Vittoria Colonna – Chi può troncar quel laccio che m’avvinse

Chi può troncar quel laccio che m’avvinse,
Se ragion diè lo stame, amor l’avvolse,
Nè sdegno il rallentò, nè morte il sciolse,
La fede l’annodò, tempo lo strinse?
Chi ‘l fuoco spegnerà che l’alma cinse,
Che non pur mai di tanto ardor si dolse,
Ma ognor più lieta a grande onor sì tolse,
Che nè sospir nè lagrimar l’estinse?
Il mio bel sol, poi che dalla sua spoglia
Volò lontano, dal beato regno
M’accende ancora e lega e in cotal modo,
Che accampando fortuna, forza e ingegno,
Mai cangeranno in me pensieri o voglia;
Sì m’è soave il foco, e caro il nodo!