Vamba – Sonetto contro Francesco Crispi

Nero vestito d’un costume bianco
Salìa, scendendo, l’erta della china;
era inerme e tenea la carabina
e gli pendea la sciabola dal fianco.

Da lungi, intanto, la chiesa vicina,
che si scorgea sul destro lato manco,
suonava con rintocco allegro e stanco
le tre pomeridiane, di mattina.

In quel momento ei si fermò, correndo,
chiuse gli occhi, e guardandosi d’intorno,
tacitamente disse: – Salgo o scendo?

E siccome dal pian della montagna
vedea Calatafimi, aggiunse: – Un giorno
questa città sarà la mia campagna!

Lascia un commento