Torquato Tasso – Gerusalemme Liberata – Canto XII

1

Era la notte, e non prendean ristoro
co ‘l sonno ancor le faticose genti:
ma qui vegghiando nel fabril lavoro
stavano i Franchi a la custodia intenti,
e là i pagani le difese loro
gian rinforzando tremule e cadenti
e reintegrando le già rotte mura,
e de’ feriti era comun la cura.

2

Curate al fin le piaghe, e già fornita
de l’opere notturne era qualcuna;
e rallentando l’altre, al sonno invita
l’ombra omai fatta piú tacita e bruna.
Pur non accheta la guerriera ardita
l’alma d’onor famelica e digiuna,
e sollecita l’opre ove altri cessa.
Va seco Argante, e dice ella a se stessa:

3

“Ben oggi il re de’ Turchi e ‘l buon Argante
fèr meraviglie inusitate e strane,
ché soli uscír fra tante schiere e tante
e vi spezzàr le machine cristiane.
Io (questo è il sommo pregio onde mi vante)
d’alto rinchiusa oprai l’arme lontane,
sagittaria, no ‘l nego, assai felice.
Dunque sol tanto a donna e piú non lice?

4

Quanto me’ fòra in monte od in foresta
a le fère aventar dardi e quadrella,
ch’ove il maschio valor si manifesta
mostrarmi qui tra cavalier donzella!
Ché non riprendo la feminea vesta,
s’io ne son degna e non mi chiudo in cella?”
Cosí parla tra sé; pensa e risolve
al fin gran cose ed al guerrier si volve:

5

“Buona pezza è, signor, che in sé raggira
un non so che d’insolito e d’audace
la mia mente inquieta: o Dio l’inspira,
o l’uom del suo voler suo Dio si face.
Fuor del vallo nemico accesi mira
i lumi; io là n’andrò con ferro e face
e la torre arderò: vogl’io che questo
effetto segua, il Ciel poi curi il resto.

6

Ma s’egli averrà pur che mia ventura
nel mio ritorno mi rinchiuda il passo,
d’uom che ‘n amor m’è padre a te la cura
e de le care mie donzelle io lasso.
Tu ne l’Egitto rimandar procura
le donne sconsolate e ‘l vecchio lasso.
Fallo per Dio, signor, ché di pietate
ben è degno quel sesso e quella etate.”

7

Stupisce Argante, e ripercosso il petto
da stimoli di gloria acuti sente.
“Tu là n’andrai,” rispose “e me negletto
qui lascierai tra la vulgare gente?
E da secura parte avrò diletto
mirar il fumo e la favilla ardente?
No, no; se fui ne l’arme a te consorte,
esser vo’ ne la gloria e ne la morte.

8

Ho core anch’io che morte sprezza e crede
che ben si cambi con l’onor la vita.”
“Ben ne fèsti” diss’ella “eterna fede
con quella tua sí generosa uscita.
Pure io femina sono, e nulla riede
mia morte in danno a la città smarrita;
ma se tu cadi (tolga il Ciel gli augúri),
or chi sarà che piú difenda i muri?”

9

Replicò il cavaliero: “Indarno adduci
al mio fermo voler fallaci scuse.
Seguirò l’orme tue, se mi conduci;
ma le precorrerò, se mi ricuse.”
Concordi al re ne vanno, il qual fra i duci
e fra i piú saggi suoi gli accolse e chiuse.
Incominciò Clorinda: “O sire, attendi
a ciò che dir voglianti, e in grado il prendi.

10

Argante qui (né sarà vano il vanto)
quella macchina eccelsa arder promette.
Io sarò seco, ed aspettiam sol tanto
che stanchezza maggiore il sonno allette.”
Sollevò il re le palme, e un lieto pianto
giú per le crespe guancie a lui cadette;
e: “Lodato sia tu,” disse “che a i servi
tuoi volgi gli occhi e ‘l regno anco mi servi.

11

Né già sí tosto caderà, se tali
animi forti in sua difesa or sono.
Ma qual poss’io, coppia onorata, eguali
dar a i meriti vostri o laude o dono?
Laudi la fama voi con immortali
voci di gloria, e ‘l mondo empia del suono.
Premio v’è l’opra stessa, e premio in parte
vi fia del regno mio non poca parte.”

12

Sí parla il re canuto, e si ristringe
or questa or quel teneramente al seno.
Il Soldan, ch’è presente e non infinge
la generosa invidia onde egli è pieno,
disse: “Né questa spada in van si cinge;
verravvi a paro o poco dietro almeno.”
“Ah!” rispose Clorinda “andremo a questa
impresa tutti? e se tu vien, chi resta?”

13

Cosí gli disse, e con rifiuto altero
già s’apprestava a ricusarlo Argante;
ma ‘l re il prevenne, e ragionò primiero
a Soliman con placido sembiante:
“Ben sempre tu, magnanimo guerriero,
ne ti mostrasti a te stesso sembiante,
cui nulla faccia di periglio unquanco
sgomentò, né mai fosti in guerra stanco.

