Giornale dei bambini – Antologia – Audiobook – MP3 – Edizioni Libroparlato

  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  •  
    (formato MP3)
  • Agnolucci, Iginia (ruolo: autore)
  • Albini, Sofia (ruolo: autore)
  • Baccini, Ida (ruolo: autore)
  • Balduzzi, Serafino (ruolo: voce)
  • Biagi, Guido (ruolo: autore)
  • Capuana, Luigi (ruolo: autore)
  • Carli, C. (ruolo: autore)
  • Castelnuovo, Enrico (ruolo: autore)
  • Cecchini, Silvia (ruolo: voce)
  • Collodi, Carlo (ruolo: autore)
  • Daviddi, Manuela (ruolo: voce)
  • De Marchi, Emilio (ruolo: autore)
  • Dickens, Charles (ruolo: autore)
  • Forese (ruolo: autore)
  • Foulques, E. W. (ruolo: autore)
  • Genesio, Ivan (ruolo: musicista)
  • Hoffmann, T. (ruolo: autore)
  • La fata (ruolo: autore)
  • La zia Stefania (ruolo: autore)
  • Lo Zio di Giorgia (ruolo: autore)
  • Martini, Ferdinando (ruolo: autore)
  • Maschio, Enrica (ruolo: voce)
  • Nelli, Guido (ruolo: autore)
  • Perodi, Emma (ruolo: autore)
  • Pieri, Daniela (ruolo: voce)
  • Pica Alfieri, Maria Letizia (ruolo: voce)
  • Piccardi, G. L. (ruolo: autore)
  • Sacchetti, Giuseppe (ruolo: autore)
  • Serao, Matilde (ruolo: autore)
  • Sposato, Ezio (ruolo: voce)
  • Thouar, Pietro (ruolo: autore)
  • Torraca, Francesco (ruolo: autore)
  • Volpi, Vittorio (ruolo: voce)
  • Vecchi, A. V. (ruolo: autore)

L’antologia di racconti qui offerta è tratta da “Il Giornale per i Bambini”, rivista diretta prima da Ferdinando Martini e poi da Carlo Collodi. I racconti sono stati selezionati da Silvia Cecchini dalle tre annate del 1881, 1882 e 1883. In dettaglio:

  • Ferdinando Martini, Come andò…
    n° 1 (7 luglio 1881), p. 1-2.
  • A. V. Vecchi, La principessa di Nénuphar.
    n° 2 (14 luglio 1881), p. 19-21.
  • T. Hoffmann, Stiaccia-Noci.
    1. I regali. n° 3 (21 luglio 1881), p. 45-46;
    2. Disgrazia e protezione. n° 4 (28 luglio 1881), p. 59-60;
    3. I prodigi. n° 5 (4 agosto 1881), p. 76-77.
  • Iginia Agnolucci, Le due bambole.
    n° 5 (4 agosto 1881), p. 74-76.
  • Jack la Bolina, La giunca degli uomini vecchi – (fiaba malese).
    n° 6 (11 agosto 1881), p. 82-84.
  • E. W. Foulques, Il pesciolino d’oro.
    n° 6 (11 agosto 1881), p. 90-91.
  • La Zia Stefania, La Vita d’un Passerotto raccontata da lui medesimo.
    n° 7 (18 agosto 1881), p. 105-110.
  • Emilio de Marchi, Bortolino.
    n° 10 (8 settembre 1881), p. 158-160.
  • Jack La Bolina, I viaggi d’una lacrima di Bice… raccontati da lei stessa.
    n° 19 (10 novembre 1881), p. 294-297;
    n° 22 (1 dicembre 1881), p. 348-350;
    n° 23 (8 dicembre 1881), p. 356-359.
  • Enrico Castelnuovo, La regna Bella. Fiaba.
    n° 21 (24 Novembre 1881), p. 321-327.
  • Matilde Serao,Provvidenza, buona speranza (leggenda dei bambini).
    n° 24 (15 dicembre 1881), p. 370-371.
  • Lo zio di Giorgia, Un viaggio al paese di Bengodi.
    n° 26 (29 dicembre 1881), p. 401-403.
    n° 1 (5 gennaio 1882), p. 1-2.
  • Paolo Lioy, I quattro musicanti. Racconto.
    n° 3 (19 gennaio 1882), p. 33-35.
  • F. Torraca, Il lavoro del giorno di natale. Leggenda brettone.
    n° 6 (9 febbraio 1882), p. 86-87.
  • Emma Parodi, Dovere.
    n° 9 (2 marzo 1882), p. 130-134.
  • Ida Baccini, Il primo premio. Racconto russo.
    n° 11 (16 marzo 1882), p. 163-164.
  • Guido Nelli, Novella indiana. n° 13 (30 marzo 1882), p. 205.
  • Giuseppe Sacchetti, Nennella o le uova di pasqua.
    n° 16 (20 aprile 1882), p. 253-254;
    n° 17 ( 27 aprile 1882), p. 262-263.
  • G. L. Piccardi, La principessa coi capelli d’oro.
    n° 19 (4 maggio 1882), p. 289-292;
    n° 21 (25 maggio 1882), p. 321-322;
    n° 23 (8 giugno 1882), p. 357-359.
  • Carlo Dickens, [L'amico comune, - adattamento] La sarta delle bambole.
    n° 23 (8 giugno 1882), p. 353-355;
    n° 24 (15 giugno 1882), p. 371-374;
    n° 25 (22 giugno 1882), p. 388-391;
    n° 26 (29 giugno 1882), p. 411-412.
  • Fata, Belinda e il mostro.
    n° 39 (28 settembre 1882), p. 611-612;
    n° 40 (5 ottobre 1882), p. 629-631;
    n° 42 (19 ottobre 1882), p. 658-659.
  • Luigi Capuana, La vecchina. Fiaba.
    n° 46 (16 novembre 1882), p. 721-724.
  • La fata, La Principessa e le noci. Fiaba inglese.
    n° 47 (23 Novembre 1882), p. 739-740.
  • Luigi Capuana Il cavallo di bronzo. Fiaba.
    n° 52 (28 dicembre 1882), p. 827-829.
  • Emma Parodi, Il capo d’anno del gigante.
    n° 1 (4 gennaio 1883), p. 1-5.
  • Forese, Il dittamo del buon cuore. Fiaba.
    n° 7 ( 15 Febbraio 1883), p. 103-106.
  • Pietro Thouar, La scuola dell’esperienza. Racconto inedito a cura di Guido Biagi.
    n° 10 (8 marzo 1883), p. 158-159;
    n° 13 (29 marzo 1883), p. 206- 208.
  • Emma Parodi,Chioma d’argento.
    n° 11 (15 Marzo 1883), p. 172- 175.
  • Carlo Collodi, Chi non ha coraggio non vada alla guerra. Proverbio in due parti.
    n° 18 ( 3 maggio 1883), p. 277-279;
    n° 21 (24 maggio 1883), p. 333-336.
  • Guido Biagi, La signorina dell’api.
    n° 23 (7 Giugno 1883), p. 362-363.
  • Forese, Il manuale e la fata.
    n° 28 (12 luglio 1883), p. 438-442.
  • Forese, La gita di piacere della famiglia disgraziati.
    n° 31 ( 2 Agosto 1883), p. 487.
  • Carlo Collodi, Pipì, lo scimmiottino color di rosa.
    Cap. 1. Il ritratto di Pipì. n° 33 (16 Agosto 1883), p. 518.
    Cap. 2. Come andò che Pipì perdé la sua bella coda. n° 34 (23 agosto 1883), p. 534-535.
    Cap. 3. n° 47 (22 novembre 1883), p. 743-744.
    Cap. 4. n° 48 (29 novembre 1883), p. 758-760.
    Cap. 5. n° 50 (13 dicembre 1883), p. 794-795.
  • Sofia Albini, Buon giorno Annuccia!
    n° 35 (30 agosto 1883), p. 554-556;
    n° 36 (6 settembre 1883), p. 570-572.
  • C. Carli, Il cavaliere magico.
    n° 52 (27 dicembre 1883), p. 823-825.
  • Luigi Capuana, Il soldo bucato. Fiaba.
    n° 52 (27 dicembre 1883), p. 837-840.

