Archivi tag: Petrarca

Francesco Petrarca – Amor, se vuo’ ch’i’torni al giogo anticho

Amor, se vuo’ ch’i’torni al giogo anticho,
come par che tu mostri, un’altra prova
meravigliosa et nova,
per domar me, conventi vincer pria.
Il mio amato tesoro in terra trova,
che m’è nascosto, ond’io son sí mendico,
e ‘l cor saggio pudico,
ove suol albergar la vita mia;
et s’egli è ver che tua potentia sia
nel ciel sí grande come si ragiona,
et ne l’abisso (perché qui fra noi
quel che tu val’ et puoi,
credo che ‘l sente ogni gentil persona),
ritogli (altro…)

Francesco Petrarca – Rotta è l’alta colonna e ‘l verde lauro

Rotta è l’alta colonna e ‘l verde lauro
che facean ombra al mio stanco pensero;
perduto ò quel che ritrovar non spero
dal borrea a l’austro, o dal mar indo al mauro.
Tolto m’ài, Morte, il mio doppio thesauro,
che mi fea viver lieto et gire altero,
et ristorar nol pò terra né impero,
né gemma orïental, né forza d’auro.
Ma se consentimento è di destino,
che posso io piú, se no aver l’alma trista,
humidi gli occhi sempre, e ‘l (altro…)

Francesco Petrarca – Che debb’io far? che mi consigli, Amore?

Che debb’io far? che mi consigli, Amore?
Tempo è ben di morire,
et ò tardato piú ch’i’ non vorrei.
Madonna è morta, et à seco il mio core;
et volendol seguire,
interromper conven quest’anni rei,
perché mai veder lei
di qua non spero, et l’aspettar m’è noia.
Poscia ch’ogni mia gioia
per lo suo dipartire in pianto è volta,
ogni dolcezza de mia vita è tolta.
Amor, tu ‘l senti, ond’io teco mi doglio,
quant’è il damno aspro et grave;
e so che del (altro…)

Francesco Petrarca – Oimè il bel viso, oimè il soave sguardo

Oimè il bel viso, oimè il soave sguardo,
oimè il leggiadro portamento altero;
oimè il parlar ch’ogni aspro ingegno et fero
facevi humile, ed ogni huom vil gagliardo!
et oimè il dolce riso, onde uscío ‘l dardo
di che morte, altro bene omai non spero:
alma real, dignissima d’impero,
se non fossi fra noi scesa sí tardo!
Per voi conven ch’io arda, e ‘n voi respire,
ch’i’ pur fui vostro; et se di voi son privo,
via men d’ogni sventura altra (altro…)

Francesco Petrarca – Signor mio caro, ogni pensier mi tira

Signor mio caro, ogni pensier mi tira
devoto a veder voi, cui sempre veggio:
la mia fortuna (or che mi pò far peggio?)
mi tene a freno, et mi travolge et gira.
Poi quel dolce desio ch’Amor mi spira
menami a morte, ch’i’ non me n’aveggio;
et mentre i miei duo lumi indarno cheggio,
dovunque io son, dí et notte si sospira.
Carità di signore, amor di donna
son le catene ove con molti affanni
legato son, perch’io stesso mi strinsi.
Un (altro…)

Francesco Petrarca – Aspro core et selvaggio, et cruda voglia

Aspro core et selvaggio, et cruda voglia
in dolce, humile, angelica figura,
se l’impreso rigor gran tempo dura,
avran di me poco honorata spoglia;
ché quando nasce et mor fior, herba et foglia,
quando è ‘l dí chiaro, et quando è notte oscura,
piango ad ognor: ben ò di mia ventura,
di madonna et d’Amore onde mi doglia.
Vivo sol di speranza, rimembrando
che poco humor già per continua prova
consumar vidi marmi et pietre salde.
Non è sí duro cor che, (altro…)

