Vittoria Colonna – Quand’io dal caro scoglio miro intorno

Quand’io dal caro scoglio miro intorno
La terra e ‘l ciel nella vermiglia aurora,
Quante nebbie nel cor son nate, allora
Scaccia la vaga vista e ‘l chiaro giorno.
S’erge il pensier col sole; ond’ io ritorno
Al mio che ‘l ciel di maggior luce onora,
E da quest’altro par ch’ad ora ad ora
Richiami l’alma al suo dolce soggiorno.
Per l’esempio d’Elia, non con l’ardente
Celeste carro, ma col proprio aurato
Venir se ‘l finge l’amorosa mente,
A cangiarne l’umíl doglioso stato
Con l’altro eterno; e in quel momento sente
Lo spirto un raggio dell’ardor beato.