Musiche

Frederic Chopin,
Ruggero Leoncavallo,
Wolfgang Amadeus Mozart,
Jakob Mendelssohn,
Niccolò Paganini,
Domenico Scarlatti,
Arthus Seymour Sullivan

Musiche originali di Ivan Genesio (http://www.ivangenesio.org/).

Download dei file: http://www.classicistranieri.com/giornalebambini/

Tratto da: http://www.liberliber.it

Licenza: Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 2.5

Ascolta le opere disponibili dell’Autore attraverso il nostro lettore virtuale:

Franco Sacchetti – Uno Genovese sparuto, ma bene scienziato, domanda Dante poeta come possa intrare in amore a una donna, e Dante gli fa una piacevole risposta

Questo che seguita non fu meno notabile consiglio che fosse il judicio di messer Ridolfo. Fu già nella città di Genova uno scientifico cittadino e in assai scienze bene sperto, ed era di persona piccolo e sparutissimo. Oltre a questo era forte innamorato d’una bella donna di Genova, la quale, o per la sparuta forma di lui, o per moltissima onestà di lei, o per che che si fosse la cagione, giammai, non che ella l’amasse, ma mai gli occhi in verso lui tenea, ma piú tosto fuggendolo, in altra parte gli volgea. Onde costui, disperandosi di questo suo amore, sentendo la grandissima fama di Dante Allighieri, e come dimorava nella città di Ravenna, al tutto si dispose d’andar là per vederlo e per pigliare con lui dimestichezza, considerando avere da lui o consiglio o aiuto come potesse entrare in amore a questa donna, o almeno non esserli cosí nimico. E cosí si mosse, e pervenne a Ravenna, là dove tanto fece che fu a un convito dove era il detto Dante; ed essendo alla mensa assai di presso l’uno all’altro, il Genovese, veduto tempo, disse:
- O messer Dante, io ho inteso assai della vostra virtú e della fama che di voi corre; potre’ io avere alcuno consiglio da voi?
Disse Dante:
- Purché io ve lo sappia dire.
Allora il Genovese dice:
- Io ho amato e amo una donna con tutta quella fede che amore vuole che s’ami; giammai da lei, non che amore mi sia stato conceduto, ma solo d’uno sguardo mai non mi fece contento.
Udendo Dante costui, e veggendo la sua sparuta vista, disse:
- Messere, io farei volentieri ogni cosa che vi piacesse; e di quello che al presente mi domandate, non ci veggio altro che un modo, e questo è che voi sapete che le donne gravide hanno sempre vaghezza di cose strane; e però converrebbe che questa donna che cotanto amate, ingravidasse: essendo gravida, come spesso interviene ch’ell’hanno vizio di cose nuove, cosí potrebbe intervenire che ella avrà vizio di voi; e a questo modo potreste venire ad effetto del vostro appetito: per altra forma sarebbe impossibile.
Il Genovese, sentendosi mordere, disse:
- Messer Dante, voi mi date consiglio di due cose piú forte che non è la principale; però che forte cosa sarebbe che la donna ingravidasse, però che mai non ingravidò; e vie piú forte serebbe che poi ch’ella fosse ingravidata, considerando di quante generazioni di cose ell’hanno voglia, che ella s’abbattesse ad avere voglia di me. Ma in fé di Dio, che altra risposta non si convenía alla mia domanda che quella che mi avete fatto.
E riconobbesi questo Genovese, conoscendo Dante per quello ch’egli era, meglio che non avea conosciuto sé, che era sí fatto che erano poche che non l’avessono fuggito. E conobbe Dante sí che piú dí stette il Genovese in casa sua, pigliando grandissima dimestichezza per tutti li tempi che vissono. Questo Genovese era scienziato, ma non dovea essere filosofo, come la maggior parte sono oggi; però che la filosofia conosce tutte le cose per natura; e chi non conosce sé principalmente, come conoscerà mai le cose fuora di sé? Costui, se si fosse specchiato, o con lo specchio della mente, o col corporale, averebbe pensato la forma sua e considerato che una bella donna, eziandio essendo onesta, è vaga che chi l’ama abbia forma di uomo, e non di vilpistrello.
Ma e’ pare che li piú son tocchi da quel detto comune: “E’ non ci ha maggiore inganno che quello di sé medesimo”.

Franco Sacchetti – Messer Ridolfo da Camerino, al tempo che la Chiesa avea assediato Forlí, fa una nuova e notabile assoluzione sopra una questione che aveano valentri uomeni d’una insegna

Messer Ridolfo da Camerino, savissimo signore, con poche parole e notabil judicio, contentò una brigata di valentri uomeni di quello che domandorono sopra una questione, sí come il Basso d’un nuovo uccello contentasse il marchese.
Al tempo che la Chiesa, e messer Egidio di Spagna cardinale per quella, avea per assedio costretta la città di Forlí per gran dimora; e di quella essendo signore messer Francesco Ardelaffi, notabile signore, molti signori notabili e valentri uomeni a petizione della Chiesa erano concorsi al detto assedio; ed essendo in una parte raccolti con una questione quasi quelli che erano i maggiori del campo, e tra loro essendo messer Unghero da Sassoferrato, il quale avea l’insegna del Crocifisso, la quale è quella insegna che è piú degna che alcun’altra; ed essendo gran contesa tra loro, però che quello che avea l’insegna dicea aver caro quel beneficio fiorini duemila; altri diceano: io vorrei innanzi fiorini duecento; e tali diceano fiorini cento, e tali fiorini trecento, e chi dicea di meno e chi di piú; passando per quel luogo messer Ridolfo da Camerino, che andava provveggendo il campo, s’accostò a loro domandando di quello che contendeano; di che per loro gli fu detto la cagione, pregandolo ancora che la loro questione diffinisse, e quello che si dovea prezzare la detta insegna.
Messer Ridolfo, avendo tosto considerata la questione, fece la risposta dicendo che chi tenea che la detta insegna si dovea prezzare e avere cara duecento, o trecento, o mille, o duemila, non potea avere ragione; però che quando il nostro Signore Jesú Cristo fu in questa vita, e di carne e d’ossa, fu venduto trenta danari, e ora ch’egli è dipinto nella pezza e morto e in croce, che si possa o debba ragionevolmente stimar piú, è cosa vana, e per la ragione allegata non potere justamente seguire. Udito che ebbono tutti questa sentenzia, con le risa s’accordorono a por fine alla questione, e dissono tutti, eccetto messer Unghero, messer Ridolfo avere ben detto e giudicato.
Notabile detto e strano fu quello di messer Ridolfo, e come che paresse ostico, raccontando come disse del nostro Signore, a ragione il judicio fu giusto; e mostrò, sanza dirlo, che son molti che fanno maggiore stima delle viste che de’ fatti. E quanti ne sono già stati che hanno procacciato d’essere Gonfalonieri e Capitani, e d’avere l’insegna e reale e dell’altre, solo per vanagloria, ma dell’opere non si sono curati! E di questi apparenti ne sono stati, e tutto il dí sono piú che degli operanti. E non pur nelle cose dell’arme ma eziandio di quelli che in teologia si fanno maestrare, non per altro, se non per essere detto Maestro; Dottore di leggi, per essere chiamato Dottore; e cosí in filosofia e medicina, e di tutte l’altre cose: e Dio il sa quello che li piú di loro sanno!

