Vittoria Colonna – Di così nobil fiamma amor mi cinse

Di così nobil fiamma amor mi cinse,
Che poco apprezza il trapassar dell’ore,
E col suo dolce, casto e santo ardore;
Ogni altra nel mio petto altera estinse.
Ricco legame al bel giogo m’avvinse,
Tal che disdegna umil catena il core;
Nè più speranza vuol nè più timore;
L’arse un incendio, un sol nodo lo strinse.
Scelto dardo pungente all’arco tese
Che fe la piaga, ch’or serbo immortale,
Per schermo contra ogni amoroso impaccio.
Amor le faci spense ove l’accese,
L’arco spezzò all’avventar d’un strale,
E ruppe i nodi all’annodar d’un laccio.