Carlo Porta – Gh’è al mond di cristian tant ostinaa

Gh’è al mond di cristian tant ostinaa
che metten eresij fina in la fed,
gent che se i coss no hin pù che spiegaa
e ciar come del dì no i voeuren cred.

Deffatt l’oltrer me n’è giust capitaa
vun che fors l’avarav anmò de zed,
se a bagn mariano l’avess tiraa
cont on bon paragon dent in la red.

Lu el sostegneva che no gh’era el piatt
de fà stà in carna e oss tucc i vivent
unii insemma in la vall de Giosafatt,

e mì gh’hoo faa vedè ciar e patent
che in la piccola vall di mee culatt
ghe foo stà tutt el mond comodament.

Carlo Porta – I paroll d’on lenguagg, car sur Gorell

I paroll d’on lenguagg, car sur Gorell,
hin ona tavolozza de color,
che ponn fà el quader brutt, e el ponn fà bell
segond la maestria del pittor.

Senza idej, senza gust, senza on cervell
che regola i paroll in del descor,
tutt i lenguagg del mond hin come quell
che parla on sò umilissim servitor:

e sti idej, sto bon gust già el savarà
che no hin privativa di paes,
ma di coo che gh’han flemma de studià:

tant l’è vera che in bocca de Usciuria
el bellissem lenguagg di Sienes
l’è el lenguagg pù cojon che mai ghe sia

Carlo Porta – Scimes, pures, bordocch, cent pee, tavan

Scimes, pures, bordocch, cent pee, tavan,
camol, mosch, pappatas, vesp, galavron,
formigh, zanzar, scigad, vermen, scorpion,
consolev che l’estaa l’è pocch lontan.

Pover bestiolitt! pover badan!
Mordinn, sciscienn, secchenn, che sii patron,
caghenn in suj pitanz, in sul muson,
cribbienn i pagn, i frut, la carna, el gran.

Fee pur quell che ve pias, can bestiolitt,
ché el manch che possem fà per i vost meret
l’è quell de lassav scoeud tutt i petitt.

Inscì magara ve vegniss a taj
de andà a quarter d’inverna in del preteret
de chi loda l’estaa coj soeu regaj.

Carlo Porta – Lettera a la Barborin

Barborin speranza dora,
car amor, bell baciocchoeu,
no vedeva la sant’ora
d’avegh noeuva di fatt toeu.

Finalment quella lumaga
de quell Peder cavallant
l’è rivaa, che Dio el ghe daga
de penà anca lu oltertant.

Da quell dì che te see andada
a Niguarda col patron,
sont pur anch staa di or in strada
a specciall sto lizonon!

E ogni voeulta che vedeva
lontan via a comparì
quaj carrell, soo che diseva:
Franch l’è el Peder! Là: l’è chi…

el stà pocch… el gh’ha tant pass…
oh che cara! L’è vesin…
Me ingurava ch’el sgorass
lu, la mula, el volantin.

Ma lallela! inanz rivà
ghe né staa della gran luna,
hoo inscì avuu de sospirà
per godella sta fortuna!

Basta: adess cara baciocch
El begliett l’è chi con mì,
l’hoo leggiuu e basaa a dì pocch
milla voeult, staghela lì!

Di bigliett, varda, n’hoo vist,
n’hoo portaa di milion,
ma paroll compagn de quist
no s’en scriv nanch daj patron.

Che paroll! Quist sì consolen!
Quist chì sì ch’hin natural!
Hin lì lì proppi che scolen
giò don coeur s’cett e lejal;

fina là, dove per via
della Togna te moccolet,
Barborin te see ona stria,
te me sponget e consolet.

Ma voj, varda, stà pur franca,
la pò fann de tucc i stee,
ma la Togna la vuj nanca
caregada de danee.

Sì l’è vera, la me cura
sul repian quand vegni a cà,
e di voeult anch la procura
de tegnimm lì a cicciarà.

