Archivi tag: Tempo

Meo di Bugno – Tutto el tempo del mondo m’ è avenuto

Tutto el tempo del mondo m’ è avenuto,
e sempre me n’andro con questa norma,
che là ‘ve non pongo ‘l piè, faccio l’orma,
non so qual de’demòni m’ha veduto,
che, sendo santo, non serò creduto,
anzi me sgrideria la gente a torma.
Unde el conven ch’eo vegli e poco dorma,
da tante parte me veggio asseduto.
Ma non mi muto per altrui parlare:
ben è vertà ch’ io ne son pur dolente,
e come bestia lasso ogn’om belare.
Om che si (altro…)

Lorenzo de’ Medici – Era nel tempo bel, quando Titano

Era nel tempo bel, quando Titano
dell’annual fatica il terzo avea
giá fatto, e co’ sua raggi un po’ pugnea
d’un tal calor, che ancor non è villano;
vedeasi verde ciascun monte e piano,
e ogni prato pe’ fiori rilucea,
ogni arbuscel sue fronde ancor tenea,
e piange Filomena e duolsi invano;
quando io, che pria temuto non avria,
se Hercole tornato fussi in vita,
fu’ preso d’un leggiadro e bello sguardo.
Facile e dolce all’entrar fu la via;
or non ha questo (altro…)

Franco Sacchetti – Uno giovene Sanese ha tre comandamenti alla morte del padre: in poco tempo disubbedisce, e quello che ne seguita.

Ora verrò a dire di una che s’era maritata per pulzella, e ‘l marito vidde la prova del contrario anzi che con lei giacesse, e rimandolla a casa sua, senza avere mai a fare di lei.
Fu a Siena già un ricco cittadino, il quale, venendo a morte, e avendo un figliuolo e non piú, che avea circa a venti (altro…)

Vittoria Colonna – La ragion, ch’assai tempo prima volse

La ragion, ch’assai tempo prima volse
All’amata mia luce i miei pensieri,
Dovrebbe or di fallaci in certi e veri
Ridurli, e me nel grado onde mi tolse.
Ella fu che ne’ bei lacci m’avvolse
Non mica i sensi semplici e leggieri;
Chè non sarebber or quei nodi intieri
Che a lor simíl giammai morte non sciolse.
Ella mi fe seguir gli ardenti lumi,
Spregiando libertate, e ‘n quel bel stato
Passar con dolce speme i giorni amari.
Ma or che vede (altro…)

Luis de Camoes – Ja he tempo, ja, que minha confiança

Ja he tempo, ja, que minha confiança
Se desça de huma falsa opinião:
Mas Amor não se rege por razão;
Não posso perder, logo, a esperança.
A vida si; que huma aspera mudança
Não deixa viver tanto hum coração,
E eu só na morte tenho a salvação:
Si: mas quem a deseja não a alcança.
Forçado he logo que eu espere e viva.
Ali dura lei de Amor, que não consente
Quietação n’hum’alma que he captiva!
(altro…)

Luis de Camoes – Grão tempo ha ja que soube da Ventura

Grão tempo ha ja que soube da Ventura
A vida que me tinha destinada;
Que a longa experiencia da passada
Me dava claro indicio da futura.
Amor fero e cruel, Fortuna escura,
Bem tendes vossa fôrça exprimentada:
Assolai, destrui, não fique nada;
Vingai-vos desta vida, que inda dura.
Soube Amor da Ventura, que a não tinha,
E porque mais sentisse a falta della,
De imagens impossiveis me mantinha.
Mas vós, Senhora, pois que minha estrella
Não foi (altro…)

Alfredo Panzini – La Madonna di Mamà – Romanzo del tempo della guerra

EText-No. 42271
Title: La Madonna di Mamà  – Romanzo del tempo della guerra
Author: 1863;Panzini, Alfredo;1939
Language: Italian
Link: cache/generated/42271/pg42271-images.epub
Link: cache/generated/42271/pg42271.epub