Franco Sacchetti – Marchese Aldobrandino domanda al Basso della Penna qualche nuovo uccello da tenere in gabbia, il Basso fa fare una gabbia, ed entrovi è portato a lui

Marchese Aldobrandino da Esti, nel tempo che ebbe la signoria di Ferrara, gli venne vaghezza, come spesso viene a’ signori, di avere qualche nuovo uccello in gabbia. Di che per questa cagione mandò un dí per uno Fiorentino che tenea albergo in Ferrara, uomo di nuova e di piacevolissima condizione, che avea nome Basso della Penna. Era vecchio e piccolo di persona, e sempre pettinato andava in zazzera e in cuffia. Giunto questo Basso dinanzi al marchese, il marchese sí gli dice:
- Basso, io vorrei qualche uccello per tenere in gabbia, che cantasse bene, e vorrei che fosse qualche uccello nuovo, che non se ne trovassono molti per l’altre genti, come sono fanelli e calderelli, e di questi non vo cercando; e però ho mandato per te, perché diversa gente e di diversi paesi ti vengono per le mani al tuo albergo; di che possibile ti fia che qualcuno di questi ti metta in via, donde se ne possa avere uno.
Rispose il Basso:
- Signore mio, io ho compreso la vostra intenzione, la quale m’ingegnerò di mettere ad effetto, e cercherò di far sí che subitamente serete servito.
Udendo il marchese questo, gli parve avere già in gabbia la fenice, e cosí si partío. Il Basso, avendo già immaginato ciò che far dovea, giunto che fu al suo albergo, mandò per un maestro di legname, e disse:
- Io ho bisogno di una gabbia di cotanta lunghezza, e tanto larga e tanto alta; e fa’ ragione di farla sí forte ch’ella sia sofficiente a un asino, se io ve l’avessi a metter dentro, e abbia uno sportello di tanta grandezza.
Compreso che ‘l maestro ebbe tutto, fu in concordia del pregio, e andò a fare la detta gabbia; fatta che l’ebbe, la fe’ portare al Basso e tolse i denari.
Il Basso subito mandò per uno portatore, e là venuto entrando nella gabbia, disse al portatore che ‘l portasse al marchese. Al portatore parve questa una nuova mercanzia e quasi non volea; se non che ‘l Basso tanto disse che pur lo portò. Il qual giunto al marchese, con grande moltitudine di popolo che correa dietro alla novità; il marchese quasi dubitò, non conoscendo ancora che cosa fosse quella. Ma appressatosi la gabbia e ‘l Basso ed essendo su portato presso al marchese, il marchese, conoscendo ciò che era, disse:
- Basso, che vuol dir questo?
Il Basso, cosí nella gabbia, con lo sportello serrato, cominciò a squittire, e disse:
- Messer lo marchese, voi mi comandaste pochi dí fa che io trovasse modo che voi avesse qualche nuovo uccello in gabbia, e che di quelli tali pochi ne fossono al mondo; di che, considerando chi io sono e quanto nuovo sono, ché posso dire che nessuno ne sia piú nuovo di me in su la terra, in questa gabbia intrai, e a voi mi rappresento, e mi vi dono per lo piú nuovo uccello che tra’ cristiani si possa trovare; e ancora vi dico piú, che non ce n’ha niuno fatto com’io: il canto mio fia tale, che vi diletterà assai; e però fate posare la gabbia da quella finestra.
Disse il marchese:
- Mettetela sul davanzale.
Il Basso dice:
- Oimè, non fate, ché io potrei cadere.
Dice il marchese:
- Mettetelo su, ché ‘l davanzale è largo.
E cosí messo su, accennò a un suo famiglio che dondolasse la gabbia, e nientedimeno la sostenesse.
E ‘l Basso dice:
- Marchese, io ci venni per cantare, e voi volete ch’io pianga.
E cosí, quando il Basso fu rassicurato, disse:
- Marchese, se mi darete mangiare delle vivande che mangiate voi, io canterò molto bene.
Il marchese li fece venire un pane con un capo d’aglio, e tennelo tutto quel dí su la finestra, facendo a lui di nuovi giuochi; e tutto il popolo era sulla piazza a vedere il Basso nella gabbia; e in fine la sera cenò col signore, e poi si ritornò all’albergo, e la gabbia rimase al marchese, ché mai non la riebbe.
Il marchese da quell’ora innanzi ebbe il Basso piú caro che mai, e spesso l’invitava a mangiare, e facevalo cantare nella gabbia, e pigliava gran diletto di lui. Chi sapesse la disposizione de’ signori, quando fossono in buona tempera, ognora penserebbono di cose nuove, come fece il Basso, che per certo ben serví il marchese, e non andò in India per l’uccello; ma essendogli presso presso, fu servito del piú nuovo e unico uccello che si potesse trovare.

Franco Sacchetti – Castruccio Interminelli, avendo un suo famiglio disfatto in uno muro il giglio dell’arma fiorentina, essendo per combattere, lo fa combattere con un fante che avea l’arma del giglio nel palvese, ed è morto