Ma l’è inutel, già, stoo su
che i vesin tel poden dì.
S’ciavo… allegher, tutt al pù
la saludi e tendi a mì.

E poeù, scolta, el sant Michee
l’è chì arent, ma se te voeu
per mì spazzi anch suj duu pee,
toeuvi cà magara incoeu.

Chè per mì, se nol fudess
per reson de quel socché…
el sarav lì bella adess…
Ma… t’el vedet nee el perché?

Brusi anch mì, per dì el coeur giust,
de vegnì alla conclusion,
ché gh’hoo proppi minga gust
de vedett in l’occasion;

ché vuj ben che sti toeu gent
sien tucc fior de galantomen,
ma hin patron… tì finalment
te set donna, e lor hin omen;

e poeù tì come bagaja
quell dovej mett a dormì,
scoldà in lecc, vedè in pattaja…
Là: l’è mej pientalla lì.

De maross el gh’è anca el coeugh
ch’el soo ben ch’el dorma nò,
e ch’el coeur el temp e el loeugh
per friccammela s’el pò.

Sto balloss me l’ha friccada
cont on’oltra adess duu agn,
ma gh’hoo gust ch’el l’ha pientada
e l’ha faa sto bell guadagn.

Ma la Giulia l’è ona tosa
ch’ha a che fà nagott con tì,
l’è ona matta capriziosa
de stantà a trovà marì.

L’han pientada pù de ses,
pù de sett e pù de vott,
l’è ona vigna senza sces
ch’ha a che fà con tì nagott.

Tì mò inscambi, el mè baciocch,
te see bona come el pan,
come on fior spontaa ch’è pocch,
come on dolz de marzapan,

te see limpita de coeur
come on’acqua, come on veder,
ma, voj là! coss’eel ch’el voeur?
Cossa vegnel a fà el Peder?

L’è già vora d’andà via,
de tornà a Niguarda anmò?
Te saludi anema mia,
voeubbiem ben, che già son tò.

Carlo Porta – Col boeucc avert e cont in aria el venter

Col boeucc avert e cont in aria el venter
sont chì a speccià quaj coss.
Sciori mettimel denter,
gh’avaroo pussee gust con pù l’è gross.
Se poeù rivassev a impregnamm ben prest
prima che passa i fest
v’accorgiarii quanta memoria lassen
i voster benefizzi:
e sì che in pont de fa certi servizzi
l’è mej fà regordà che regordassen.

Carlo Porta – Sissignor! Saran fors anch

Sissignor! Saran fors anch
quij fior bianch – che me disii,
ma per mì, sien bianch o scur,
l’è sicur – che sont servii:

saran fior, quest el capissi,
ma quand pissi – vedi i stell,
saran fior, ma bona sira
quanti el tira – ahj el mè usell!

Saran fior, ma i mee camis
hin tutt lis – per el brusacc
che gh’è dent in quella fotta
che pergotta – del pissacc.

Sissignora, saran fior,
ma el dottor – che me schizzetta
con pù el varda, pù el se intesta
che l’è pesta – malarbetta;

ma per mì già impunemanch
sien fior bianch – o scolament
ve poss dì de galantomm
che del nomm – m’importa nient

perché quand ghe disen roeusa
a la proeusa – di garon
la pò vess con tutt onor
anca on fior – la scolazion.

Carlo Porta – Mè cugnaa l’Ambrosin quell candiron

Mè cugnaa l’Ambrosin quell candiron
ch’el pareva on salamm mal insaccaa
el te m’ha daa assabrutta on bell pianton
e l’è cors in castell a fass soldaa.

La piang la mamma, e la gh’ha ben reson,
ché la mamma l’è quella che el l’ha faa:
so pader anca lu el fa el maccaron,
ma l’è semper so pà, sia bolgiraa!

Quell che me par a mì on poo stravagant
l’è a vedè i soeu fradij tutt magonent
a piang, a sospirà, a casciass tant.

massem che foeura de sto stat che chì
no ghe n’è vun pù spicc al temp present
per fagh schivà l’incomed del spartì.

