Tullia d’Aragona – Signor nel cui divino alto valore

Signor nel cui divino alto valore
tanto si gloria l’una Gallia altera,
e l’altra tutta mesta e afflitta spera
por fin a l’aspro suo grave dolore,
poscia che voi tornando, il suo splendore
torna e fa bella Roma:
ecco la sparsa chioma,
ella v’accoglie lieta, e manda fore,
voci gioconde a asciuga gli occhi molli,
e Tornon grida ‘l Tebro e i sette colli.

La pace, la letizia, a la sublime
schiera de le virtù sacre, ch’a noi
spariro al partir vostro, ora con voi
riedono, e fan contesa al tornar prime
le Muse a celebrarvi in versi e in rime;
destano i chiari spirti,
ond’or s’ergano i mirti,
e i lauri spargon l’onorate cime,
e prima de l’usato il mondo infiora,
e l’aria empie d’odor Favonio e Flora.

Fra tanto almo gioir, fra tanta festa,
ch’oggi al vostro tornar si mostra e sente,
anch’io la speme, e la letizia spente
poter nudrir ne l’alma dubbia e mesta,
se mirate, Signor, quel che m’infesta
noioso e aspro duolo
che voi potete solo
ridurmi in porto da crudel tempesta,
e volgendo ver me pietoso il ciglio
trar mia vita di doglia e di periglio.

Canzon, se innanzi a lui per grazia arrivi,
che dee chiuder di Giano il tempio aperto,
benchè nulla è ‘l mio merto,
pregal, che sola non mi lasci in guerra
poi che per lui si spera pace in terra.

Lascia un commento