Francesco Petrarca – I’ vo pensando, et nel penser m’assale

I’ vo pensando, et nel penser m’assale
una pietà sí forte di me stesso,
che mi conduce spesso
ad altro lagrimar ch’i’ non soleva:
ché, vedendo ogni giorno il fin piú presso,
mille fïate ò chieste a Dio quell’ale
co le quai del mortale
carcer nostro intelletto al ciel si leva.
Ma infin a qui nïente mi releva
prego o sospiro o lagrimar ch’io faccia:
e cosí per ragion conven che sia,
ché chi, possendo star, cadde tra via,
degno è che mal (altro…)

Francesco Petrarca – Arbor victorïosa trïumphale

Arbor victorïosa trïumphale,
onor d’imperadori et di poeti,
quanti m’ài fatto dí dogliosi et lieti
in questa breve mia vita mortale!
vera donna, et a cui di nulla cale,
se non d’onor, che sovr’ogni altra mieti,
né d’Amor visco temi, o lacci o reti,
né ‘ngano altrui contr’al tuo senno vale.
Gentileza di sangue, et l’altre care
cose tra noi, perle et robini et oro,
quasi vil soma egualmente dispregi.
L’alta beltà ch’al mondo non à pare
noia t’è, se non quanto il (altro…)

Francesco Petrarca – Cara la vita, et dopo lei mi pare

– Cara la vita, et dopo lei mi pare
vera honestà, che ‘n bella donna sia.
– L’ordine volgi: e’ non fûr, madre mia,
senza honestà mai cose belle o care;
et qual donna si lascia di suo honor privare,
né donna è piú né viva; et se qual pria
appare in vista, è tal vita aspra et ria
via piú che morte, et di piú pene amare.
Né di Lucretia mi meravigliai,
se non come a morir le bisognasse
ferro, (altro…)

Francesco Petrarca – Qual donna attende a glorïosa fama

Qual donna attende a glorïosa fama
di senno, di valor, di cortesia,
miri fiso negli occhi a quella mia
nemica, che mia donna il mondo chiama.
Come s’acquista honor, come Dio s’ama,
come è giunta honestà con leggiadria,
ivi s’impara, et qual è dritta via
di gir al ciel, che lei aspetta et brama.
Ivi ‘l parlar che nullo stile aguaglia,
e ‘l bel tacere, et quei cari costumi,
che ‘ngegno human non pò spiegar in carte;
l’infinita belleza ch’altrui abbaglia,
non vi (altro…)

Francesco Petrarca – In tale stella duo belli occhi vidi

In tale stella duo belli occhi vidi,
tutti pien’ d’onestate et di dolcezza,
che presso a quei d’Amor leggiadri nidi
il mio cor lasso ogni altra vista sprezza.
Non si pareggi a lei qual piú s’aprezza,
in qual ch’etade, in quai che strani lidi:
non chi recò con sua vaga bellezza
in Grecia affanni, in Troia ultimi stridi;
no la bella romana che col ferro
apre il suo casto et disdegnoso petto;
non Polixena, Ysiphile et Argia.
Questa excellentia è gloria, s’i’ (altro…)

Francesco Petrarca – Cercato ò sempre solitaria vita

Cercato ò sempre solitaria vita
(le rive il sanno, et le campagne e i boschi)
per fuggir questi ingegni sordi et loschi,
che la strada del cielo ànno smarrita;
et se mia voglia in ciò fusse compita,
fuor del dolce aere de’ paesi toschi
anchor m’avria tra’ suoi bei colli foschi
Sorga, ch’a pianger et cantar m’aita.
Ma mia fortuna, a me sempre nemica,
mi risospigne al loco ov’io mi sdegno
veder nel fango il bel tesoro mio.
A la man ond’io (altro…)

Francesco Petrarca – Vive faville uscian de’ duo bei lumi

Vive faville uscian de’ duo bei lumi
ver’ me sí dolcemente folgorando,
et parte d’un cor saggio sospirando
d’alta eloquentia sí soavi fiumi,
che pur il rimembrar par mi consumi
qualor a quel dí torno, ripensando
come venieno i miei spirti mancando
al varïar de’ suoi duri costumi.
L’alma, nudrita sempre in doglia e ‘n pene
( quanto è ‘l poder d’una prescritta usanza!),
contra ‘l doppio piacer sí ‘nferma fue,
ch’al gusto sol del disusato bene,
tremando or di paura or di (altro…)

Francesco Petrarca – In quel bel viso ch’i’ sospiro et bramo

In quel bel viso ch’i’ sospiro et bramo,
fermi eran gli occhi desïosi e ‘ntensi,
quando Amor porse, quasi a dir «che pensi?»,
quella honorata man che second’amo.

