Vittoria Colonna – Amor, tu sai che mai non torsi il piede

Amor, tu sai che mai non torsi il piede
Dal carcer tuo soave, nè disciolsi
Dal dolce giogo il collo, nè ti tolsi
Quanto dal primo dì l’alma ti diede.
Tempo non cangiò mai l’antica fede;
Il nodo è stretto ancor com’io l’avvolsi;
Nè per l’amaro frutto ch’ognor colsi,
L’alta cagion men cara al cor mi riede.
Visto hai quanto in un petto fido ardente
Può far quel caro tuo più acuto dardo,
Contro del cui poter morte non valse,
Fa omai da te che ‘l nodo si rallente:
Chè a me di libertà già mai non calse,
Anzi di ricovrarla or mi par tardo.