14

E so che fuora andando opre faresti
degne di te; ma sconvenevol parmi
che tutti usciate, e dentro alcun non resti
di voi che sète i piú famosi in armi.
Né men consentirei ch’andasser questi
(ché degno è il sangue lor che si risparmi),
s’o men util tal opra o mi paresse
che fornita per altri esser potesse.

15

Ma poi che la gran torre in sua difesa
d’ogni intorno le guardie ha cosí folte
che da poche mie genti esser offesa
non pote, e inopportuno è uscir con molte,
la coppia che s’offerse a l’alta impresa,
e ‘n simil rischio si trovò piú volte,
vada felice pur, ch’ella è ben tale
che sola piú che mille insieme vale.

16

Tu, come al regio onor piú si conviene,
con gli altri, prego, in su le porte attendi;
e quando poi (ché n’ho secura spene)
ritornino essi e desti abbian gli incendi,
se stuol nemico seguitando viene,
lui risospingi e lor salva e difendi.”
Cosí l’un re diceva, e l’altro cheto
rimaneva al suo dir, ma non già lieto.

17

Soggiunse allora Ismeno: “Attender piaccia
a voi, ch’uscir dovete, ora piú tarda,
sin che di varie tempre un misto i’ faccia
ch’a la machina ostil s’appigli e l’arda.
Forse allora averrà che parte giaccia
di quello stuol che la circonda e guarda.”
Ciò fu concluso, e in sua magion ciascuno
aspetta il tempo al gran fatto opportuno.

18

Depon Clorinda le sue spoglie inteste
d’argento e l’elmo adorno e l’arme altere,
e senza piuma o fregio altre ne veste
(infausto annunzio!) ruginose e nere,
però che stima agevolmente in queste
occulta andar fra le nemiche schiere.
È quivi Arsete eunuco, il qual fanciulla
la nudrí da le fasce e da la culla,

19

e per l’orme di lei l’antico fianco
d’ogni intorno traendo, or la seguia.
Vede costui l’arme cangiate, ed anco
del gran rischio s’accorge ove ella gía,
e se n’affligge, e per lo crin che bianco
in lei servendo ha fatto e per la pia
memoria de’ suo’ uffici instando prega
che da l’impresa cessi; ed ella il nega.

20

Onde ei le disse alfin: “Poi che ritrosa
sí la tua mente nel suo mal s’indura
che né la stanca età, né la pietosa
voglia, né i preghi miei, né il pianto cura,
ti spiegherò piú oltre, e saprai cosa
di tua condizion che t’era oscura;
poi tuo desir ti guidi o mio consiglio.”
Ei segue, ed ella inalza attenta il ciglio.

21

“Resse già l’Etiopia, e forse regge
Senapo ancor con fortunato impero,
il qual del figlio di Maria la legge
osserva, e l’osserva anco il popol nero.
Quivi io pagan fui servo e fui tra gregge
d’ancelle avolto in feminil mestiero,
ministro fatto de la regia moglie
che bruna è sí, ma il bruno il bel non toglie.

22

N’arde il marito, e de l’amore al foco
ben de la gelosia s’agguaglia il gelo.
Si va in guisa avanzando a poco a poco
nel tormentoso petto il folle zelo
che da ogn’uom la nasconde, e in chiuso loco
vorria celarla a i tanti occhi del cielo.
Ella, saggia ed umil, di ciò che piace
al suo signor fa suo diletto e pace.

23

D’una pietosa istoria e di devote
figure la sua stanza era dipinta.
Vergine, bianca il bel volto e le gote
vermiglia, è quivi presso un drago avinta.
Con l’asta il mostro un cavalier percote:
giace la fèra nel suo sangue estinta.
Quivi sovente ella s’atterra, e spiega
le sue tacite colpe e piange e prega.

24

Ingravida fra tanto, ed espon fuori
(e tu fosti colei) candida figlia.
Si turba; e de gli insoliti colori,
quasi d’un novo mostro, ha meraviglia.
Ma perché il re conosce e i suoi furori,
celargli il parto alfin si riconsiglia,
ch’egli avria dal candor che in te si vede
argomentato in lei non bianca fede.

25

Ed in tua vece una fanciulla nera
pensa mostrargli, poco inanzi nata.
E perché fu la torre, ove chius’era,
da le donne e da me solo abitata,
a me, che le fui servo e con sincera
mente l’amai, ti diè non battezzata;
né già poteva allor battesmo darti,
ché l’uso no ‘l sostien di quelle parti.

26

Piangendo a me ti porse, e mi commise
ch’io lontana a nudrir ti conducessi.
Chi può dire il suo affanno, e in quante guise
lagnossi e raddoppiò gli ultimi amplessi?
Bagnò i baci di pianto, e fur divise
le sue querele da i singulti spessi.
Levò alfin gli occhi, e disse: “O Dio, che scerni
l’opre piú occulte, e nel mio cor t’interni,

27

s’immaculato è questo cor, s’intatte
son queste membra e ‘l marital mio letto,
per me non prego, che mille altre ho fatte
malvagità: son vile al tuo cospetto;
salva il parto innocente, al qual il latte
nega la madre del materno petto.
Viva, e sol d’onestate a me somigli;
l’essempio di fortuna altronde pigli.