Ora voglio mutare un poco la materia, e dire come Castruccio Interminelli, signore di Lucca, castigò uno gagliardo contro le mura. Questo Castruccio fu de’ cosí savi, astuti e coraggiosi signori come fosse nel mondo già è gran tempo; e guerreggiando e dando assai che pensare a’ Fiorentini, però che era loro cordiale nimico, fra l’altre notabili cose che fece fu questa: che essendo a campo in Valdinievole, e dovendo una mattina andare a mangiare in uno castello da lui preso, di quelli del Comune di Firenze, e mandando un suo fidato famiglio innanzi che apparecchiasse le vivande e le mense, il detto famiglio, giugnendo in una sala, dove si dovea desinare, vide tra molte arme, come spesso si vede, dipinta l’arme del giglio del Comune di Firenze, e con una lancia, che parea che avesse a fare una sua vendetta, tutta la scalcinò.
Venendo l’ora che Castruccio con altri valentri uomeni giunsono per desinare, il famiglio si fece incontro a Castruccio e, come giunse in su la sala, disse:
- Signore mio, guardate come io ho acconcio quell’arma di quelli traditori Fiorentini.
Castruccio, come savio signore, disse:
- Sia con Dio; fa’ che noi desiniamo.
E tenne nella mente quest’opera, tanto che a pochi dí si rassembrò la sua gente per combattere con quella del Comune di Firenze; là dove, appressandosi li due eserciti, per avventura venne che innanzi a quello de’ Fiorentini venía uno bellissimo fante bene armato con uno palvese in braccio, dove era dipinto il giglio.
Veggendo Castruccio costui essere de’ primi a venirli incontro, chiamò il suo fidato famiglio, che cosí bene avea combattuto col muro, e disse:
- Vien qua; tu desti pochi dí fa tanti colpi nel giglio ch’era nel muro che tu lo vincesti e disfacesti: va’ tosto, e armati come tu sai, e fa’ che subito vadi a dispignere e vincere quello.
Costui nel principio credette che Castruccio beffasse. Castruccio lo costrinse, dicendo:
- Se tu non vi vai, io ti farò impiccar subito a quell’arbore.
Veggendosi costui mal parato, e che Castruccio dicea da dovero, v’andò il meglio che poteo. Come fu presso al fante del giglio, subito questo fante di Castruccio fu morto da quello con una lancia che ‘l passò dall’una parte all’altra. Veggendo questo Castruccio, non fece alcun sembiante d’ira o cruccio, ma disse:
- Troppo bene è andato -; e volsesi a’ suoi, dicendo: – Io voglio che voi appariate di combattere con li vivi, e non con li morti.
O non fu questa gran justizia? ché sono molti che danno per li faggi e per le mura e nelle cose morte, e fanno del gagliardo, come se avessono vinto Ettore; e oggi n’è pieno il mondo, che in questa forma, o contra minimi o pecorelle, sempre sono fieri; ma per ciascuno di questi tali fosse uno Castruccio che li pagasse della loro follia, come pagò questo suo famiglio.
Assai notabili cose fece ne’ suoi dí Castruccio; fra l’altre, dicea a uno, che a sua petizione avesse fatto un tradimento:
- Il tradimento mi piace, ma il traditore no; pagati e vatti con Dio, e fa’ che mai tu non mi venga innanzi.
Oggi si fa il contrario, ché se uno signore o Comune farà fare uno tradimento, fa il traditore suo provvisionato e sempre il tiene con lui, facendoli onore. Ma a molti è già intervenuto che quelli che hanno fatto fare il tradimento, dal traditore poi sono stati traditi.

Franco Sacchetti – Messer Bernabò signore di Melano comanda a uno abate che lo chiarisca di quattro cose impossibili; di che uno mugnaio, vestitosi de’ panni dello abate, per lui le chiarisce in forma che rimane abate e l’abate rimane mugnaio

