Archivi tag: Porta

Michelangelo Buonarroti – Quanta dolcezza al cor per gli occhi porta

Quanta dolcezza al cor per gli occhi porta
quel che ‘n un punto el tempo e morte fura!
Che è questo però che mi conforta
e negli affanni cresce e sempre dura.
Amor, come virtù viva e accorta,
desta gli spirti ed è più degna cura.
Risponde a me: – Come persona morta
mena suo vita chi è da me sicura. –
Amore è un concetto di bellezza
immaginata o vista dentro al core,
amica di virtute e gentilezza.

Francesco Petrarca – La donna che ‘l mio cor nel viso porta

La donna che ‘l mio cor nel viso porta,
là dove sol fra bei pensier’ d’amore
sedea, m’apparve; et io per farle honore
mossi con fronte reverente et smorta.

Tosto che del mio stato fussi accorta,
a me si volse in sí novo colore
ch’avrebbe a Giove nel maggior furore
tolto l’arme di mano, et l’ira morta.

I’ mi riscossi; et ella oltra, parlando,
passò, che la parola i’ non soffersi,
né ‘l dolce sfavillar degli occhi suoi.

Or mi ritrovo pien Continua la lettura di Francesco Petrarca – La donna che ‘l mio cor nel viso porta

Carlo Porta – Gh’è al mond di cristian tant ostinaa

Gh’è al mond di cristian tant ostinaa
che metten eresij fina in la fed,
gent che se i coss no hin pù che spiegaa
e ciar come del dì no i voeuren cred.

Deffatt l’oltrer me n’è giust capitaa
vun che fors l’avarav anmò de zed,
se a bagn mariano l’avess tiraa
cont on bon paragon dent in la red.

Lu el sostegneva che no gh’era el piatt
de fà stà in carna e oss tucc i vivent
unii insemma in la vall de Giosafatt,

e mì gh’hoo faa vedè ciar e patent
che in la piccola vall di mee culatt
ghe foo stà tutt el mond comodament.

Carlo Porta – I paroll d’on lenguagg, car sur Gorell

I paroll d’on lenguagg, car sur Gorell,
hin ona tavolozza de color,
che ponn fà el quader brutt, e el ponn fà bell
segond la maestria del pittor.

Senza idej, senza gust, senza on cervell
che regola i paroll in del descor,
tutt i lenguagg del mond hin come quell
che parla on sò umilissim servitor:

e sti idej, sto bon gust già el savarà
che no hin privativa di paes,
ma di coo che gh’han flemma de studià:

tant l’è vera che in bocca de Usciuria
el bellissem lenguagg di Sienes
l’è el lenguagg pù cojon che mai ghe sia

Carlo Porta – Scimes, pures, bordocch, cent pee, tavan

Scimes, pures, bordocch, cent pee, tavan,
camol, mosch, pappatas, vesp, galavron,
formigh, zanzar, scigad, vermen, scorpion,
consolev che l’estaa l’è pocch lontan.

Pover bestiolitt! pover badan!
Mordinn, sciscienn, secchenn, che sii patron,
caghenn in suj pitanz, in sul muson,
cribbienn i pagn, i frut, la carna, el gran.

Fee pur quell che ve pias, can bestiolitt,
ché el manch che possem fà per i vost meret
l’è quell de lassav scoeud tutt i petitt.

Inscì magara ve vegniss a taj
de andà a quarter d’inverna in del preteret
de chi loda l’estaa coj soeu regaj.

Carlo Porta – Lettera a la Barborin

Barborin speranza dora,
car amor, bell baciocchoeu,
no vedeva la sant’ora
d’avegh noeuva di fatt toeu.

Finalment quella lumaga
de quell Peder cavallant
l’è rivaa, che Dio el ghe daga
de penà anca lu oltertant.

Da quell dì che te see andada
a Niguarda col patron,
sont pur anch staa di or in strada
a specciall sto lizonon!

E ogni voeulta che vedeva
lontan via a comparì
quaj carrell, soo che diseva:
Franch l’è el Peder! Là: l’è chi…

el stà pocch… el gh’ha tant pass…
oh che cara! L’è vesin…
Me ingurava ch’el sgorass
lu, la mula, el volantin.

Ma lallela! inanz rivà
ghe né staa della gran luna,
hoo inscì avuu de sospirà
per godella sta fortuna!

Basta: adess cara baciocch
El begliett l’è chi con mì,
l’hoo leggiuu e basaa a dì pocch
milla voeult, staghela lì!

Di bigliett, varda, n’hoo vist,
n’hoo portaa di milion,
ma paroll compagn de quist
no s’en scriv nanch daj patron.

Che paroll! Quist sì consolen!
Quist chì sì ch’hin natural!
Hin lì lì proppi che scolen
giò don coeur s’cett e lejal;

fina là, dove per via
della Togna te moccolet,
Barborin te see ona stria,
te me sponget e consolet.

Ma voj, varda, stà pur franca,
la pò fann de tucc i stee,
ma la Togna la vuj nanca
caregada de danee.

Sì l’è vera, la me cura
sul repian quand vegni a cà,
e di voeult anch la procura
de tegnimm lì a cicciarà.

Ma l’è inutel, già, stoo su
che i vesin tel poden dì.
S’ciavo… allegher, tutt al pù
la saludi e tendi a mì.

E poeù, scolta, el sant Michee
l’è chì arent, ma se te voeu
per mì spazzi anch suj duu pee,
toeuvi cà magara incoeu.

Chè per mì, se nol fudess
per reson de quel socché…
el sarav lì bella adess…
Ma… t’el vedet nee el perché?

Brusi anch mì, per dì el coeur giust,
de vegnì alla conclusion,
ché gh’hoo proppi minga gust
de vedett in l’occasion;

ché vuj ben che sti toeu gent
sien tucc fior de galantomen,
ma hin patron… tì finalment
te set donna, e lor hin omen;

e poeù tì come bagaja
quell dovej mett a dormì,
scoldà in lecc, vedè in pattaja…
Là: l’è mej pientalla lì.

De maross el gh’è anca el coeugh
ch’el soo ben ch’el dorma nò,
e ch’el coeur el temp e el loeugh
per friccammela s’el pò.

Sto balloss me l’ha friccada
cont on’oltra adess duu agn,
ma gh’hoo gust ch’el l’ha pientada
e l’ha faa sto bell guadagn.

Ma la Giulia l’è ona tosa
ch’ha a che fà nagott con tì,
l’è ona matta capriziosa
de stantà a trovà marì.

L’han pientada pù de ses,
pù de sett e pù de vott,
l’è ona vigna senza sces
ch’ha a che fà con tì nagott.

Tì mò inscambi, el mè baciocch,
te see bona come el pan,
come on fior spontaa ch’è pocch,
come on dolz de marzapan,

te see limpita de coeur
come on’acqua, come on veder,
ma, voj là! coss’eel ch’el voeur?
Cossa vegnel a fà el Peder?

L’è già vora d’andà via,
de tornà a Niguarda anmò?
Te saludi anema mia,
voeubbiem ben, che già son tò.