28

Tu, celeste guerrier, che la donzella
togliesti del serpente a gli empi morsi,
s’accesi ne’ tuo’ altari umil facella,
s’auro o incenso odorato unqua ti porsi,
tu per lei prega, sí che fida ancella
possa in ogni fortuna a te raccòrsi.”
Qui tacque; e ‘l cor le si rinchiuse e strinse,
e di pallida morte si dipinse.

29

Io piangendo ti presi, e in breve cesta
fuor ti portai, tra fiori e frondi ascosa;
ti celai da ciascun, che né di questa
diedi sospizion né d’altra cosa.
Me n’andai sconosciuto; e per foresta
caminando di piante orride ombrosa,
vidi una tigre, che minaccie ed ire
avea ne gli occhi, incontr’a me venire.

30

Sovra un arbore i’ salsi e te su l’erba
lasciai, tanta paura il cor mi prese.
Giunse l’orribil fèra, e la superba
testa volgendo, in te lo sguardo intese.
Mansuefece e raddolcio l’acerba
vista con atto placido e cortese;
lenta poi s’avicina e ti fa vezzi
con la lingua, e tu ridi e l’accarezzi;

31

ed ischerzando seco, al fero muso
la pargoletta man secura stendi.
Ti porge ella le mamme e, come è l’uso
di nutrice, s’adatta, e tu le prendi.
Intanto io miro timido e confuso,
come uom faria novi prodigi orrendi.
Poi che sazia ti vede omai la belva
del suo latte, ella parte e si rinselva;

32

ed io giú scendo e ti ricolgo, e torno
là ‘ve prima fur vòlti i passi miei,
e preso in picciol borgo alfin soggiorno,
celatamente ivi nutrir ti fei.
Vi stetti insin che ‘l sol correndo intorno
portò a i mortali e diece mesi e sei.
Tu con lingua di latte anco snodavi
voci indistinte, e incerte orme segnavi.

33

Ma sendo io colà giunto ove dechina
l’etate omai cadente a la vecchiezza,
ricco e sazio de l’or che la regina
nel partir diemmi con regale ampiezza,
da quella vita errante e peregrina
ne la patria ridurmi ebbi vaghezza,
e tra gli antichi amici in caro loco
viver, temprando il verno al proprio foco.

34

Partomi, e vèr l’Egitto onde son nato,
te conducendo meco, il corso invio,
e giungo ad un torrente, e riserrato
quinci da i ladri son, quindi dal rio.
Che debbo far? te, dolce peso amato,
lasciar non voglio, e di campar desio.
Mi gitto a nuoto, ed una man ne viene
rompendo l’onda e te l’altra sostiene.

35

Rapidissimo è il corso, e in mezzo l’onda
in se medesma si ripiega e gira;
ma, giunto ove piú volge e si profonda,
in cerchio ella mi torce e giú mi tira.
Ti lascio allor, ma t’alza e ti seconda
l’acqua, e secondo a l’acqua il vento spira,
e t’espon salva in su la molle arena;
stanco, anelando, io poi vi giungo a pena.

36

Lieto ti prendo; e poi la notte, quando
tutte in alto silenzio eran le cose,
vidi in sogno un guerrier che minacciando
a me su ‘l volto il ferro ignudo pose.
Imperioso disse: ‘Io ti comando
ciò che la madre sua primier t’impose:
che battezzi l’infante; ella è diletta
del Cielo, e la sua cura a me s’aspetta.

37

Io la guardo e difendo, io spirto diedi
di pietate a le fère e mente a l’acque.
Misero te s’al sogno tuo non credi,
ch’è del Ciel messaggiero.’ E qui si tacque.
Svegliaimi e sorsi, e di là mossi i piedi
come del giorno il primo raggio nacque;
ma perché mia fé vera e l’ombre false
stimai, di tuo battesmo non mi calse,

38

né de i preghi materni; onde nudrita
pagana fosti, e ‘l vero a te celai.
Crescesti, e in arme valorosa e ardita
vincesti il sesso e la natura assai:
fama e terre acquistasti, e qual tua vita
sia stata poscia tu medesma il sai;
e sai non men che servo insieme e padre
io t’ho seguita fra guerriere squadre.

39

Ier poi su l’alba, a la mia mente oppressa
d’alta quiete e simile a la morte,
nel sonno s’offerí l’imago stessa,
ma in piú turbata vista e in suon piú forte:
‘Ecco,’ dicea ‘fellon, l’ora s’appressa
che dée cangiar Clorinda e vita e sorte:
mia sarà mal tuo grado, e tuo fia il duolo.’
Ciò disse, e poi n’andò per l’aria a volo.

40

Or odi dunque tu che ‘l Ciel minaccia
a te, diletta mia, strani accidenti.
Io non so; forse a lui vien che dispiaccia
ch’altri impugni la fé de’ suoi parenti.
Forse è la vera fede. Ah! giú ti piaccia
depor quest’arme e questi spirti ardenti.”
Qui tace e piagne; ed ella pensa e teme,
ch’un altro simil sogno il cor le preme.