Messer Bernabò signore di Melano, essendo trafitto da un mugnaio con belle ragioni, gli fece dono di grandissimo benefizio. Questo signore ne’ suoi tempi fu ridottato da piú che altro signore; e come che fosse crudele, pur nelle sue crudeltà avea gran parte di justizia. Fra molti de’ casi che gli avvennono fu questo, che uno ricco abate, avendo commesso alcuna cosa di negligenza di non avere ben notricato due cani alani, che erano diventati stizzosi, ed erano del detto signore, li disse che pagasse fiorini quattromila. Di che l’abate cominciò a domandare misericordia. E ‘l detto signore, veggendolo addomandare misericordia, gli disse:
- Se tu mi fai chiaro di quattro cose, io ti perdonerò in tutto; e le cose son queste che io voglio che tu mi dica: quanto ha di qui al cielo; quant’acqua è in mare; quello che si fa in inferno; e quello che la mia persona vale.
Lo abate, ciò udendo, cominciò a sospirare, e parveli essere a peggior partito che prima; ma pur, per cessar furore e avanzar tempo, disse che li piacesse darli termine a rispondere a sí alte cose. E ‘l signore gli diede termine tutto il dí sequente; e come vago d’udire il fine di tanto fatto, gli fece dare sicurtà del tornare.
L’abate, pensoso, con gran malenconia, tornò alla badía, soffiando come un cavallo quando aombra; e giunto là, scontrò un suo mugnaio, il quale, veggendolo cosí afflitto, disse:
- Signor mio, che avete voi che voi soffiate cosí forte?
Rispose l’abate:
- Io ho ben di che, ché ‘l signore è per darmi la mala ventura se io non lo fo chiaro di quattro cose, che Salamone né Aristotile non lo potrebbe fare.
Il mugnaio dice:
- E che cose son queste?
L’abate gli lo disse.
Allora il mugnaio, pensando, dice all’abate:
- Io vi caverò di questa fatica, se voi volete.
Dice l’abate:
- Dio il volesse.
Dice il mugnaio:
- Io credo che ‘l vorrà Dio e’ santi.
L’abate, che non sapea dove si fosse, disse:
- Se ‘l tu fai, togli da me ciò che tu vuogli, ché niuna cosa mi domanderai, che possibil mi sia, che io non ti dia.
Disse il mugnaio:
- Io lascerò questo nella vostra discrizione.
- O che modo terrai? – disse l’abate.
Allora rispose il mugnaio:
- Io mi voglio vestir la tonica e la cappa vostra, e raderommi la barba, e domattina ben per tempo anderò dinanzi a lui, dicendo che io sia l’abate; e le quattro cose terminerò in forma ch’io credo farlo contento.
All’abate parve mill’anni di sustituire il mugnaio in suo luogo; e cosí fu fatto.
Fatto il mugnaio abate, la mattina di buon’ora si mise in cammino; e giunto alla porta, là dove entro il signore dimorava, picchiò, dicendo che tale abate voleva rispondere al signore sopra certe cose che gli avea imposte. Lo signore, volontoroso di udire quello che lo abate dovea dire, e maravigliandosi come sí presto tornasse, lo fece a sé chiamare: e giunto dinanzi da lui un poco al barlume, facendo reverenza, occupando spesso il viso con la mano per non esser conosciuto, fu domandato dal signore se avea recato risposta delle quattro cose che l’avea addomandato.
Rispose:
- Signor sí. Voi mi domandaste: quanto ha di qui al cielo. Veduto appunto ogni cosa, egli è di qui lassú trentasei milioni e ottocento cinquantaquattro mila e settantadue miglia e mezzo e ventidue passi.
Dice il signore:
- Tu l’hai veduto molto appunto; come provi tu questo?
Rispose:
- Fatelo misurare, e se non è cosí, impiccatemi per la gola. Secondamente domandaste: quant’acqua è in mare. Questo m’è stato molto forte a vedere, perché è cosa che non sta ferma, e sempre ve n’entra; ma pure io ho veduto che nel mare sono venticinque milia e novecento ottantadue di milioni di cogna e sette barili e dodici boccali e due bicchieri.
Disse il signore:
