Archivi tag: si

Johann Sebastian Bach – Messa in si minore BWV 232 – American Bach Soloists

CD1

CD2

da: www.magnatune.com
Pubblicato su autorizzazione dell’etichetta discografica conseguita a seguito di associazione a vita.
Licenza: https://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/1.0/

Francesco Petrarca – S’i’ fussi stato fermo a la spelunca

S’i’ fussi stato fermo a la spelunca
là dove Apollo diventò profeta,
Fiorenza avria forse oggi il suo poeta,
non pur Verona et Mantoa et Arunca;

ma perché ‘l mio terren piú non s’ingiunca
de l’humor di quel sasso, altro pianeta
conven ch’i’ segua, et del mio campo mieta
lappole et stecchi co la falce adunca.

L’oliva è secca, et è rivolta altrove
l’acqua che di Parnaso si deriva,
per cui in alcun tempo ella fioriva.

Cosí sventura over colpa mi priva
d’ogni Continua la lettura di Francesco Petrarca – S’i’ fussi stato fermo a la spelunca

Francesco Petrarca – Amor et io sí pien’ di meraviglia

Amor et io sí pien’ di meraviglia
come chi mai cosa incredibil vide,
miriam costei quand’ella parla o ride
che sol se stessa, et nulla altra, simiglia.

Dal bel seren de le tranquille ciglia
sfavillan sí le mie due stelle fide,
ch’altro lume non è ch’infiammi et guide
chi d’amar altamente si consiglia.

Qual miracolo è quel, quando tra l’erba
quasi un fior siede, over quand’ella preme
col suo candido seno un verde cespo!

Qual dolcezza è ne la stagione acerba
vederla ir Continua la lettura di Francesco Petrarca – Amor et io sí pien’ di meraviglia

Giosuè Carducci – Nè mai levò sí neri occhi lucenti

Nè mai levò sí neri occhi lucenti
Saffo i preghi cantando a Citerea,
Quando nel petto e per le vene ardenti
A lei sí come nembo amor scendea;

Né désti mai sí molli chiome a’ venti,
Corinna, tu sovra l’arena elea,
Quando sotto le corde auree gementi
Fremeati il seno e a te Grecia tacea:

Sí come or questa giovinetta bella
Tremanti di desio gli umidi rai
E del crin la fulgente onda raccoglie,

In quel che dolce guarda, e la favella,
Qual Continua la lettura di Giosuè Carducci – Nè mai levò sí neri occhi lucenti

Francesco Petrarca – Non fur ma’ Giove et Cesare sí mossi,

Non fur ma’ Giove et Cesare sí mossi,
a folminar collui, questo a ferire,
che Pietà non avesse spente l’ire,
e lor de l’usate arme ambeduo scossi.

Piangea madonna, e ‘l mio signor ch’i’ fossi
volse a vederla, et i suoi lamenti a udire,
per colmarmi di doglia et di desire,
et ricercarmi le medolle et gli ossi.

Quel dolce pianto mi depinse Amore,
anzi scolpío, et que’ detti soavi
mi scrisse entro un diamante in mezzo ‘l core;

ove con salde Continua la lettura di Francesco Petrarca – Non fur ma’ Giove et Cesare sí mossi,

Francesco Petrarca – Di tempo in tempo mi si fa men dura

Di tempo in tempo mi si fa men dura
l’angelica figura e ‘l dolce riso,
et l’aria del bel viso
e degli occhi leggiadri meno oscura.

Che fanno meco omai questi sospiri
che nascean di dolore
et mostravan di fore
la mia angosciosa et desperata vita?
S’aven che ‘l volto in quella parte giri
per acquetare il core,
parmi vedere Amore
mantener mia ragion, et darmi aita:
né però trovo anchor guerra finita,
né tranquillo ogni stato del cor mio,
ché piú m’arde ‘l desio,
quanto Continua la lettura di Francesco Petrarca – Di tempo in tempo mi si fa men dura

Francesco Petrarca – Quand’io v’odo parlar sí dolcemente

Quand’io v’odo parlar sí dolcemente
com’Amor proprio a’ suoi seguaci instilla,
l’acceso mio desir tutto sfavilla,
tal che ‘nfiammar devria l’anime spente.

Trovo la bella donna allor presente,
ovunque mi fu mai dolce o tranquilla
ne l’habito ch’al suon non d’altra squilla
ma’ di sospir’ mi fa destar sovente.

Le chiome a l’aura sparse, et lei conversa
indietro veggio; et cosí bella riede
nel cor, come colei che tien la chiave.

Ma ‘l soverchio piacer, che s’atraversa
a la mia lingua, qual dentro Continua la lettura di Francesco Petrarca – Quand’io v’odo parlar sí dolcemente