Tomaso di Sasso, D’amoroso paese

D’amoroso paese
sospiri e dolzi planti m’à mandato
Amor, che m’à donato – a donna amare;
mai senza sospirare
Amore me no lascia solo un’ura.
Deo, che folle natura – ello m’aprese!
ch’io non saccio altro fare,
se non penzare; – e quanto più mi sforzo,
allora meno pozo – avere abenti;
e uscito m’è di menti
già lungiamenti – ogn’altro penzamento,
e s’io veglio o dormento – sent’amore.
Amore sento tanto,
donna, ch’io altro [ che penzar ] non faccio;
son divenuto paccio – troppo amando.
Moro considerando
che sia l’amore che tanto m’allaccia:
non trovo chi lo saccia, – ond’io mi scanto;
chè vicino di morte
crudel’ e forte – mal che non à nomo,
che mai non lo pote omo – ben guerire.
Dunque pur vorria dire
come sentire – amor mi fa tormento,
forse per mio lamento – lo mi lascia.
Amor mi face umano
umile, curucioso, sollazante,
e per mia voglia amante – amor negando.
E medica piagando
Amore, che nel mare tempestoso
navica vigoroso, – e ne lo chiano
teme [la] tempestate.
Folli, sacciate: – finchè l’amadore
disia, vive ‘n dolore; – e poi che tene,
credendos’ aver bene,
dàgli Amor pene; – sperando d’aver gioia,
la gelosia è la noia – che l’as[s]ale.
Amor mi fa fellone
e leale, sfacciato e vergognoso;
quanto più son doglioso, – alegro paro,
e non posso esser varo:
da poi che cristallo aven la neve,
squagliare mai non deve – per ragione.
Così eo che no rifino,
son poco mino – divenuto a muru:
aigua per gran dimuru – torna sale.
Cotal doglia mortale,
gravoso male, – da meve stesso è nato,
che non aio nullo lato – che non ami.
Poi ch’i’ sì lungiamente
agio amato, già mai non rifinai,
tardi mi risvegliai – a disamare,
chè non si può astutare
così sanza fatica uno gran foco;
ma consuma lo foco? – per neiente.
Dunque, como faragio?
Bene ameragio; – ma saver vor[r]ia
che fera segnoria – mi face amare;
chè gran follia mi pare
omo inorare – a sì folle segnore,
c’a lo suo servidore – non si mostra.