- Come ‘l sai?
Rispose:
- Io l’ho veduto il meglio che ho saputo: se non lo credete, fate trovar de’ barili, e misurisi; se non trovate essere cosí, fatemi squartare. Il terzo mi domandaste quello che si faceva in inferno. In inferno si taglia, squarta, arraffia e impicca, né piú né meno come fate qui voi.
- Che ragione rendi tu di questo?
Rispose:
- Io favellai già con uno che vi era stato, e da costui ebbe Dante fiorentino ciò che scrisse delle cose dell’inferno; ma egli è morto; se voi non lo credete, mandatelo a vedere. Quarto mi domandaste quello che la vostra persona vale; e io dico ch’ella vale ventinove danari.
Quando messer Bernabò udí questo, tutto furioso si volge a costui, dicendo:
- Mo ti nasca il vermocan; sono io cosí dappoco ch’io non vaglia piú che una pignatta?
Rispose costui, e non sanza gran paura:
- Signor mio, udite la ragione. Voi sapete che ‘l nostro Signore Jesú Cristo fu venduto trenta danari; fo ragione che valete un danaro meno di lui.
Udendo questo il signore, immaginò troppo bene che costui non fosse l’abate, e guardandolo ben fiso, avvisando lui esser troppo maggiore uomo di scienza che l’abate non era, disse:
- Tu non se’ l’abate.
La paura che ‘l mugnaio ebbe ciascuno il pensi; inginocchiandosi con le mani giunte, addomandò misericordia, dicendo al signore come egli era mulinaro dell’abate, e come e perché camuffato dinanzi dalla sua signoria era condotto, e in che forma avea preso l’abito, e questo piú per darli piacere che per malizia.
Messer Bernabò, udendo costui, disse:
- Mo via, poi ch’ello t’ha fatto abate, e se’ da piú dí lui, in fé di Dio, e io ti voglio confirmare, e voglio che da qui innanzi tu sia l’abate, ed ello sia il mulinaro, e che tu abbia tutta la rendita del monasterio, ed ello abbia quella del mulino.
E cosí fece ottenere tutto il tempo che visse che l’abate fu mugnaio, e ‘l mugnaio fu abate.
Molto è scura cosa, e gran pericolo, d’assicurarsi dinanzi a’ signori, come fe’ questo mugnaio, e avere quello ardire ebbe lui. Ma de’ signori interviene come del mare, dove va l’uomo con grandi pericoli, e ne’ gran pericoli li gran guadagni. Ed è gran vantaggio quando il mare si truova in bonaccia, e cosí ancora il signore: ma l’uno e l’altro è gran cosa di potersi fidare, che fortuna tosto non venga.
Alcuni hanno già detto essere venuta questa, o simil novella, a… papa, il quale, per colpa commessa da un suo abate, li disse che li specificasse le quattro cose dette di sopra, e una piú, cioè: qual fosse la maggior ventura che elli mai avesse aúto. Di che l’abate, avendo rispetto della risposta, tornò alla badía, e ragunati li monaci e’ conversi, infino al cuoco e l’ortolano, raccontò loro quello di che avea a rispondere al detto papa; e che a ciò gli dessono e consiglio e aiuto. Eglino, non sappiendo alcuna cosa che si dire, stavano come smemorati: di che l’ortolano, veggendo che ciascheduno stava muto, disse:
- Messer l’abate, però che costoro non dicono alcuna cosa, e io voglio esser colui e che dica e che faccia, tanto che io credo trarvi di questa fatica; ma datemi li vostri panni, sí che io vada come abate, e di questi monaci mi seguano; e cosí fu fatto.
E giunto al papa, disse dell’altezza del cielo esser trenta voci. Dell’acqua del mare disse: “Fate turare le bocche de’ fiumi, che vi mettono entro, e poi si misuri”. Quello che valea la sua persona, disse: “Danari ventotto”; ché la facea due danari meno di Cristo, ché era suo vicario. Della maggior ventura ch’egli avesse mai, disse: “Come d’ortolano era diventato abate”; e cosí lo confermò. Come che si fosse, o intervenne all’uno e all’altro, o all’uno solo, e l’abate diventò o mugnaio o ortolano.

