UN FIGLIO IN DUE MESI Qui conta d’uno medico di Tolosa, come tolse per moglie una nepote dell’Arcivescovo di Tolosa.

U

N medico di Tolosa tolse per moglie una gentile donna di Tolosa nepote dell’Arcivescovo. Menolla. In due mesi fece una fanciulla. Il medico non mostrò nullo cruccio. Anzi consolava la donna, e mostravale ragioni, secondo Fisica, che ben poteva essere sua di ragione. E con quelle parole e con belli sembianti fece sì che la donna nollo puoté traviare. Molto onoròe la donna nel parto. Dopo il parto si le disse: Madonna, io v’ho onorata quant’io ho potuto; priegovi, per amore di me, che voi ritorniate ormai a casa di vostro padre. E la vostra figliuola io terrò a grande onore. Tanto andaro le cose innanzi, che l’Arcivescovo sentì che ‘l medico avea dato commiato alla nepote. Mandò per lui, e a ciò che era grande uomo, parlò sopra lui molto grandi parole mischiate con superbia e con minaccie. E quando ebbe assai parlato, il medico rispose e disse così: Messer, io tolsi vostra nepote per moglie, credendomi della mia ricchezza poter fornire e pascere la mia fameglia; e fu mia intenzione d’avere un’figliuolo l’anno, e non più. Onde la donna ha cominciato a fare figliuoli in due mesi. Per la qual cosa io non sono sì agiato, se ‘l fatto dee così andare, che li potessi nutricare; e a voi non sarebbe onore che vostro legnaggio andasse a povertade. Perch’io vi cheggio mercede che voi la diate a uno più ricco uomo ch’io non sono, sì che a voi non sia disinore.