Archivi tag: Stampa

Gaspara Stampa – Oimè, le notti mie colme di gioia,

Oimè, le notti mie colme di gioia,
i dì tranquilli, e la serena vita,
come mi tolse amara dipartita,
e converse il mio stato tutto in noia!
E, perché temo ancor (che più m’annoia)
che la memoria mia sia dipartita
da quel conte crudel che m’ha ferita,
che mi resta altro omai, se non ch’io moia?
E vo’ morir, ché rimirar d’altrui
quel che fu mio quest’occhi non potranno,
perché mirar non sanno altri che lui.
Prendano essempio l’altre che verranno
a non Continua la lettura di Gaspara Stampa – Oimè, le notti mie colme di gioia,

Gaspara Stampa – Qui, dove avien che ‘l nostro mar ristagne

      Qui, dove avien che ‘l nostro mar ristagne,
conte, la vostra misera Anassilla,
quando la luna agghiaccia e ‘l sol favilla,
pur voi chiamando, si lamenta ed agne.
Voi, dove avien che l’Oceano bagne,
la notte, il giorno, a l’alba ed a la squilla,
menando vita libera e tranquilla,
mirate lieto il mar e le campagne.
E sì l’assenzia e ‘l poco amor v’invola
la memoria di lei, la vostra fede,
che pur non le scrivete una parola.
O fra tutt’altre mia Continua la lettura di Gaspara Stampa – Qui, dove avien che ‘l nostro mar ristagne

Gaspara Stampa – Questo aspro conte, un cor d’orsa e di tigre

Questo aspro conte, un cor d’orsa e di tigre,
che ‘n così vago e mansueto aspetto
per forza di valor e d’intelletto
a la strada di gloria par che migre,
non so per qual cagion guasti e denigre,
col mancarmi di fé, sì degno effetto,
e l’ali di sua fama col difetto
d’infedeltà renda restive e pigre.
Almen gli foss’io presso, onde potessi
dimostrargli il suo fallo e ‘l dolor mio,
sì che fido e pietoso lo facessi!
Ma i’ son qui, Continua la lettura di Gaspara Stampa – Questo aspro conte, un cor d’orsa e di tigre

Fortunato Depero, Prospettive fiabesche di macchine rare

La fantasia umana, lo sviluppo della tecnica e della scienza, le incontentabili e sconfinate esigenze del capriccio e dell’estetica, hanno creato nel campo automobilistico campioni di macchine di una originalità sorprendente; tipi anticipatori di razze macchinistiche future di forme iperboliche e prodigiose. … Questi nuovi tipi sperimentali di auto hanno forme curiose, bizzarre e logiche somiglianze ai coleotteri, ai pesci e ai volatili. Sembrano esseri appartenenti alle fiabe, ad un mondo ignoto che si trova ancora ai suoi primi esempi imperfetti e poveri. Chissà fra un secolo, fra dieci secoli e fra cinquanta secoli! Quali meraviglie volanti meccaniche! Perciò nulla da sorridere, niente ironie ed incredulità. Bisogna constatare, ammirare ed avvicinarsi con profondo interesse a tutto quello che coscientemente, ingegnosamente e genialmente è nuovo e impensato.
Fortunato Depero (1892-1960), futurista, sperimentalista e teorico degli sviluppi industriali delle arti, nel primo dopoguerra fu una delle figure chiave dell’avanguardia italiana.

——————
Fortunato Depero, Prospettive fiabesche di macchine rare
Stampa Alternativa, Millelire, 1989 (fuori catalogo)
—————–

L’opera viene rilasciata con licenza Creative Commons
Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate

Il testo integrale viene diffuso in formato PDF (629KB) [per leggerlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito] e in formato OpenOffice (549KB).

Download (PDF, 609KB)