Franco Sacchetti – Parcittadino da Linari vagliatore si fa uomo di corte, e va a vedere lo re Adoardo d’Inghilterra, il qual, lodandolo, ha da lui molte pugna, e poi, biasimandolo, riceve dono

Lo re Adoardo vecchio d’Inghilterra fu re di gran virtú e fama, e fu tanto discreto che la presente novella ne dimostrerrà in parte. Fu adunque nel suo tempo uno vagliatore a Linari in Valdensa nel contado di Firenze, il quale aveva nome Parcittadino. Venne a costui volontà di lasciare in tutto il vagliare ed esser uomo di corte, e in questo diventò assai sperto; e cosí spermentandosi nell’arte cortigiana, gli venne gran volontà di andare a vedere il detto re Adoardo; e non sine quare , ma perché avea udito molto delle sue magnanimità, e spezialmente verso li suoi pari. E cosí pensato, una mattina si misse in cammino, e non ristette mai che elli pervenne in Inghilterra alla città di Londra, dove lo re dimorava; e giunto al palagio reale, dove il detto re dimorava, di porta in porta trapassando, giunse nella sala, dove lo re il piú del tempo facea residenza; e trovollo fiso giucare a scacchi con lo gran dispensiere.
Parcittadino, giunto dinanzi al re, inginocchiandosi con le reverenti raccomandazioni, quella vista o quella mutazione fece il re come prima che giugnesse: di che stette Parcittadino per grande spazio in tal maniera. E veggendo che lo re alcun sembiante non facea, si levò in piede e cominciò a dire:
- Benedetto sia l’ora e ‘l punto che qui m’ha condotto, e dove io ho sempre desiderato, cioè di vedere il piú nobile e ‘l piú prudente e ‘l piú valoroso re che sia fra cristiani; e ben mi posso vantare piú che altro mie pari, dappoi che io sono in luogo dove io veggio il fiore di tutti li altri re. O quanta gloria mi ha conceduta la fortuna! ché oggimai, se io morisse, con poca doglia verrei a quel passo, dappoi che io sono innanzi a quella serenissima corona la quale, come calamita tira il ferro, cosí con la sua virtú tira ciascuno con desiderio a veder la sua dignità.
Appena ebbe insino a qui Parcittadino condotto il suo sermone, che lo re si levò dal giuoco, e piglia Parcittadino, e con le pugna e calci, cacciandolo per terra, tante gliene diede che tutto il pestò; e fatto questo, subito ritornò al giuoco delli scacchi. Parcittadino assai tristo, levandosi di terra, appena sapea dove si fosse; parendoli aver male spesi i passi suoi, e similmente le lode date al re, si stava cosí tapino, non sapendo che si fare. E pigliando un po’ di cuore, volle provare se, dicendo il contrario al re, gliene seguisse meglio, da che per lo ben dire glien’era colto male; incominciando a dire:
- Maladetto sia l’ora e ‘l dí che in questo luogo mi condusse, che credendo esser venuto a vedere un nobile re, come la fama risuona, e io sono venuto a vedere un re ingrato e sconoscente: credea esser venuto a vedere un re virtuoso, e io sono venuto a vedere un re vizioso: credea esser venuto a vedere un re discreto e sincero, e io sono venuto a vedere un re maligno, pieno di nequizia: credea esser venuto a vedere una santa e giusta corona, e io ho veduto costui che male per ben guiderdona; e la prova il dimostra, che me piccola creatura, magnificando e onorando lui, m’ha sí concio ch’io non so se mai potrò piú vagliare, se mai al mio mestiero antico ritornare mi convenisse.
Lo re si lieva la seconda volta piú furioso che la prima, e va a una porta, e chiama un suo barone. Veggendo questo Parcittadino, qual elli diventò non è da domandare, però che parea un corpo morto che tremasse, e s’avvisò essere dal re ammazzato; e quando udí lo re chiamare quel barone, credette chiamasse qualche justiziere che lo crucifiggesse.
Giunto il barone chiamato dal re, lo re gli disse:
- Va’, da’ la cotal mia vesta a costui, e pagalo della verità, ch’io l’ho ben pagato della bugia io.
Il barone va subito, e recò a Parcittadino una robba reale delle piú adorne che lo re avesse, con tanti bottoni di perle e pietre preziose che, sanza le pugna e’ calci ch’egli ebbe, valea fiorini trecento o piú. E continuo sospettando Parcittadino che quella robba non fosse serpe o badalischio che ‘l mordesse, a tentone la ricevette. Dappoi rassicuratosi e messasela indosso, e dinanzi allo re si appresentò, dicendo:
- Santa corona, qualora voi mi volete pagare a questo modo delle mie bugie, io dirò rade volte il vero.
E conobbe lo re per quello che avea udito, e lo re ebbe piú diletto di lui.
Dappoi, stato quello che gli piacque, prese commiato e dal re si partí, tenendo la via per la Lombardia; dove andò ricercando tutti li signori, raccontando questa novella, la quale gli valse piú di altri fiorini trecento; e tornossi in Toscana, e andò a rivedere con quella robba gli suoi parenti vagliatori da Linari, tutti polverosi di vagliatura e poveri; li quali maravigliandosi, Parcittadino disse loro:
- Tra molte pugna e calci fui in terra, poi ebbi questa robba in Inghilterra.
E fece bene a assai di loro; poi si partí e andò a procacciare sua ventura.
Questa fu cosí bella cosa a uno re, come potesse avvenire. E quanti ne sono che, essendo lodati come questo re, non avessono gonfiato le gote di superbia? Ed elli sappiendo che quelle lode meritava, volle dimostrare che non era vero, usando nella fine tanta discrezione. Assai ignoranti, essendo lodati nel loro cospetto da piasentieri, se lo crederanno; costui, essendo valoroso, volle dimostrare il contrario.

