classicistranieri.com

We are not Charlie and we will never be.

Francesco Petrarca – Rimansi a dietro il sestodecimo anno

Easy Plugin for AdSense by Unreal Rimansi a dietro il sestodecimo anno de’ miei sospiri, et io trapasso inanzi verso l’extremo; et parmi che pur dianzi fosse ‘l principio di cotanto affanno. L’amar m’è dolce, et util il mio danno, e ‘l viver grave; et prego ch’egli avanzi l’empia Fortuna, et temo no chiuda anzi […]

more... »

dom, maggio 10 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Francesco Petrarca – Se ‘l sasso, ond’è piú chiusa questa valle,

Se ‘l sasso, ond’è piú chiusa questa valle, di che ‘l suo proprio nome si deriva, tenesse vòlto per natura schiva a Roma il viso et a Babel le spalle, i miei sospiri piú benigno calle avrian per gire ove lor spene è viva: or vanno sparsi, et pur ciascuno arriva là dov’io il mando, […]

more... »

dom, maggio 10 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Francesco Petrarca – Pien di quella ineffabile dolcezza

Pien di quella ineffabile dolcezza che del bel viso trassen gli occhi miei nel dí che volentier chiusi gli avrei per non mirar già mai minor bellezza, lassai quel ch’i’ piú bramo; et ò sí avezza la mente a contemplar sola costei, ch’altro non vede, et ciò che non è lei già per antica usanza […]

more... »

dom, maggio 10 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Francesco Petrarca – In mezzo di duo amanti honesta altera

In mezzo di duo amanti honesta altera vidi una donna, et quel signor co lei che fra gli uomini regna et fra li dèi; et da l’un lato il Sole, io da l’altro era. Poi che s’accorse chiusa da la spera de l’amico piú bello, agli occhi miei tutta lieta si volse, et ben vorrei […]

more... »

dom, maggio 10 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Francesco Petrarca – De l’empia Babilonia, ond’è fuggita

De l’empia Babilonia, ond’è fuggita ogni vergogna, ond’ogni bene è fori, albergo di dolor, madre d’errori, son fuggito io per allungar la vita. Qui mi sto solo; et come Amor m’invita, or rime et versi, or colgo herbette et fiori, seco parlando, et a tempi migliori sempre pensando: et questo sol m’aita. Né del vulgo […]

more... »

dom, maggio 10 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Francesco Petrarca – Qui dove mezzo son, Sennuccio mio,

Qui dove mezzo son, Sennuccio mio, (cosí ci foss’io intero, et voi contento), venni fuggendo la tempesta e ‘l vento c’ànno súbito fatto il tempo rio. Qui son securo: et vo’ vi dir perch’io non come soglio il folgorar pavento, et perché mitigato, nonché spento, né-micha trovo il mio ardente desio. Tosto che giunto a […]

more... »

dom, maggio 10 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Francesco Petrarca – Sennuccio, i’ vo’ che sapi in qual manera

Sennuccio, i’ vo’ che sapi in qual manera tractato sono, et qual vita è la mia: ardomi et struggo anchor com’io solia; l’aura mi volve, et son pur quel ch’i’m’era. Qui tutta humile, et qui la vidi altera, or aspra, or piana, or dispietata, or pia; or vestirsi honestate, or leggiadria, or mansüeta, or disdegnosa […]

more... »

ven, maggio 8 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Francesco Petrarca – La donna che ‘l mio cor nel viso porta

La donna che ‘l mio cor nel viso porta, là dove sol fra bei pensier’ d’amore sedea, m’apparve; et io per farle honore mossi con fronte reverente et smorta. Tosto che del mio stato fussi accorta, a me si volse in sí novo colore ch’avrebbe a Giove nel maggior furore tolto l’arme di mano, et […]

more... »

ven, maggio 8 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Francesco Petrarca – Persequendomi Amor al luogo usato

Persequendomi Amor al luogo usato, ristretto in guisa d’uom ch’aspetta guerra, che si provede, e i passi intorno serra, de’ miei antichi pensier’ mi stava armato. Volsimi, et vidi un’ombra che da lato stampava il sole, et riconobbi in terra quella che, se ‘l giudicio mio non erra, era piú degna d’immortale stato. I’ dicea […]

more... »

ven, maggio 8 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Francesco Petrarca – Lasso me, ch’i’ non so in qual parte pieghi

Lasso me, ch’i’ non so in qual parte pieghi la speme, ch’è tradita omai più volte: che se non è chi con pietà m’ascolte, perché sparger al ciel sí spessi preghi? Ma s’egli aven ch’anchor non mi si nieghi finir anzi ‘l mio fine queste voci meschine, non gravi al mio signor perch’io il ripreghi […]

more... »

dom, gennaio 5 2014 » Senza categoria » Commenti disabilitati