Archivi tag: Porta

Guittone d’Arezzo, Voglia de dir giusta ragion m’ha porta

Voglia de dir giusta ragion m’ha porta,
ché la mia donna m’accoglie e m’apporta:
a tutto ciò che mi piace m’apporta.
Or non m’è morte el suo senno, ma porta
di vita dolce, o’ mi pasco e deporto,
ché tanto acconciamente mi dé porto
en tempestoso mar, che vol ch’eo porti
per lei la vita e faccia l’inde apporti.
Ed eo si fo, pur li piaccia e li porti.
Tant’è dolce ed amorosa e conta,
ch’altro non po l’om già contar (altro…)

Giambattista della Porta – La sorella

EText-No. 28368
Title: La sorella
Author: 1615;Porta, Giambattista della
Language: Italian
Link: cache/generated/28368/pg28368.epub

EText-No. 28368
Title: La sorella
Author: 1615;Porta, Giambattista della
Language: Italian
Link: cache/generated/28368/pg28368.html.utf8

EText-No. 28368
Title: La sorella
Author: 1615;Porta, Giambattista della
Language: Italian
Link: cache/generated/28368/pg28368.mobi

EText-No. 28368
Title: La sorella
Author: 1615;Porta, Giambattista della
Language: Italian
Link: cache/generated/28368/pg28368.txt.utf8

EText-No. 28368
Title: La sorella
Author: 1615;Porta, Giambattista della
Language: Italian
Link: 2/8/3/6/28368/28368-8.zip

Gianbattista della Porta – L’Olimpia

EText-No. 25183
Title: L’Olimpia
Author: 1615;Porta, Giambattista della
Language: Italian
Link: cache/generated/25183/pg25183.epub

EText-No. 25183
Title: L’Olimpia
Author: 1615;Porta, Giambattista della
Language: Italian
Link: cache/generated/25183/pg25183.html.utf8

EText-No. 25183
Title: L’Olimpia
Author: 1615;Porta, Giambattista della
Language: Italian
Link: cache/generated/25183/pg25183.mobi

EText-No. 25183
Title: L’Olimpia
Author: 1615;Porta, Giambattista della
Language: Italian
Link: cache/generated/25183/pg25183.txt.utf8

EText-No. 25183
Title: L’Olimpia
Author: 1615;Porta, Giambattista della
Language: Italian
Link: 2/5/1/8/25183/25183-8.zip

Michelangelo Buonarroti – Quanta dolcezza al cor per gli occhi porta

Quanta dolcezza al cor per gli occhi porta
quel che ‘n un punto el tempo e morte fura!
Che è questo però che mi conforta
e negli affanni cresce e sempre dura.
Amor, come virtù viva e accorta,
desta gli spirti ed è più degna cura.
Risponde a me: – Come persona morta
mena suo vita chi è da me sicura. –
Amore è un concetto di bellezza
immaginata o vista dentro al core,
amica di virtute e gentilezza.

Francesco Petrarca – La donna che ‘l mio cor nel viso porta

La donna che ‘l mio cor nel viso porta,
là dove sol fra bei pensier’ d’amore
sedea, m’apparve; et io per farle honore
mossi con fronte reverente et smorta.

Tosto che del mio stato fussi accorta,
a me si volse in sí novo colore
ch’avrebbe a Giove nel maggior furore
tolto l’arme di mano, et l’ira morta.

I’ mi riscossi; et ella oltra, parlando,
passò, che la parola i’ non soffersi,
né ‘l dolce sfavillar degli occhi suoi.

Or mi ritrovo pien (altro…)

Carlo Porta – Gh’è al mond di cristian tant ostinaa

Gh’è al mond di cristian tant ostinaa
che metten eresij fina in la fed,
gent che se i coss no hin pù che spiegaa
e ciar come del dì no i voeuren cred.

Deffatt l’oltrer me n’è giust capitaa
vun che fors l’avarav anmò de zed,
se a bagn mariano l’avess tiraa
cont on bon paragon dent in la red.

Lu el sostegneva che no gh’era el piatt
de fà stà in carna e oss tucc i vivent
unii insemma in (altro…)

Carlo Porta – I paroll d’on lenguagg, car sur Gorell

I paroll d’on lenguagg, car sur Gorell,
hin ona tavolozza de color,
che ponn fà el quader brutt, e el ponn fà bell
segond la maestria del pittor.