41

Rasserenando il volto, al fin gli dice:
“Quella fé seguirò che vera or parmi,
che tu co ‘l latte già de la nutrice
sugger mi fèsti e che vuoi dubbia or farmi;
né per temenza lascierò, né lice
a magnanimo cor, l’impresa e l’armi,
non se la morte nel piú fer sembiante
che sgomenti i mortali avessi inante.”

42

Poscia il consola; e perché il tempo giunge
ch’ella deve ad effetto il vanto porre,
parte e con quel guerrier si ricongiunge
che si vuol seco al gran periglio esporre.
Con lor s’aduna Ismeno, e instiga e punge
quella virtú che per se stessa corre;
e lor porge di zolfo e di bitumi
due palle, e ‘n cavo rame ascosi lumi.

43

Escon notturni e piani, e per lo colle
uniti vanno a passo lungo e spesso,
tanto che a quella parte ove s’estolle
la machina nemica omai son presso.
Lor s’infiamman gli spirti, e ‘l cor ne bolle
né può tutto capir dentro se stesso:
gli invita al foco, al sangue, un fero sdegno.
Grida la guardia, e lor dimanda il segno.

44

Essi van cheti inanzi, onde la guarda
“A l’arme! a l’arme!” in alto suon raddoppia;
ma piú non si nasconde e non è tarda
al corso allor la generosa coppia.
In quel modo che fulmine o bombarda
co ‘l lampeggiar tuona in un punto e scoppia,
movere ed arrivar, ferir lo stuolo,
aprirlo e penetrar, fu un punto solo.

45

E forza è pur che fra mill’arme e mille
percosse il lor disegno al fin riesca.
Scopriro i chiusi lumi, e le faville
s’appreser tosto a l’accensibil esca,
ch’a i legni poi l’avolse e compartille.
Chi può dir come serpa e come cresca
già da piú lati il foco? e come folto
turbi il fumo a le stelle il puro volto?

46

Vedi globi di fiamme oscure e miste
fra le rote del fumo in ciel girarsi.
Il vento soffia, e vigor fa ch’acquiste
l’incendio e in un raccolga i fochi sparsi.
Fère il gran lume con terror le viste
de’ Franchi, e tutti son presti ad armarsi.
La mole immensa, e sí temuta in guerra,
cade, e breve ora opre sí lunghe atterra.

47

Due squadre de’ cristiani intanto al loco
dove sorge l’incendio accorron pronte.
Minaccia Argante: “Io spegnerò quel foco
co ‘l vostro sangue”, e volge lor la fronte.
Pur ristretto a Clorinda, a poco a poco
cede, e raccoglie i passi a sommo il monte.
Cresce piú che torrente a lunga pioggia
la turba, e li rincalza e con lor poggia.

48

Aperta è l’Aurea porta, e quivi tratto
è il re, ch’armato il popol suo circonda,
per raccòrre i guerrier da sí gran fatto,
quando al tornar fortuna abbian seconda.
Saltano i due su ‘l limitare, e ratto
diretro ad essi il franco stuol v’inonda,
ma l’urta e scaccia Solimano; e chiusa
è poi la porta, e sol Clorinda esclusa.

49

Sola esclusa ne fu perché in quell’ora
ch’altri serrò le porte ella si mosse,
e corse ardente e incrudelita fora
a punir Arimon che la percosse.
Punillo; e ‘l fero Argante avisto ancora
non s’era ch’ella sí trascorsa fosse,
ché la pugna e la calca e l’aer denso
a i cor togliea la cura, a gli occhi il senso.

50

Ma poi che intepidí la mente irata
nel sangue del nemico e in sé rivenne,
vide chiuse le porte e intorniata
sé da’ nemici, e morta allor si tenne.
Pur veggendo ch’alcuno in lei non guata,
nov’arte di salvarsi le sovenne.
Di lor gente s’infinge, e fra gli ignoti
cheta s’avolge; e non è chi la noti.

51

Poi, come lupo tacito s’imbosca
dopo occulto misfatto, e si desvia,
da la confusion, da l’aura fosca
favorita e nascosa, ella se ‘n gía.
Solo Tancredi avien che lei conosca;
egli quivi è sorgiunto alquanto pria;
vi giunse allor ch’essa Arimon uccise:
vide e segnolla, e dietro a lei si mise.

52

Vuol ne l’armi provarla: un uom la stima
degno a cui sua virtú si paragone.
Va girando colei l’alpestre cima
verso altra porta, ove d’entrar dispone.
Segue egli impetuoso, onde assai prima
che giunga, in guisa avien che d’armi suone,
ch’ella si volge e grida: “O tu, che porte,
che corri sí?” Risponde: “E guerra e morte.”

53

“Guerra e morte avrai;” disse “io non rifiuto
darlati, se la cerchi”, e ferma attende.
Non vuol Tancredi, che pedon veduto
ha il suo nemico, usar cavallo, e scende.
E impugna l’uno e l’altro il ferro acuto,
ed aguzza l’orgoglio e l’ire accende;
e vansi a ritrovar non altrimenti
che duo tori gelosi e d’ira ardenti.

