Archivi tag: Senza categoria

Trattato delli buboni, e carboni pestilenti, con le loro cause, segni, e curationi – Luchino Boerio

Il Bubone è un tumore, il quale nel suo principio è di forma longhetta, e mobile, e nel suo stato vien poi rotonda, et acuta, immobile, fissa, e molto attaccata profondo alli emuntorij, come del cervello drieto l’orecchie, e allhora le chiamano parotide, al emuntorio el cuore, quando viene sotto le ascelle, à quello del fegato quando viene a liguine, e perciò alhora qua sogliono chiamarle iguinaglie, e sono fatte di una materia più crassa, e viscosa, che il carbone, il quale è generato di una materia piu acre, bollente, e furiosa, che fa eschara dove si ferma transmissa per la forza, e vivacità della virtù espulsiva delli membri principali alli suoi emuntorij, quale è un sangue corrotto, e del tutto privato della sua propria natura, è in maniera alterato, et immutato, che di tutta la sua sostanza resta nemico alla natura.

Download (PDF, 458KB)

Legalità e Ambiente per ricordare Angelo Vassallo

Organizzato dalla Fondazione Angelo Vassallo Sindaco Pescatore, e nasce dalla volontà del Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini, di ricordare personalmente Angelo Vassallo, a pochi giorni dall’anniversario della sua morte. L’evento sarà caratterizzato da un colloquio del Presidente della Camera e del Vicepresidente del Parlamento Europeo Gianni Pittella con diversi Sindaci del territorio che hanno accettato l’invito della Fondazione. Presente all’incontro anche il neo Procuratore Generale Antimafia Franco Roberti, che per anni ha seguito le indagini dell’omicidio del compianto Sindaco di Pollica. Si discuterà inoltre di ambiente e sostenibilità con il Presidente dell’associazione “Cittaslow international” Pier Giorgio Oliveti.

Ar mio, sopra la lama ch’e’ rintorta – Cesare Pascarella

Ar mio, sopra la lama ch’e’ rintorta
C’e’ stampata ‘na lettra cor un fiore;
Me lo diede Ninetta che m’e’ morta,
Quanno che me ce messi a fa’ l’amore

E quanno la baciai la prima vorta,
Me disse: – Si m’avrai da da’ er dolore
De dimme che de me nun te n’importa,
Prima de dillo sfonnemece er core. –

E da quer di’ che j’arde el lanternino
Davanti a la crocetta ar camposanto,
Lo porto addosso come un abitino.

E si la festa vado a fa’ bisboccia,
Si be’ che ci abbi’ tanti amichi accanto,
Er mejo amico mio ce l’ho in saccoccia.

A Compare Domenico – Giuseppe Gioachino Belli

Me so ffatto, compare, una regazza
bianca e roscia, chiapputa e bbadialona,
co ’na faccia de matta bbuggiarona,
e ddu’ brocche, pe ddio, che cce se sguazza.

Si la vedessi cuanno bballa in piazza,
cuanno canta in farzetto, e cquanno sona,
diressi: «Ma de che? mmanco Didona,
che squajjava le perle in de la tazza».

Si ttu cce vôi viení dda bbon fratello
te sce porto cor fedigo e ’r pormone;
ma abbadamo a l’affare de l’uscello.

Perché si ccaso sce vôi fà er bruttone,
do dde guanto a ddu’ fronne de cortello
e tte manno a Ppalazzo pe cappone.

Ceñida, si asombrada no, la frente – Luis de Gongora

Ceñida, si asombrada no, la frente
De una y otra verde rama obscura,
A los pinos dejando de Segura
Su urna lagrimosa, en son doliente,

Llora el Betis, no lejos de su fuente,
En poca tierra ya mucha hermosura:
Tiernos rayos en una piedra dura
De un sol antes caduco que luciente.

¡Cuán triste sobre el pórfido se mira
Casta Venus llorar su cuarta gracia,
Si lágrimas las perlas son que vierte!

¡Oh Antonio, oh tú del músico de Tracia
Prudente imitador! Tu dulce lira
Sus privilegios rompa hoy a la muerte.

¡Oh excelso muro, oh torres coronadas – Luis de Gongora

¡Oh excelso muro, oh torres coronadas
De honor, de majestad, de gallardía!
¡Oh gran río, gran rey de Andalucía,
De arenas nobles, ya que no doradas!

¡Oh fértil llano, oh sierras levantadas,
Que privilegia el cielo y dora el día!
¡Oh siempre glorïosa patria mía,
Tanto por plumas cuanto por espadas!

Si entre aquellas rüinas y despojos
Que enriquece Genil y Dauro baña
Tu memoria no fue alimento mío,

Nunca merezcan mis ausentes ojos
Ver tu muro, tus torres y tu río,
Tu llano y sierra, ¡oh patria, oh flor de España!