Senza idej, senza gust, senza on cervell
che regola i paroll in del descor,
tutt i lenguagg del mond hin come quell
che parla on sò umilissim servitor:

e sti idej, sto bon gust già el savarà
che no hin privativa di paes,
ma di coo che gh’han flemma de studià:

tant l’è vera (altro…)

Carlo Porta – Scimes, pures, bordocch, cent pee, tavan

Scimes, pures, bordocch, cent pee, tavan,
camol, mosch, pappatas, vesp, galavron,
formigh, zanzar, scigad, vermen, scorpion,
consolev che l’estaa l’è pocch lontan.

Pover bestiolitt! pover badan!
Mordinn, sciscienn, secchenn, che sii patron,
caghenn in suj pitanz, in sul muson,
cribbienn i pagn, i frut, la carna, el gran.

Fee pur quell che ve pias, can bestiolitt,
ché el manch che possem fà per i vost meret
l’è quell de lassav scoeud tutt i petitt.

Inscì magara ve vegniss a taj
de andà a (altro…)

Carlo Porta – Lettera a la Barborin

Barborin speranza dora,
car amor, bell baciocchoeu,
no vedeva la sant’ora
d’avegh noeuva di fatt toeu.

Finalment quella lumaga
de quell Peder cavallant
l’è rivaa, che Dio el ghe daga
de penà anca lu oltertant.

Da quell dì che te see andada
a Niguarda col patron,
sont pur anch staa di or in strada
a specciall sto lizonon!

E ogni voeulta che vedeva
lontan via a comparì
quaj carrell, soo che diseva:
Franch l’è el Peder! Là: l’è chi…

el stà pocch… el gh’ha tant pass…
oh che (altro…)

Carlo Porta – Sissignor! Saran fors anch

Sissignor! Saran fors anch
quij fior bianch – che me disii,
ma per mì, sien bianch o scur,
l’è sicur – che sont servii:

saran fior, quest el capissi,
ma quand pissi – vedi i stell,
saran fior, ma bona sira
quanti el tira – ahj el mè usell!

Saran fior, ma i mee camis
hin tutt lis – per el brusacc
che gh’è dent in quella fotta
che pergotta – del pissacc.

Sissignora, saran fior,
ma el dottor – che me schizzetta
con pù (altro…)

Carlo Porta – Mè cugnaa l’Ambrosin quell candiron

Mè cugnaa l’Ambrosin quell candiron
ch’el pareva on salamm mal insaccaa
el te m’ha daa assabrutta on bell pianton
e l’è cors in castell a fass soldaa.

La piang la mamma, e la gh’ha ben reson,
ché la mamma l’è quella che el l’ha faa:
so pader anca lu el fa el maccaron,
ma l’è semper so pà, sia bolgiraa!

Quell che me par a mì on poo stravagant
l’è a vedè i soeu fradij tutt magonent
a piang, a sospirà, (altro…)

Carlo Porta – El sarà vera fors quell ch’el dis lu

El sarà vera fors quell ch’el dis lu,
che Milan l’è on paes che mett ingossa,
che l’aria l’è malsana, umeda, grossa,
e che nun Milanes semm turlurù.

Impunemanch però el mè sur Monsù
hin tredes ann che osservi d’ona cossa,
che quand lor sciori pienten chì in sta fossa
quij benedetti verz no i spienten pù.

Per ressolv alla mej sta question,
Monsù ch’el scusa, ma no poss de men
che pregall a addattass a on paragon.

On asen mantegnuu semper (altro…)

Carlo Porta – Lettera al figlio

Figlio mio,

A te Giuseppe figliuol mio carissimo ed amatissimo dedico, consagro e dono questo libercolo per te appostamente scritto di mio proprio pugno, e sul quale mi è piaciuto di consegnare tutta quella parte de’ miei vernacoli componimenti, che mi è avvenuto di poter raccostare sia coll’aiuto della memoria (che sempre viva mantenni di talun d’essi) sia coll’aiuto degli amici, che a me di buon grado ritornarono quanto delle cose mie (altro…)