54

Degne d’un chiaro sol, degne d’un pieno
teatro, opre sarian sí memorande.
Notte, che nel profondo oscuro seno
chiudesti e ne l’oblio fatto sí grande,
piacciati ch’io ne ‘l tragga e ‘n bel sereno
a le future età lo spieghi e mande.
Viva la fama loro; e tra lor gloria
splenda del fosco tuo l’alta memoria.

55

Non schivar, non parar, non ritirarsi
voglion costor, né qui destrezza ha parte.
Non danno i colpi or finti, or pieni, or scarsi:
toglie l’ombra e ‘l furor l’uso de l’arte.
Odi le spade orribilmente urtarsi
a mezzo il ferro, il piè d’orma non parte;
sempre è il piè fermo e la man sempre ‘n moto,
né scende taglio in van, né punta a vòto.

56

L’onta irrita lo sdegno a la vendetta,
e la vendetta poi l’onta rinova;
onde sempre al ferir, sempre a la fretta
stimol novo s’aggiunge e cagion nova.
D’or in or piú si mesce e piú ristretta
si fa la pugna, e spada oprar non giova:
dansi co’ pomi, e infelloniti e crudi
cozzan con gli elmi insieme e con gli scudi.

57

Tre volte il cavalier la donna stringe
con le robuste braccia, ed altrettante
da que’ nodi tenaci ella si scinge,
nodi di fer nemico e non d’amante.
Tornano al ferro, e l’uno e l’altro il tinge
con molte piaghe; e stanco ed anelante
e questi e quegli al fin pur si ritira,
e dopo lungo faticar respira.

58

L’un l’altro guarda, e del suo corpo essangue
su ‘l pomo de la spada appoggia il peso.
Già de l’ultima stella il raggio langue
al primo albor ch’è in oriente acceso.
Vede Tancredi in maggior copia il sangue
del suo nemico, e sé non tanto offeso.
Ne gode e superbisce. Oh nostra folle
mente ch’ogn’aura di fortuna estolle!

59

Misero, di che godi? oh quanto mesti
fiano i trionfi ed infelice il vanto!
Gli occhi tuoi pagheran (se in vita resti)
di quel sangue ogni stilla un mar di pianto.
Cosí tacendo e rimirando, questi
sanguinosi guerrier cessaro alquanto.
Ruppe il silenzio al fin Tancredi e disse,
perché il suo nome a lui l’altro scoprisse:

60

“Nostra sventura è ben che qui s’impieghi
tanto valor, dove silenzio il copra.
Ma poi che sorte rea vien che ci neghi
e lode e testimon degno de l’opra,
pregoti (se fra l’arme han loco i preghi)
che ‘l tuo nome e ‘l tuo stato a me tu scopra,
acciò ch’io sappia, o vinto o vincitore,
chi la mia morte o la vittoria onore.”

61

Risponde la feroce: “Indarno chiedi
quel c’ho per uso di non far palese.
Ma chiunque io mi sia, tu inanzi vedi
un di quei due che la gran torre accese.”
Arse di sdegno a quel parlar Tancredi,
e: “In mal punto il dicesti”; indi riprese
“il tuo dir e ‘l tacer di par m’alletta,
barbaro discortese, a la vendetta.”

62

Torna l’ira ne’ cori, e li trasporta,
benché debili in guerra. Oh fera pugna,
u’ l’arte in bando, u’ già la forza è morta,
ove, in vece, d’entrambi il furor pugna!
Oh che sanguigna e spaziosa porta
fa l’una e l’altra spada, ovunque giugna,
ne l’arme e ne le carni! e se la vita
non esce, sdegno tienla al petto unita.

63

Qual l’alto Egeo, perché Aquilone o Noto
cessi, che tutto prima il volse e scosse,
non s’accheta ei però, ma ‘l suono e ‘l moto
ritien de l’onde anco agitate e grosse,
tal, se ben manca in lor co ‘l sangue vòto
quel vigor che le braccia a i colpi mosse,
serbano ancor l’impeto primo, e vanno
da quel sospinti a giunger danno a danno.

64

Ma ecco omai l’ora fatale è giunta
che ‘l viver di Clorinda al suo fin deve.
Spinge egli il ferro nel bel sen di punta
che vi s’immerge e ‘l sangue avido beve;
e la veste, che d’or vago trapunta
le mammelle stringea tenera e leve,
l’empie d’un caldo fiume. Ella già sente
morirsi, e ‘l piè le manca egro e languente.

65

Segue egli la vittoria, e la trafitta
vergine minacciando incalza e preme.
Ella, mentre cadea, la voce afflitta
movendo, disse le parole estreme;
parole ch’a lei novo un spirto ditta,
spirto di fé, di carità, di speme:
virtú ch’or Dio le infonde, e se rubella
in vita fu, la vuole in morte ancella.

