Archivi tag: quando

Folgore da San Gimignano – Quando la voglia segnoreggia tanto

Quando la voglia segnoreggia tanto,
che la ragion non ha poter né loco,
ispesse volte ride l’uom di pianto
e di grave doglienza mostra gioco;

e ben seria di buon savere affranto
chi fredda neve giudicasse fòco;
simil son que’, che gioi’ mostrano e canto
di quel, onde doler devriano un poco.

Ma ben si può coralmente dolere
chi sommette ragione a voluntade
e segue senza freno suo volere;

che non è già sí ricca podestade
com’ se medesmo a dritto mantenere,
seguire pregio, fúgger vanitade.

Giacomino Pugliese, Quando vegio rinverdire

Quando vegio rinverdire
giardino e prato e rivera,
gli aucelletti odo bradire,
udendo la primavera
fanno lor gioia e diporto,
ed io vo’ pensare e dire:
canto per donar conforto
e li mal d’amor covrire,
chè l’amanti pere e torto.
L’amor è legiere cosa,
molt’è forte es[s]ere amato;
chi è amato ed ama in posa
lo mondo à da l[o] suo lato.
Le donne n’ànno pietanza
chi per lor patisce pene.
Sed è nullo c’agia amanza,
lo suo core in gioi mantene,
tut[t]or vive in allegranza.
In gioi vive tut[t]avia;
al cor sento ond’io mi doglio,
madonna, per gelosia;
pensamento mi fa orgoglio.
Amor non vole invegiamento,
ma vuol esser sofritore
di servire a piacimento;
quello che [ ‘n]tende amore
si conviene a compimento.
Vostra sia la ‘ncomincianza,
chè m’invitaste d’amore,
non guataste in fallanza,
chè comprendeste il mio core.
Donna, per vostra ‘noranza
sicurastemi la vita,
donastemi per amanza
una trecc[i]a d’auro ponita
ed io la porto a membranza.

Rinaldo d’Aquino, Ormai quando flore

Ormai quando flore
e mostrano verdura
le prate e la rivera,
li auselli fan sbaldore
dentro da la frondura
cantando in lor manera:
infra la primavera, – che ven presente
frescamente – così frondita,
ciascuno invita – d’aver gioia intera.
Confortami d’amore
l’aulimento dei fiori
e ‘l canto de li auselli;
quando lo giorno appare,
sento li dolci amori
e li versi novelli,
chè fan si dolci e belli – e divisati
lor trovati – a provasione;
a gran tenzone – stan per li arbuscelli.
Quando l’aloda intendo
e rusignuol vernare
d’amor lo cor m’afina,
magiormente intendo
ch’è legno d’altr’affare
chè d’arder no rifina.
Vedendo quell’ombrina – del fresco bosco,
ben cognosco – ca cortamente
serà gaudente – l’amor che mi china.
[Mi] china, ch’eo so amata,
e già mai non amai:
ma ‘l tempo mi ‘namura
e fami star pensata
d’aver mercè ormai
d’un fante che m’adura;
e sac[c]io che tortura – per me sostene
e gran pene. – L’un cor mi dice
che si disdice, – e l’altro mi sicura.
Però prego l’Amore,
che mi ‘ntende e mi svoglia
come la foglia vento,
che no mi fac[c]ia fore
quel che presio mi toglia
e stia di me contento.
Quelli c’à intendimento – d’avere intera
gioia e c[i]era – de l[o] mio amore
senza romore, – no nde à compimento.

Lorenzo de’ Medici – Era nel tempo bel, quando Titano

Era nel tempo bel, quando Titano
dell’annual fatica il terzo avea
giá fatto, e co’ sua raggi un po’ pugnea
d’un tal calor, che ancor non è villano;
vedeasi verde ciascun monte e piano,
e ogni prato pe’ fiori rilucea,
ogni arbuscel sue fronde ancor tenea,
e piange Filomena e duolsi invano;
quando io, che pria temuto non avria,
se Hercole tornato fussi in vita,
fu’ preso d’un leggiadro e bello sguardo.
Facile e dolce all’entrar fu la via;
or non ha questo laberinto uscita,
e sono in loco dove sempre io ardo.

Vittoria Colonna – Quando morte disciolse il caro nodo

Quando morte disciolse il caro nodo
Che il cielo avvinse la natura e amore,
Tolse agli occhi l’obietto e il cibo al core,
Ma strinse l’alme in più congiunto modo.
Questo è quel laccio ond’io mi pregio e lodo,
Che mi trae fuor d’ogni mondano errore;
E mi tien nella via ferma d’onore,
Ove de’ miei desir cangiati godo.
Sterili i corpi fur, l’alme feconde,
Chè il suo valor lasciò raggio sì chiaro,
Che sarà lume ancor del nome mio.
Se d’altre grazie mi fu il cielo avaro,
E se il mio caro ben morte m’asconde,
Pur con lui vivo: ed è quanto desio.

Olindo Guerrini – Quando nacque Gesù dal sen fecondo

Quando nacque Gesù dal sen fecondo
Della vergine ebrea, l’orrida vesta
Scosse l’inverno e rinverdì giocondo
E Betlemme adorò di Dio la gesta.

Sorse un inno d’amor dal ciel profondo,
Iddio s’unì degli uomini alla festa;
Osanna, ognun gridò, redento è il mondo,
Ma l’asino ed il bue scosser la testa.

L’asino disse: o spalle mie, saprete
A suon di verghe se redente siete
Quando a Gerusalemme il condurrete!

Ed il bue: le mie costole sapranno
Un giorno a Cana se redente l’hanno
Quando in bistecche me le mangeranno!

Luis de Camoes – O cysne quando sente ser chegada

O cysne quando sente ser chegada
A hora que põe termo á sua vida,
Harmonia maior, com voz sentida,
Levanta por a praia inhabitada.
Deseja lograr vida prolongada,
E della está chorando a despedida:
Com grande saudade da partida,
Celebra o triste fim desta jornada.
Assi, Senhora minha, quando eu via
O triste fim que davão meus amores,
Estando posto ja no extremo fio;
Com mais suave accento de harmonia
Descantei por os vossos desfavores
La vuestra falsa fe, y el amor mio.

Luis de Camoes – Quando o sol encoberto vai mostrando

Quando o sol encoberto vai mostrando
Ao mundo a luz quieta e duvidosa,
Ao longo de huma praia deleitosa
Vou na minha inimiga imaginando.
Aqui a vi os cabellos concertando;
Alli co’a mão na face, tão formosa;
Aqui fallando alegre, alli cuidosa;
Agora estando quêda, agora andando.
Aqui esteve sentada, alli me vio,
Erguendo aquelles olhos, tão isentos;
Commovida aqui hum pouco, alli segura.
Aqui se entristeceo, alli se rio:
E, em fim, nestes cansados pensamentos
Passo esta vida vãa, que sempre dura.

Luis de Camoes – Se quando vos perdi, minha esperança

Se quando vos perdi, minha esperança,
A memoria perdêra juntamente
Do doce bem passado e mal presente,
Pouco sentira a dor de tal mudança.
Mas Amor, em quem tinha confiança,
Me representa mui miudamente
Quantas vezes me vi ledo e contente,
Por me tirar a vida esta lembrança.
De cousas de que apenas hum signal
Havia, porque as dei ao esquecimento,
Me vejo com memorias perseguido.
Ah dura estrella minha! Ah grão tormento!
Que mal póde ser mor, que no meu mal
Ter lembranças do bem que he ja passado?