EText-No. 42271
Title: La Madonna di Mamà  – Romanzo del tempo della guerra
Author: 1863;Panzini, Alfredo;1939
Language: Italian
Link: 4/2/2/7/42271/42271-h/42271-h.htm

EText-No. 42271
Title: La Madonna di Mamà  – Romanzo del tempo della guerra
Author: 1863;Panzini, Alfredo;1939
Language: Italian
Link: cache/generated/42271/pg42271.mobi
Link: cache/generated/42271/pg42271-images.mobi

EText-No. 42271
Title: La Madonna di Mamà  – Romanzo del tempo della guerra
Author: 1863;Panzini, Alfredo;1939
Language: Italian
Link: cache/generated/42271/pg42271.txt.utf8

EText-No. 42271
Title: La Madonna di Mamà  – Romanzo del tempo della guerra
Author: 1863;Panzini, Alfredo;1939
Language: Italian
Link: 4/2/2/7/42271/42271-h.zip

EText-No. 42271
Title: La Madonna di Mamà  – Romanzo del tempo della guerra
Author: 1863;Panzini, Alfredo;1939
Language: Italian
Link: 4/2/2/7/42271/42271-8.zip

Francesco Petrarca – Di tempo in tempo mi si fa men dura

Di tempo in tempo mi si fa men dura
l’angelica figura e ‘l dolce riso,
et l’aria del bel viso
e degli occhi leggiadri meno oscura.

Che fanno meco omai questi sospiri
che nascean di dolore
et mostravan di fore
la mia angosciosa et desperata vita?
S’aven che ‘l volto in quella parte giri
per acquetare il core,
parmi vedere Amore
mantener mia ragion, et darmi aita:
né però trovo anchor guerra finita,
né tranquillo ogni stato del cor mio,
ché piú m’arde ‘l desio,
quanto (altro…)

Francesco Petrarca – Come talora al caldo tempo sòle

Come talora al caldo tempo sòle
semplicetta farfalla al lume avezza
volar negli occhi altrui per sua vaghezza,
onde aven ch’ella more, altri si dole:

cosí sempre io corro al fatal mio sole
degli occhi onde mi vèn tanta dolcezza
che ‘l fren de la ragion Amor non prezza,
e chi discerne è vinto da chi vòle.

E veggio ben quant’elli a schivo m’ànno,
e so ch’i’ ne morrò veracemente,
ché mia vertú non pò contra l’affanno;

ma sí m’abbaglia Amor soavemente,
ch’i’ (altro…)

Dino Campana – Il tempo miserabile consumi

Il tempo miserabile consumi
Me, la mia gioia e tutta la speranza
Venga la morte pallida e mi dica
Pàrtiti figlio.
Un dopopranzo, sdraiato sull’erba
Pieno di cibi e di languore, anch’io
Alla donna insaziata e battagliera,
E ben lontana,
Avrei fatto dei versi deliziosi:
Mi rose e avvelenò fin dall’infanzia
Una cucina perfida e nefanda
Il gusto fine.
La morte magra e seria ha nella voce
Un’armonia che pure io gusto tutta
Ma il mondo grasso l’ha scomunicata
E la disprezza
I ricchi son potenti al (altro…)

Lippo Pasci de’ Barbi – Compar, che tutto tempo esser mi sòli

Compar, che tutto tempo esser mi sòli
sì ubbidente come a tuo maestro,
a·ffede mando a·tte (perké al destro
mi tengo in faticarti, e so ke vuoli
ch’i’ ‘l faccia, ké d’amico non ti duoli
possilo tu servir) che a·sSalvestro
ricordi che d’aver contento ne strò
cinquanta [o] cento di que’ suoi magliuoli.
E saver puoli – mi fann’ uopo tosto,
però ch’al fatto mio il tempo passa,
onde ti priego che ‘n ciò ti fatichi,
intanto ke da mia parte sì (altro…)