66

“Amico, hai vinto: io ti perdon… perdona
tu ancora, al corpo no, che nulla pave,
a l’alma sí; deh! per lei prega, e dona
battesmo a me ch’ogni mia colpa lave.”
In queste voci languide risuona
un non so che di flebile e soave
ch’al cor gli scende ed ogni sdegno ammorza,
e gli occhi a lagrimar gli invoglia e sforza.

67

Poco quindi lontan nel sen del monte
scaturia mormorando un picciol rio.
Egli v’accorse e l’elmo empié nel fonte,
e tornò mesto al grande ufficio e pio.
Tremar sentí la man, mentre la fronte
non conosciuta ancor sciolse e scoprio.
La vide, la conobbe, e restò senza
e voce e moto. Ahi vista! ahi conoscenza!

68

Non morí già, ché sue virtuti accolse
tutte in quel punto e in guardia al cor le mise,
e premendo il suo affanno a dar si volse
vita con l’acqua a chi co ‘l ferro uccise.
Mentre egli il suon de’ sacri detti sciolse,
colei di gioia trasmutossi, e rise;
e in atto di morir lieto e vivace,
dir parea: “S’apre il cielo; io vado in pace.”

69

D’un bel pallore ha il bianco volto asperso,
come a’ gigli sarian miste viole,
e gli occhi al cielo affisa, e in lei converso
sembra per la pietate il cielo e ‘l sole;
e la man nuda e fredda alzando verso
il cavaliero in vece di parole
gli dà pegno di pace. In questa forma
passa la bella donna, e par che dorma.

70

Come l’alma gentile uscita ei vede,
rallenta quel vigor ch’avea raccolto;
e l’imperio di sé libero cede
al duol già fatto impetuoso e stolto,
ch’al cor si stringe e, chiusa in breve sede
la vita, empie di morte i sensi e ‘l volto.
Già simile a l’estinto il vivo langue
al colore, al silenzio, a gli atti, al sangue.

71

E ben la vita sua sdegnosa e schiva,
spezzando a forza il suo ritegno frale,
la bella anima sciolta al fin seguiva,
che poco inanzi a lei spiegava l’ale;
ma quivi stuol de’ Franchi a caso arriva,
cui trae bisogno d’acqua o d’altro tale,
e con la donna il cavalier ne porta,
in sé mal vivo e morto in lei ch’è morta.

72

Però che ‘l duce loro ancor discosto
conosce a l’arme il principe cristiano,
onde v’accorre, e poi ravisa tosto
la vaga estinta, e duolsi al caso strano.
E già lasciar non volle a i lupi esposto
il bel corpo che stima ancor pagano,
ma sovra l’altrui braccia ambi li pone,
e ne vien di Tancredi al padiglione.

73

A fatto ancor nel piano e lento moto
non si risente il cavalier ferito;
pur fievolmente geme, e quinci è noto
che ‘l suo corso vital non è fornito.
Ma l’altro corpo tacito ed immoto
dimostra ben che n’è lo spirto uscito.
Cosí portati, è l’uno e l’altro appresso;
ma in differente stanza al fine è messo.

74

I pietosi scudier già sono intorno
con vari uffici al cavalier giacente,
e già se ‘n riede a i languidi occhi il giorno,
e le mediche mani e i detti ei sente;
ma pur dubbiosa ancor del suo ritorno,
non s’assecura attonita la mente.
Stupido intorno ei guarda, e i servi e ‘l loco
al fin conosce; e dice afflitto e fioco:

75

“Io vivo? io spiro ancora? e gli odiosi
rai miro ancor di questo infausto die?
Dí testimon de’ miei misfatti ascosi,
che rimprovera a me le colpe mie!
Ahi! man timida e lenta, or ché non osi,
tu che sai tutte del ferir le vie,
tu, ministra di morte empia ed infame,
di questa vita rea troncar lo stame?

76

Passa pur questo petto, e feri scempi
co ‘l ferro tuo crudel fa’ del mio core;
ma forse, usata a’ fatti atroci ed empi,
stimi pietà dar morte al mio dolore.
Dunque i’ vivrò tra memorandi essempi
misero mostro d’infelice amore:
misero mostro, a cui sol pena è degna
de l’immensa impietà la vita indegna.

77

Vivrò fra i miei tormenti e le mie cure,
mie giuste furie, forsennato, errante;
paventarò l’ombre solinghe e scure
che ‘l primo error mi recheranno inante,
e del sol che scoprí le mie sventure,
a schivo ed in orrore avrò il sembiante.
Temerò me medesmo; e da me stesso
sempre fuggendo, avrò me sempre appresso.

78

Ma dove, oh lasso me!, dove restaro
le reliquie del corpo e bello e casto?
Ciò ch’in lui sano i miei furor lasciaro,
dal furor de le fère è forse guasto.
Ahi troppo nobil preda! ahi dolce e caro
troppo e pur troppo prezioso pasto!
ahi sfortunato! in cui l’ombre e le selve
irritaron me prima e poi le belve.