Il cor, preso ivi come pesce a l’amo,
onde a ben far per vivo exempio viensi,
al ver non volse li occupati sensi,
o come novo augello al visco in ramo.
Ma la vista, privata del suo obiecto,
quasi sognando si facea far via,
senza la qual è ‘l suo bene imperfecto.
L’alma tra (altro…)

Francesco Petrarca – Far potess’io vendetta di colei

Far potess’io vendetta di colei
che guardando et parlando mi distrugge,
et per piú doglia poi s’asconde et fugge,
celando gli occhi a me sí dolci et rei.
Cosí li afflicti et stanchi spirti mei
a poco a poco consumando sugge,
e ‘n sul cor quasi fiero leon rugge
la notte allor quand’io posar devrei.
L’alma, cui Morte del suo albergo caccia,
da me si parte, et di tal nodo sciolta,
vassene pur a lei che la minaccia.
Meravigliomi ben s’alcuna volta,
mentre (altro…)

Francesco Petrarca – La sera desïare, odiar l’aurora

La sera desïare, odiar l’aurora
soglion questi tranquilli et lieti amanti;
a me doppia la sera et doglia et pianti,
la matina è per me piú felice hora:
ché spesso in un momento apron allora
l’un sole et l’altro quasi duo levanti,
di beltade et di lume sí sembianti,
ch’anco il ciel de la terra s’innamora;
come già fece allor che’ primi rami
verdeggîar, che nel cor radice m’ànno,
per cui sempre altrui piú che me stesso ami.
Cosí di me due (altro…)

Francesco Petrarca – I’pur ascolto, et non odo novella

I’pur ascolto, et non odo novella
de la dolce et amata mia nemica,
né so ch’i’ me ne pensi o ch’i’ mi dica,
sí ‘l cor tema et speranza mi puntella.
Nocque ad alcuna già l’esser sí bella;
questa piú d’altra è bella et piú pudica:
forse vuol Dio tal di vertute amica
tôrre a la terra, e ‘n ciel farne una stella;
anzi un sole: et se questo è, la mia vita,
i miei corti riposi e i lunghi (altro…)

Francesco Petrarca – O dolci sguardi, o parolette accorte

O dolci sguardi, o parolette accorte,
or fia mai il dí ch’i’ vi riveggia et oda?
O chiome bionde di che ‘l cor m’annoda
Amor, et cosí preso il mena a morte;
o bel viso a me dato in dura sorte,
di ch’io sempre pur pianga, et mai non goda:
o chiuso inganno et amorosa froda,
darmi un piacer che sol pena m’apporte!
Et se talor da’ belli occhi soavi,
ove mia vita e ‘l mio pensero alberga,
forse mi vèn (altro…)

Francesco Petrarca – In dubbio di mio stato, or piango or canto

In dubbio di mio stato, or piango or canto,
et temo et spero; et in sospiri e ‘n rime
sfogo il mio incarco: Amor tutte sue lime
usa sopra ‘l mio core, afflicto tanto.
Or fia già mai che quel bel viso santo
renda a quest’occhi le lor luci prime
(lasso, non so che di me stesso estime)?
o li condanni a sempiterno pianto;
et per prender il ciel, debito a lui,
non curi che si sia di loro in (altro…)

Francesco Petrarca – O misera et horribil visïone!

O misera et horribil visïone!
È dunque ver che ‘nnanzi tempo spenta
sia l’alma luce che suol far contenta
mia vita in pene et in speranze bone?
Ma come è che sí gran romor non sone
per altri messi, et per lei stessa il senta?
Or già Dio et Natura nol consenta,
et falsa sia mia trista opinïone.
A me pur giova di sperare anchora
la dolce vista del bel viso adorno,
che me mantene, e ‘l secol nostro honora.
Se per (altro…)