Franco Sacchetti – Lo re Federigo di Cicilia è trafitto con una bella storia da ser Mazzeo speziale di Palermo

Di valoroso e gentile animo fu il re Federigo di Cicilia nel cui tempo fu uno speziale in Palermo, chiamato ser Mazzeo, il quale avea per consuetudine ogni anno al tempo de’ cederni, con una sua zazzera pettinata in cuffia, mettersi una tovagliuola in collo e portare allo re dall’una mano in un piattello cederni e dall’altra mele; e lo re questo dono ricevea graziosamente.
Avvenne che questo ser Mazzeo, venendo nel tempo della vecchiezza, cominciò alquanto a vacillare, e non sí però che l’usato presente di fare non seguisse. Fra l’altre volte, essendosi molto ben pettinato, e assettata la chioma sotto la cuffia, tolse la tovagliuola e’ piattelli de’ cederni e delle mele per fare l’usato presente; e messosi in cammino, pervenne alla porta del palazzo del re.
Il portinaio, veggendolo, cominciò a fare scherne di lui e a tirargli il bendone della cuffia; e contendendosi da lui, e un altro il tirava d’un’altra parte, però che quasi il tenevano insensato; e cosí datoli la via, or da uno e ora da un altro fu tanto tirato e rabbuffato che tutto il capo avea avviluppato; e con tutto questo, s’ingegnò di portar pure a salvamento il presente, giugnendo dinanzi al re con debita reverenza. Lo re, veggendolo cosí schermigliato, disse:
- Ser Mazzeo, che vuol dir questo, che tu sei cosí avviluppato?
Rispose ser Mazzeo:
- Monsignore, egli è quello che voi volete.
Lo re disse:
- Come è?
Ser Mazzeo disse:
- Sapete voi qual è la piú bella storia che sia nella Bibbia?
Lo re, che era di ciò intendentissimo, rispose:
- Assai ce ne sono, ma il superlativo grado non saprei ben quale.
Allora ser Mazzeo disse:
- Se mi date licenzia vel dirò io.
Rispose lo re:
- Di’ sicuramente ciò che tu vuogli.
E ser Mazzeo dice:
- Monsignore lo re, la piú bella istoria che sia in tutta la Bibbia è quando la reina di Saba, udendo la sapienza mirabile di Salamone, si mosse cosí da lungi per andare a vedere le terre sue e lui in Egitto; la quale, giugnendo alle terre governate per Salamone, tanto trovava ogni cosa ragionevolmente disposta che quanto piú vedea, piú si maravigliava, e piú s’infiammava di vedere Salamone, tanto che, giugnendo alla principal città, pervenne al suo palazzo, e di passo in passo ogni cosa mirando e considerando, vidde li servi e’ sudditi suoi molto ordinati e costumati; tanto che, giunta in su la gran sala, fece dire a Salamone come ella era e perché quivi venuta. E Salamone subito uscío della camera e faglisi incontro; il quale la detta reina veggendo, si gittò inginocchioni, dicendo ad alta voce: “O sapientissimo re, benedetto sia il ventre che portò tanta prudenza, quanta in te regna”.
E qui ristette ser Mazzeo.
Disse allora il re Federigo:
- Be’, che vuoi tu dir, ser Mazzeo?
E ser Mazzeo rispose:
- Monsignor lo re, voglio dire che se questa reina comprese bene, per l’ordine e costume delle terre e de’ sudditi di Salamone, esser lui il piú savio uomo del mondo; io per quella medesima forma posso considerare voi essere il piú matto re che viva, pensando che io, vostro minimo servo, venendo con questo usato dono alla vostra maestà, li servi vostri m’abbino concio come voi vedete.
Lo re, veggendo e considerando ser Mazzeo, lo consolò con parole, volendo sapere chi e come era stato, quelli tali fece dinanzi a sé venire, e corressegli e puní innanzi a ser Mazzeo, e del suo servizio gli cacciò; comandando a tutti gli altri che quando ser Mazzeo volesse venire a lui, giammai porta non gli fusse tenuta e sempre a lui facessono onore: e cosí seguirono di fare, maravigliandosi il detto del fine di sí notabile istoria, a proposito detta per un vecchierello a cui la mente già diffettava. Fu cagione questo ser Mazzeo, col suo dire, che questo re d’allora innanzi tenne molto meglio accostumata la sua famiglia che prima non tenea: ed è talor di necessità che si truovino uomeni di questa forma.