79

Io pur verrò là dove sète; e voi
meco avrò, s’anco sète, amate spoglie.
Ma s’egli avien che i vaghi membri suoi
stati sian cibo di ferine voglie,
vuo’ che la bocca stessa anco me ingoi,
e ‘l ventre chiuda me che lor raccoglie:
onorata per me tomba e felice,
ovunque sia, s’esser con lor mi lice.”

80

Cosí parla quel misero, e gli è detto
ch’ivi quel corpo avean per cui si dole:
rischiarar parve il tenebroso aspetto,
qual le nube un balen che passe e vóle;
e da i riposi sollevò del letto
l’inferma de le membra e tarda mole;
e traendo a gran pena il fianco lasso,
colà rivolse vacillando il passo.

81

Ma come giunse, e vide in quel bel seno,
opera di sua man, l’empia ferita,
e quasi un ciel notturno anco sereno
senza splendor la faccia scolorita,
tremò cosí che ne cadea, se meno
era vicina la fedele aita.
Poi disse: “Oh viso che poi far la morte
dolce, ma raddolcir non puoi mia sorte!

82

Oh bella destra che ‘l soave pegno
d’amicizia e di pace a me porgesti!
quali or, lasso!, vi trovo? e qual ne vegno?
E voi, leggiadre membra, or non son questi
del mio ferino e scelerato sdegno
vestigi miserabili e funesti?
Oh di par con la man luci spietate:
essa le piaghe fe’, voi le mirate.

83

Asciutte le mirate? or corra, dove
nega d’andare il pianto, il sangue mio.”
Qui tronca le parole, e come il move
suo disperato di morir desio,
squarcia le fasce e le ferite, e piove
da le sue piaghe essacerbate un rio;
e s’uccidea, ma quella doglia acerba,
co ‘l trarlo di se stesso, in vita il serba.

84

Posto su ‘l letto, e l’anima fugace
fu richiamata a gli odiosi uffici.
Ma la garrula fama omai non tace
l’aspre sue angoscie e i suoi casi infelici.
Vi tragge il pio Goffredo, e la verace
turba v’accorre de’ piú degni amici.
Ma né grave ammonir, né pregar dolce
l’ostinato de l’alma affanno molce.

85

Qual in membro gentil piaga mortale
tocca s’inaspra e in lei cresce il dolore,
tal da i dolci conforti in sí gran male
piú inacerbisce medicato il core.
Ma il venerabil Piero, a cui ne cale
come d’agnella inferma al buon pastore,
con parole gravissime ripiglia
il vaneggiar suo lungo, e lui consiglia:

86

“O Tancredi, Tancredi, o da te stesso
troppo diverso e da i princípi tuoi,
chi sí t’assorda? e qual nuvol sí spesso
di cecità fa che veder non puoi?
Questa sciagura tua del Cielo è un messo;
non vedi lui? non odi i detti suoi?
che ti sgrida, e richiama a la smarrita
strada che pria segnasti e te l’addita?

87

A gli atti del primiero ufficio degno
di cavalier di Cristo ei ti rappella,
che lasciasti per farti (ahi cambio indegno!)
drudo d’una fanciuila a Dio rubella.
Seconda aversità, pietoso sdegno
con leve sferza di là su flagella
tua folle colpa, e fa di tua salute
te medesmo ministro; e tu ‘l rifiute?

88

Rifiuti dunque, ahi sconoscente!, il dono
del Ciel salubre e ‘ncontra lui t’adiri?
Misero, dove corri in abbandono
a i tuoi sfrenati e rapidi martíri?
Sei giunto, e pendi già cadente e prono
su ‘l precipizio eterno; e tu no ‘l miri?
Miralo, prego, e te raccogli, e frena
quel dolor ch’a morir doppio ti mena.”

89

Tace, e in colui de l’un morir la tema
poté de l’altro intepidir la voglia.
Nel cor dà loco a que’ conforti, e scema
l’impeto interno de l’interna doglia,
ma non cosí che ad or ad or non gema
e che la lingua a lamentar non scioglia,
ora seco parlando, or con la sciolta
anima che dal Ciel forse l’ascolta.

90

Lei nel partir, lei nel tornar del sole
chiama con voce stanca, e prega e plora,
come usignuol cui ‘l villan duro invole
dal nido i figli non pennuti ancora,
che in miserabil canto afflitte e sole
piange le notti, e n’empie i boschi e l’òra.
Al fin co ‘l novo dí rinchiude alquanto
i lumi, e ‘l sonno in lor serpe fra ‘l pianto.

91

Ed ecco in sogno di stellata veste
cinta gli appar la sospirata amica:
bella assai piú, ma lo splendor celeste
orna e non toglie la notizia antica;
e con dolce atto di pietà le meste
luci par che gli asciughi, e cosí dica:
“Mira come son bella e come lieta,
fedel mio caro, e in me tuo duolo acqueta.

92

Tale i’ son, tua mercé: tu me da i vivi
del mortal mondo, per error, togliesti;
tu in grembo a Dio fra gli immortali e divi,
per pietà, di salir degna mi fèsti.
Quivi io beata amando godo, e quivi
spero che per te loco anco s’appresti,
ove al gran Sole e ne l’eterno die
vagheggiarai le sue bellezze e mie.