Carlo Porta – El sarà vera fors quell ch’el dis lu

El sarà vera fors quell ch’el dis lu,
che Milan l’è on paes che mett ingossa,
che l’aria l’è malsana, umeda, grossa,
e che nun Milanes semm turlurù.

Impunemanch però el mè sur Monsù
hin tredes ann che osservi d’ona cossa,
che quand lor sciori pienten chì in sta fossa
quij benedetti verz no i spienten pù.

Per ressolv alla mej sta question,
Monsù ch’el scusa, ma no poss de men
che pregall a addattass a on paragon.

On asen mantegnuu semper de stobbia,
s’el riva a mangiá biava e fava e fem
el tira giò scalzad fina in la grobbia.

Carlo Porta – Lettera al figlio

Figlio mio,

A te Giuseppe figliuol mio carissimo ed amatissimo dedico, consagro e dono questo libercolo per te appostamente scritto di mio proprio pugno, e sul quale mi è piaciuto di consegnare tutta quella parte de’ miei vernacoli componimenti, che mi è avvenuto di poter raccostare sia coll’aiuto della memoria (che sempre viva mantenni di talun d’essi) sia coll’aiuto degli amici, che a me di buon grado ritornarono quanto delle cose mie era stato da loro in vari tempi raccolto. Io non pretendo in essi esibirti un modello di poesia da dovere, o poter imitare; pretendo bensì di esserti esempio in ciò, che fui nemico in ogni tempo dell’ozio e che ebbi dall’amor delle lettere, almeno in questo modo additata, se non in altro migliore, una strada sicura per sottrarmi alle di lui insidie e fuggirlo.
Alcuni di questi componimenti di genere erotico griderebbero altamente contro di me, se io avessi permesso che venissero pubblicati colle stampe, o se fossi stato meno circospetto nell’esporgli alla lettura di chi bramava conoscere le cose mie. Questa prudente circospezione io la raccomando a te pure figliuol mio, e sappi che non mi spinse, a tentar questo genere, amor di lascivie, o turpitudine di mente e di cuore, ma curiosità e brama soltanto di provare se il dialetto nostro poteva esso pure far mostra di alcune di quelle veneri; che furono fin or credute intangibile patrimonio di linguaggi più generali ed accetti. Ho io così fabbricato quell’appuntato coltello, che sarebbe mal affidato nelle mani dell’inesperto fanciullo, e tu lo custodirai, figlio mio, con gelosia, siccome custodiresti le altre armi non meno pericolose fabbricate dai Salomoni e dai Sanchez!
Se tuttavia però qualche accigliato ipocrita alzasse la voce contro tuo Padre e gridasse: All’empio! Al libertino! Al lascivo!, dì francamente a costui che a favor di tuo Padre stava a’ suoi giorni la pubblica opinione, ch’esso fu un intemerato amministratore del danaro del Principe: che nessun operaio ha mai frust[r]aneamente reclamata da lui la meritata mercede: ch’elli non fu mai contaminatore degli altrui talami, ch’elli non ha mai turbato la pace santa delle famiglie, ma blandito con adulazioni le ribalderie e l’ambizion de’ potenti, mai chiuse le orecchie ai clamori della indigenza, e che infine egli è vissuto cittadino, figlio, marito, padre e fratello senza che l’infuggibil rimorso o la legge abbia mai un istante percossa la tranquillità de’ suoi sonni.
Chiedigli poscia s’egli possa di lui con verità le cose stesse affermare. E se l’animo tuo si acquieta appieno quand’esso risponda che sì, condanna alle fiamme questo mio libro e sagrifica sull’onor di questo ipocrita la memoria di un Padre che procurava d’esser a te caro in un tempo e di divenirlo ancora a’ toi figli.

Vivi felice
Il Padre tuo Carlo
In Milano li 3 Marzo del 1815.