Una questione privata

di Sara Michelucci

La guerra vista nella sua nudità e crudeltà, nell’orrore della scomparsa e della perdita di un figlio, un fratello, un amore. Paolo e Vittorio Taviani portano sul grande schermo Una questione privata, il famoso romanzo di Beppe Fenoglio, pubblicato nel 1963, sulla guerra partigiana negli anni finali della seconda guerra mondiale.

Over the Rainbow è il disco più amato da tre ragazzi nell’estate del 43. S’incontrano nella villa estiva dell’adolescente Fulvia. I due ragazzi sono Milton e Giorgio, l’uno pensoso, riservato, l’altro bello ed estroverso. Amano Fulvia che gioca con i sentimenti di entrambi.

Un anno dopo Milton, partigiano, si ritrova davanti alla villa ora chiusa. La custode lo riconosce e insinua un dubbio: Fulvia, forse, ha avuto una storia con Giorgio. Per Milton si ferma tutto, la lotta partigiana, le amicizie. Ossessionato dalla gelosia, vuole scoprire la verità. E corre attraverso le nebbie per trovare Giorgio, ma Giorgio è stato fatto prigioniero dai fascisti.

Milton percorre una viaggio che sa di eroismo e disperazione al tempo stesso, sullo sfondo delle Langhe attraversate dalla guerra. Un misto di sogno e mistero, inframmezzati dall’ossessione per questo amore tradito e perduto. Milton è un eroe romantico che ricerca la verità sull’amore.

La guerra è oscurità e morte, vista attraverso il sentimento della perdita e dell’abbandono. Sentimenti che i fratelli Taviani riescono a rendere bene, curando la costruzione dei singoli personaggi e del racconto. Una guerra che non si vede nell’azione della lotta armata, quanto piuttosto nel senso di smarrimento e aberrazione dei protagonisti.

Una questione privata (Italia 2017)
REGIA: Paolo Taviani, Vittorio Taviani
ATTORI: Luca Marinelli, Francesco Turbanti, Valentina Bellè, Anna Ferruzzo, Lorenzo Richelmy, Alessandro Sperduti, Guglielmo Favilla
SCENEGGIATURA: Paolo Taviani, Vittorio Taviani
FOTOGRAFIA: Simone Zampagni
MUSICHE: Giuliano Taviani, Carmelo Travia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tratto da altrenotizie.orgTutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l’autore e la fonte.

Lascia un commento