93

Se tu medesmo non t’invidii il Cielo
e non travii co ‘l vaneggiar de’ sensi,
vivi e sappi ch’io t’amo, e non te ‘l celo,
quanto piú creatura amar conviensi.”
Cosí dicendo, fiammeggiò di zelo
per gli occhi, fuor del mortal uso accensi;
poi nel profondo de’ suoi rai si chiuse
e sparve, e novo in lui conforto infuse.

94

Consolato ei si desta e si rimette
de’ medicanti a la discreta aita,
e intanto sepellir fa le dilette
membra ch’informò già la nobil vita.
E se non fu di ricche pietre elette
la tomba e da man dedala scolpita,
fu scelto almeno il sasso, e chi gli diede
figura, quanto il tempo ivi concede.

95

Quivi da faci in lungo ordine accese
con nobil pompa accompagnar la feo,
e le sue arme, a un nudo pin sospese,
vi spiegò sovra in forma di trofeo.
Ma come prima alzar le membra offese
nel dí seguente il cavalier poteo,
di riverenza pieno e di pietate
visitò le sepolte ossa onorate.

96

Giunto a la tomba, ove al suo spirto vivo
dolorosa prigione il Ciel prescrisse,
pallido, freddo, muto, e quasi privo
di movimento, al marmo gli occhi affisse.
Al fin, sgorgando un lagrimoso rivo,
in un languido: “oimè!” proruppe, e disse:
“O sasso amato ed onorato tanto,
che dentro hai le mie fiamme e fuori il pianto,

97

non di morte sei tu, ma di vivaci
ceneri albergo, ove è riposto Amore;
e ben sento io da te l’usate faci,
men dolci sí, ma non men calde al core.
Deh! prendi i miei sospiri, e questi baci
prendi ch’io bagno di doglioso umore;
e dalli tu, poi ch’io non posso, almeno
a le amate reliquie c’hai nel seno.

98

Dalli lor tu, ché se mai gli occhi gira
l’anima bella a le sue belle spoglie,
tua pietate e mio ardir non avrà in ira,
ch’odio o sdegno là su non si raccoglie.
Perdona ella il mio fallo, e sol respira
in questa speme il cor fra tante doglie.
Sa ch’empia è sol la mano; e non l’è noia
che, s’amando lei vissi, amando moia.

99

Ed amando morrò: felice giorno,
quando che sia; ma piú felice molto
se come errando or vado a te d’intorno,
allor sarò dentro al tuo grembo accolto.
Faccian l’anime amiche in Ciel soggiorno,
sia l’un cenere e l’altro in un sepolto;
ciò che ‘l viver non ebbe, abbia la morte.
Oh se sperar ciò lice, altera sorte!”

100

Confusamente si bisbiglia intanto
del caso reo ne la rinchiusa terra.
Poi s’accerta e divulga, e in ogni canto
de la città smarrita il romor erra
misto di gridi e di femineo pianto;
non altramente che se presa in guerra
tutta ruini, e ‘l foco e i nemici empi
volino per le case e per li tèmpi.

101

Ma tutti gli occhi Arsete in sé rivolve,
miserabil di gemito e d’aspetto.
Ei come gli altri in lagrime non solve
il duol, ché troppo è d’indurato affetto;
ma i bianchi crini suoi d’immonda polve
si sparge e brutta, e fiede il volto e ‘l petto.
Or mentre in lui vòlte le turbe sono,
va in mezzo Argante e parla in cotal suono:

102

“Ben volev’io, quando primier m’accorsi
che fuor si rimanea la donna forte,
seguirla immantinente; e ratto corsi
per correr seco una medesma sorte.
Che non feci o non dissi? o quai non porsi
preghiere al re che fèsse aprir le porte?
Ei me pregante, e contendente invano,
con l’imperio affrenò c’ha qui soprano,

103

Ahi! che s’io allora usciva, o dal periglio
qui ricondotta la guerriera avrei,
o chiusi, ov’ella il terren fe’ vermiglio,
con memorabil fine i giorni miei.
Ma che potevo io piú? parve al consiglio
de gli uomini altramente e de gli dèi:
ella morí di fatal morte, ed io
quant’or conviensi a me già non oblio.

104

Odi, Gierusalem, ciò che prometta
Argante; odi ‘l tu, Cielo; e se in ciò manco,
fulmina su ‘l mio capo: io la vendetta
giuro di far ne l’omicida franco,
che per la costei morte a me s’aspetta,
né questa spada mai depor dal fianco
insin ch’ella a Tancredi il cor non passi
e ‘l cadavero infame a i corvi lassi.”

105

Cosí disse egli, e l’aure popolari
con applauso seguír le voci estreme;
e imaginando sol, temprò gli amari
l’aspettata vendetta in quel che geme.
Oh vani giuramenti! ecco contrari
seguir tosto gli effetti a l’alta speme,
e cader questi in tenzon pari estinto
sotto colui ch’ei fa già preso e vinto.