiumi, e ‘n vece de l’erbetta per le valli non se ved’altro che pruine et ghiaccio. Et io nel cor via piú freddo che ghiaccio ò di gravi pensier’ tal una [...]

Francesco Petrarca – Lasso, che mal accorto fui da prima

05-gen-14

Lasso, che mal accorto fui da prima nel giorno ch’a ferir mi venne Amore, ch’a passo a passo è poi fatto signore de la mia vita, et posto in su la cima. Io non credea per forza di sua lima che punto di fermezza o di valore mancasse mai ne l’indurato core; ma cosí va, [...]

Francesco Petrarca – Se voi poteste per turbati segni

05-gen-14

Se voi poteste per turbati segni, per chinar gli occhi, o per piegar la testa, o per esser piú d’altra al fuggir presta, torcendo ‘l viso a’ preghi honesti et degni, uscir già mai, over per altri ingegni, del petto ove dal primo lauro innesta Amor piú rami, i’ direi ben che questa fosse giusta [...]

Francesco Petrarca – Volgendo gli occhi al mio novo colore

05-gen-14

Volgendo gli occhi al mio novo colore che fa di morte rimembrar la gente, pietà vi mosse; onde, benignamente salutando, teneste in vita il core. La fraile vita, ch’ancor meco alberga, fu de’ begli occhi vostri aperto dono, et de la voce angelica soave. Da lor conosco l’esser ov’io sono: ché, come suol pigro animal [...]

Francesco Petrarca – Padre del ciel, dopo i perduti giorni

05-gen-14

Padre del ciel, dopo i perduti giorni, dopo le notti vaneggiando spese, con quel fero desio ch’al cor s’accese, mirando gli atti per mio mal sí adorni, piacciati omai col Tuo lume ch’io torni ad altra vita et a piú belle imprese, sí ch’avendo le reti indarno tese, il mio duro adversario se ne scorni. [...]